logo

Duodeno: dov'è negli umani e come fa male

Il duodeno inizia con l'intestino umano - si trova appena dietro lo stomaco ed è relativamente piccolo rispetto ad altre parti di questo organo (vedi foto sopra). Abbreviato anche come WPC.

Perché lo chiamavano così: gli scienziati medievali - gli anatomisti non avevano i moderni mezzi di misurazione, e avendo misurato la lunghezza di questo organo con le dita, ottennero un indicatore di 12 dita di diametro - 25-30 cm.

Funzione duodenale

Il duodeno svolge un ruolo importante nell'intero processo digestivo. Poiché è la parte iniziale dell'intestino, i processi di assorbimento delle sostanze nutritive dal cibo e dal fluido in arrivo sono attivi qui. Porta l'indicatore acido-alcalino del cibo a un livello che sarà perfettamente adatto per le successive fasi di digestione nell'intestino. È in questo organo che inizia lo stadio della digestione intestinale.

Un'altra fase integrale di questa parte dell'intestino è la regolazione degli enzimi pancreatici secreti dal pancreas, così come la bile, a seconda dell'acidità del bolo alimentare e della sua composizione chimica.

Il duodeno influenza il corretto funzionamento della funzione secretoria dello stomaco, poiché si verifica l'interazione inversa. Consiste nell'apertura e chiusura del piloro dello stomaco e nella secrezione umorale.

Evacuazione e funzioni motorie.

Il duodeno ha la funzione di avanzare ulteriormente il chimo, processato dagli enzimi nella sezione successiva dell'intestino tenue. Ciò è dovuto al massiccio strato muscolare della parete duodenale.

Caratteristiche della struttura del corpo (forma, posizione, montatura)

La forma nella maggior parte delle persone è varia, e anche in una persona nel corso della vita, sia la forma che la posizione del duodeno possono cambiare. Può essere a forma di V e assomigliare a un ferro di cavallo, un cappio e altre forme. Nella vecchiaia, o dopo la perdita di peso, viene omesso rispetto a dove il duodeno si trova nelle persone giovani e di mezza età e con peso in eccesso. Ma il più delle volte origina al livello della settima vertebra toracica o prima lombare, che va da sinistra a destra. Poi c'è una curva con discesa alla terza vertebra lombare, un'altra curva con un rialzo parallelo alla parte superiore e l'intestino vicino alla seconda estremità della vertebra lombare.

È attaccato collegando le fibre situate sulle pareti agli organi addominali. La maggior parte di questi supporti nella parte superiore del duodeno, quindi è mobile, può spostarsi da un lato all'altro.

La struttura del muro del duodeno:

  • lo strato esterno sieroso svolge funzioni protettive meccaniche.
  • lo strato muscolare è responsabile della motilità degli organi durante la digestione degli alimenti.
  • lo strato sottomucoso porta i nodi nervosi e vascolari.
  • lo strato interno è una membrana mucosa ricoperta da un gran numero di villi, pieghe e depressioni.

Corpi adiacenti a KDP

Questa sezione dell'intestino è in contatto con altri organi della cavità addominale da tutte le parti:

Questa posizione anatomica del corpo ha un enorme impatto sulle caratteristiche e sul decorso delle malattie che si verificano in esso.

Le malattie più comuni del duodeno.

  • La duodenite è la malattia più comune del duodeno di tipo acuto o cronico, manifestata come infiammazione della mucosa.
  • Ulcera - si sviluppa a causa di duodenite cronica. Lesione cronica del duodeno, in cui si formano ulcere nella membrana mucosa.
  • Il cancro è una neoplasia maligna localizzata in diversi strati della parete duodenale.

duodenite

Più del 90% dei pazienti sviluppa duodenite di tipo cronico. Può svilupparsi a causa di molti fattori, tra cui:

  • consumo di prodotti declassati;
  • abuso di alcol;
  • il fumo;
  • ingresso di corpi estranei e sostanze tossiche;
  • altri disturbi cronici intestinali.

Questa malattia si manifesta sotto forma di dolore epigastrico di moderata intensità, debolezza, eruttazione, bruciore di stomaco, nausea, trasformandosi in vomito. I sintomi sono spesso accompagnati da febbre.

Una variazione di questa infiammazione è bulbi, in cui il processo patologico avviene solo nel bulbo duodenale. Questa forma di duodenite non si pone proprio così - è una conseguenza di altre patologie dell'intestino o dello stomaco. La causa del bulbit può essere:

Se la malattia è in uno stadio acuto, la persona avverte dolore e nausea e soffre di vomito ripetuto. Bulb acuto si sviluppa sullo sfondo della somministrazione a lungo termine di un grande gruppo di droghe o avvelenamento. Il dolore cronico è presente anche nella forma cronica, che può essere accompagnata da nausea.

I pazienti hanno anche un'ostruzione duodenale cronica che si verifica sullo sfondo di processi tumorali, anomalie dello sviluppo e altri disturbi nel duodeno. È espresso in violazione della funzione motoria e di evacuazione in questa parte dell'intestino ed è caratterizzato dai seguenti sintomi:

  • bruciori di stomaco;
  • diminuzione dell'appetito;
  • sensazione di pesantezza e disagio nella regione epigastrica;
  • costipazione;
  • gorgoglio e gorgoglio.

La manifestazione di questa malattia è influenzata dalle cause dell'ostruzione duodenale, dallo stadio dell'evento e dalla durata della malattia.

Ulcera peptica

La causa principale di questa pericolosa malattia è il reflusso di acido dal contenuto gastrico e il suo effetto dannoso sulla mucosa di questa sezione intestinale. Ma questo processo patologico si sviluppa solo quando gli strati superficiali dell'intestino non rispondono alle loro funzioni protettive. L'ulcera è localizzata nella parte iniziale del duodeno e nel bulbo, cioè nella zona dell'intestino che si trova ad una distanza minima dallo stomaco.

Molti gastroenterologi parlano con una sola voce dell'impatto negativo dell'uso frequente di farmaci anti-infiammatori che abbassano la barriera protettiva della mucosa duodenale. Questi farmaci sono aspirina e forme di dosaggio a base di esso, ibuprofene, diclofenac, ecc. Pertanto, se c'è una tale opportunità, è necessario limitare l'assunzione di farmaci di questo gruppo il più possibile.

Anche la duodenite mal curata o trascurata, l'abuso di bevande alcoliche e l'uso di prodotti dannosi per l'organismo possono essere le cause dello sviluppo di un'ulcera duodenale.

Il batterio Helicobacter tende anche a influenzare non solo lo stomaco, ma anche la membrana mucosa del duodeno. È una causa abbastanza comune di patologia ulcerosa, aprendo la strada agli acidi negli strati mucosi dell'intestino. In 19 casi su 20 di ulcerazione di questo organo, il batterio Helicobacter è da biasimare.

sintomi:

Poiché questo disturbo è molto comune nella pratica gastroenterologica, dovresti sapere che tipo di quadro sintomatico si manifesta. Questo dolore parossistico nell'addome superiore leggermente al di sotto dello sterno. Fa male nell'epigastrio durante la sensazione di fame o, al contrario, subito dopo un pasto. Dopo un pasto, sintomi come:

Le principali complicazioni pericolose di questa ulcera duodenale sono il sanguinamento o la perforazione, che richiedono un intervento chirurgico di emergenza. Il sanguinamento è pieno di pericolose perdite di sangue e riempie la cavità addominale. La perforazione avviene quando il cibo con tutti gli enzimi e gli acidi entra nella cavità addominale attraverso l'apertura dell'ulcera formata nell'intestino.

Se l'assistenza medica non viene fornita in tempo, tali complicazioni possono portare alla morte del paziente. Ci sono casi nella pratica medica quando l'ulcera peptica diventa cancerosa.

Un'ulcera, come altre lesioni del duodeno, viene diagnosticata con una procedura di endoscopia. Utilizzando questa procedura, il gastroenterologo può valutare visivamente le condizioni di tutti gli organi dell'apparato digerente. Potrebbe anche essere necessario un esame del sangue, soprattutto se stiamo parlando di ulcera duodenale causata dal batterio Helicobacter. La diagnostica completa può anche includere una biopsia della parte interessata dell'intestino - viene effettuata direttamente durante l'esame endoscopico (una procedura per prelevare una piccola quantità di tessuto malato per l'esame di laboratorio).

Cancro del duodeno

Sfortunatamente, in questo momento, nella pratica medica non ci sono dati accurati sulle cause del cancro del tumore nel corpo. Ma c'è una certa categoria di fattori di rischio che possono innescare un processo maligno nel corpo - e il duodeno non fa eccezione. Questa malattia può causare:

  • predisposizione genetica alle malattie oncologiche;
  • dipendenza: fumo, uso di droghe, alcolismo;
  • diabete mellito;
  • pancreatite cronica;
  • calcoli renali, vescica;
  • mangiare grandi quantità di cibo di origine animale.

Secondo i ricercatori, i componenti del caffè in combinazione con la nicotina possono anche influenzare lo sviluppo del cancro duodenale. Pertanto, i medici non consigliano di essere coinvolti nel caffè: è necessario limitarsi, con un massimo di 2 - 3 tazze al giorno. L'ingestione costante di agenti cancerogeni e sostanze chimiche che hanno un effetto dannoso sull'intero tratto gastrointestinale può anche causare il cancro duodenale. La situazione ecologica sfavorevole nella regione di residenza influenza indubbiamente lo sviluppo di molti gruppi di malattie, comprese quelle oncologiche. Sia gli uomini che le donne oltre i 50 sono a rischio.

La malattia è considerata insidiosa, perché è difficile da diagnosticare nelle fasi iniziali dello sviluppo. I primi segni della malattia possono essere facilmente confusi con i comuni disturbi gastrointestinali. Successivamente, durante lo sviluppo dell'oncologia, si aggiunge dolore a queste sensazioni, specialmente quando una persona sente una sensazione di fame e pesantezza. Il paziente si sente debole, il suo appetito scompare e si osserva una sindrome depressiva. Questi sintomi sono associati al processo di intossicazione.

Una persona con cancro duodenale ha molte più probabilità di avere un risultato normale se il tumore viene rilevato nelle fasi primarie dello sviluppo. Per effettuare una diagnosi accurata, vengono eseguiti un EGD e una biopsia della sezione intestinale interessata, e un complesso di test di laboratorio è collegato ad essi (OAK, tumore marcatore sa 125, ecc.). Dopo di ciò, deve essere urgentemente eseguita un'operazione per rimuovere il tumore e i linfonodi più vicini ad esso.

Da quanto precede, è possibile trarre una conclusione semplice e logica. Il duodeno è, e come tutti gli organi, una parte molto importante del nostro corpo. Svolge funzioni complesse e importanti nel sistema digestivo, quindi tutti dovrebbero considerare attentamente le proprie abitudini alimentari - se possibile, eliminare gli alimenti nocivi dalle loro diete e abbandonare cattive abitudini. Dopotutto, è molto più facile prevenire le malattie che andare dai medici e rimanere in ospedale nella speranza di superarli.

Infiammazione del duodeno (duodenite) - sintomi e caratteristiche del trattamento

L'intestino umano è costituito da diverse sezioni e in ciascuno di essi possono verificarsi processi infiammatori. L'infiammazione nel segmento superiore, nel duodeno, si chiama duodenite. Il duodeno è una sezione intermedia tra l'intestino tenue e lo stomaco e, a causa della sua posizione, corre il doppio rischio di infezione: il percorso discendente insieme al contenuto gastrico e il percorso ascendente - dalle regioni intestinali inferiori.

La duodenite in sé, come una malattia separata, non è comune. Di solito, l'ulcera duodenale è infiammata contro altre malattie del sistema gastrointestinale:

  • gastrite,
  • pancreatite,
  • colecistite,
  • colite e altri.

La frequenza di insorgenza di questa patologia non ha alcuna connessione con l'età o il sesso di una persona, si trova ugualmente in diversi gruppi di pazienti.

Cause dell'infiammazione duodenale

La causa, che porta al processo infiammatorio nel duodeno, è il danno alla mucosa. Molto spesso ciò si verifica quando il contenuto dallo stomaco con una maggiore concentrazione di acido entra. Succo gastrico con proprietà iperacide, penetra nell'intestino, irrita il suo strato mucoso e porta a un'infiammazione acuta.

La duodenite secondaria è una conseguenza del ritardo delle masse alimentari nel segmento duodenale dell'intestino. La causa di questo fenomeno è la duodenostasi - un tono ridotto delle pareti del tubo intestinale, in conseguenza del quale il contenuto dello stomaco si trova nella parte superiore per un lungo periodo e influenza negativamente la mucosa. La duodenostasi può anche essere causata dalla presenza di un ostacolo al passaggio del cibo (aderenze, cicatrici dopo l'infiammazione o la chirurgia).

I fattori che contribuiscono all'insorgenza dell'infiammazione duodenale acuta sono:

  • intossicazione alimentare;
  • abuso di cibi piccanti e bevande alcoliche;
  • ferita oggetto estraneo mucoso.

La malattia cronica si sviluppa sullo sfondo delle patologie dell'apparato digerente:

  • epatite acuta e cronica (danno epatico);
  • colecistite (infiammazione della cistifellea);
  • ulcere gastriche e gastriche (malattie della mucosa gastrica);
  • Morbo di Crohn (malattia cronica intestinale di eziologia sconosciuta);
  • giardiasi;
  • Sindrome di Whipple - una violazione cronica dell'assorbimento di grasso nell'intestino tenue;
  • Malattia di Zollinger-Ellison (tumore pancreatico);
  • ischemia intestinale (disturbi circolatori nella zona intestinale);
  • frequenti manifestazioni dispeptiche (disagio addominale, gonfiore, nausea);
  • diarrea cronica.

Un ruolo speciale nella comparsa di duodenite gastroenterologi dà un'infezione batterica causata da Helicobacter pylori. Questo microrganismo è considerato la principale causa di gastrite e ulcera gastrica. Per lungo tempo, il batterio può esistere asintomaticamente nel corpo e, in presenza di condizioni favorevoli, inizia a moltiplicarsi, stimolando un maggiore rilascio di acido cloridrico nello stomaco. Un ambiente eccessivamente acido viola la mucosa intestinale e se non si libera Helicobacter pylori, la duodenite prima o poi finirà con un'ulcera duodenale.

Lo sviluppo dell'infiammazione cronica è inoltre promosso dall'effetto di condizioni negative per un lungo periodo di tempo:

  • cibo irregolare e malsano;
  • la presenza di focolai di infezioni croniche in altri sistemi corporei (nei genitali, nel rinofaringe, ecc.);
  • grave stress;
  • cattive abitudini;
  • prendendo un certo numero di farmaci.

Sintomi di duodenite

L'infiammazione della parte superiore dell'intestino può passare senza segni pronunciati, ma nella maggior parte dei casi i suoi sintomi si manifestano ancora, costantemente o periodicamente. Si può sospettare che qualcosa sia sbagliato dalla presenza di tali reclami:

  • digestione disturbata, scarso appetito;
  • disagio addominale, specialmente dopo aver mangiato (pesantezza, sensazione di eccesso di cibo);
  • dispepsia persistente: flatulenza, diarrea, eruttazione;
  • nausea e vomito ricorrenti;
  • dolore nell'addome superiore al centro;
  • dolori affamati e notturni di un personaggio lamentoso, che si estende al petto;
  • scarico di sangue con le feci o vomito;
  • anemia, che indica la presenza di sanguinamento interno;
  • stato di debolezza.

In vari tipi di duodenite, il quadro clinico dell'infiammazione può essere diverso, il che consente una diagnosi più accurata basata sull'anamnesi.

  1. Con il lento passaggio del cibo attraverso il tubo duodenale (duodenostasi), il dolore è localizzato nella regione epigastrica e nel giusto ipocondrio. Le sensazioni dolorose sono attacchi, hanno il carattere di scoppiare, torcere. Il dolore è accompagnato da una forte distensione addominale, una sensazione di trasfusione di liquidi, brontolio. Un sapore amaro può apparire in bocca, se il vomito si verifica, allora il più delle volte è la bile.
  2. La combinazione di duodenite con ulcera provoca forti dolori a stomaco vuoto. Sono presenti anche il resto dei sintomi dell'infiammazione, ma è il dolore "affamato" che rende possibile sospettare la presenza di ulcera duodenale.
  3. Se l'intestino sottostante è anche coperto da un'infiammazione, i dolori "scendono" dallo stomaco all'intestino tenue e crasso. Il paziente è disturbato dai disturbi caratteristici della colite, enterite: diarrea, aumento della peristalsi, gonfiore.

Il lungo decorso della malattia porta a conseguenze così gravi come l'atrofia della mucosa duodenale. Questo sconvolge la secrezione degli enzimi digestivi, peggiora la disgregazione del cibo e l'assorbimento dei nutrienti nell'intestino. Questo già minaccia non solo la patologia multipla del tratto gastrointestinale, ma influenza anche il funzionamento degli organi di tutto l'organismo: anemia, carenza di micronutrienti, carenza di vitamine si sviluppa e soffrono di problemi cardiovascolari, muscolari e nervosi. È importante identificare la malattia in una fase iniziale, senza aspettare che causi problemi irreversibili di salute.

Per la diagnosi di duodenite, è necessario contattare uno specialista nel campo della gastroenterologia. Sarà in grado di effettuare una diagnosi preliminare sulla base della raccolta dell'anamnesi e della palpazione dell'addome: durante la palpazione nella zona epigastrica sarà presente il dolore. Per chiarire la natura della duodenite e la sua differenziazione da altre malattie, vengono condotti studi obiettivi:

  1. EFGDS (esophagogastroduodenoscopy) - un tubo (sonda) viene inserito nel paziente attraverso la bocca con una retroilluminazione e una fotocamera che consente di ispezionare la parte superiore del tratto gastrointestinale per patologie.
  2. Se necessario, durante la procedura endoscopica, il biomateriale viene prelevato per l'analisi: viene eseguita una biopsia. La gastrobiopsia mirata consente di rilevare i fuochi di sedimentazione di Helicobacter pylori e di esaminare la mucosa in caso di sospetta malattia tumorale.
  3. L'esame ecografico degli organi addominali oggi è una procedura standard che è utile per rilevare i tumori, modificare le dimensioni degli organi, ecc.
  4. Radiografia dello stomaco e del duodeno: l'introduzione di un mezzo di contrasto aiuta a "illuminare" gli organi digestivi e rilevare i difetti.
  5. Analisi del succo gastrico per studiarne la composizione, il livello di acidità.
  6. Analisi di Helicobacter pylori - per identificare un possibile agente infettivo.
  7. Coprogramma - esame fecale per valutare le prestazioni del tubo digerente.
  8. Esame per tre volte del sangue occulto fecale.
  9. Biochimica del sangue - determina gli indicatori che caratterizzano il lavoro degli organi del tratto digestivo (bilirubina, colesterolo, elettroforesi delle proteine ​​del siero del latte).
  10. Analisi specifica degli anticorpi prodotti nel corpo durante l'eziologia autoimmune della gastroduodenite.

Classificazione della duodenite

Infiammazione del duodeno (duodenite) - una malattia suddivisa in diversi tipi di localizzazione, la natura del flusso, l'agente causale, ecc. Una classificazione approssimativa di questa malattia è la seguente:

  • duodenite acuta - caratterizzata da insorgenza inattesa, sintomi vividi, breve corso, può essere catarrale, forma flemmatica e ulcerosa;
  • infiammazione cronica - c'è molto tempo (fino a diversi anni) con manifestazioni cliniche lievi; può agire come una malattia indipendente (primaria) o come risultato di altre patologie (duodenite secondaria).

2. Secondo la posizione dei fuochi di infiammazione:

  • diffuso (comune);
  • local - popilit (infiammazione della papilla maggiore), bulbit (duodenite prossimale), duodenite post-bulbare (lesione della sezione distale).

3. La profondità delle lesioni della mucosa:

  • superficiale (edema, iperemia);
  • interstiziale (con penetrazione negli strati profondi);
  • atrofico (assottigliamento e assenza di mucosa nell'area dell'infiammazione);
  • erosivo (comparsa di erosione e ferite sulle pareti intestinali).

La duodenite specifica che si è manifestata sullo sfondo di un'infezione fungina, tubercolosi, stati di immunodeficienza, morbo di Crohn e altre malattie si distingue in un gruppo speciale.

Dieta a Diodi

L'obiettivo principale nel trattamento della duodenite è lo sviluppo e l'aderenza alle diete terapeutiche. Il suo principio principale è l'effetto più delicato sulla mucosa dello stomaco e dell'intestino. Questo significa:

  • 5-6 volte il pasto durante il giorno;
  • piccole porzioni;
  • metodo di cottura: al vapore o bollente;
  • la consistenza dei piatti è liquida, semi-liquida, pastosa (il cibo solido deve essere macinato o macinato);
  • la temperatura del cibo è calda; freddo e soprattutto caldo dovrebbe essere evitato;
  • completa esclusione di acido, salato, speziato, affumicato, arrostito, in scatola;
  • rifiuto di alcol.

Una dieta rigorosa deve essere seguita per almeno 10-12 giorni, fino al termine del periodo acuto dell'infiammazione. Nella duodenite cronica, a seconda della forma della malattia e della sua associazione con altre patologie, si raccomanda al paziente di osservare per tutta la vita l'alimentazione dietetica:

  • tabella numero 1, 1b - con varianti ulcerative di sviluppo;
  • tabella numero 2 - con gastrite a bassa acidità;
  • tabella numero 5 - con patologie del fegato, della cistifellea e dei dotti biliari;
  • tabella numero 5p - in presenza di pancreatite.

Ci sono altre opzioni per le diete terapeutiche, che è più adatto per un particolare paziente, dovrebbero essere determinate dal medico dopo l'esame. Le raccomandazioni generali sulla nutrizione per la duodenite sono le seguenti:

  1. Prodotti lattiero-caseari e grassi: latte intero, bevande al latte acido, ricotta fresca, panna acida, formaggi a pasta dura delicati, aggiunta di latte a tè, zuppe, cereali; burro, oli vegetali raffinati; frittata al vapore.
  2. Primi piatti: le zuppe sono consentite su brodo vegetale, brodo di carne debole, sul latte. La consistenza raccomandata è la zuppa cremosa, la zuppa cremosa (tutti gli ingredienti solidi nella zuppa sono aggiunti in una forma squallida).
  3. Cereali e contorni: bolliti in acqua o cereali del latte (riso, grano saraceno, semolino, farina d'avena); pasta piccola, casseruole e budini dai prodotti elencati.
  4. Verdure: patate bollite, carote, zucchine, cavolfiori, broccoli (tutti - sotto forma di purè di patate).
  5. Frutta: frutti e bacche morbidi, non acidi, preferibilmente al forno o bolliti (di composta), sotto forma di mousse.
  6. Carne e pesce - varietà a basso contenuto di grassi sotto forma di carne bollita, cotolette di vapore, polpette di carne e altri piatti a pezzetti.
  7. Bevande: composta da bacche dolci e frutta secca, gelatina, decotto di rosa canina, tè leggero, succhi di verdura diluiti con acqua.
  8. Prodotti di pane: cracker, pane bianco essiccato.

Sotto il divieto di caduta:

  • pane morbido e pasticceria;
  • frittelle, pancakes;
  • fagioli;
  • cereali a grana grossa (orzo, miglio);
  • pasta grande;
  • uova strapazzate e uova sode;
  • latte grosso;
  • formaggi grassi e piccanti;
  • carne e pesce grassi;
  • gelato, dolciumi;
  • tè e caffè forti;
  • soda;
  • alcol;
  • condimenti e salse piccanti;
  • friggere come un modo di cucinare.

Trattamento dell'infiammazione duodenale

Nel trattamento della duodenite vengono combinati metodi di farmaci, fisioterapia e sanatorio-resort. Durante l'infiammazione acuta o l'esacerbazione di una malattia cronica, è indicata la prescrizione della terapia sintomatica:

  1. Per alleviare la sindrome del dolore, si consiglia di assumere farmaci antispastici (No-spa, Drotaverine, Papaverina).
  2. Gli antiacidi (Almagel, Omeprazolo) aiutano a ridurre l'alto livello dell'acidità del succo gastrico.
  3. La protezione della mucosa dello stomaco e del duodeno viene effettuata da composti terapeutici avvolgenti (Vis-Nol, De-Nol).
  4. In caso di rilevamento di Helicobacter pylori, è necessario sottoporsi a un ciclo di terapia antibiotica (Flemoxin Solutab e altri).
  5. Se la causa della duodenite è l'infestazione da vermi, vengono prescritti farmaci per eliminare i parassiti.
  6. Nella diagnosi di duodenostasi, i farmaci che stimolano la motilità (Domperidone, Maalox) aiutano a rafforzare la motilità intestinale.

La forma cronica di duodenite implica una somministrazione a lungo termine di farmaci prescritti da un gastroenterologo:

  • anticolinergici (atropina, gastrotepina, peritolo) riducono il dolore;
  • chelanti e antiacidi (Enterosgel, Smekta, Fosfalyugel) aiutano a proteggere la mucosa dagli effetti dei fattori negativi;
  • i farmaci curativi e antinfiammatori (Duogastron, Methyluracil, vitamina B, estratto di aloe) rafforzano la rigenerazione dei tessuti, prevengono la progressione dell'infiammazione;
  • i bloccanti della dopamina (Reglan, Reglan) combattono la nausea e il vomito in violazione della funzione motoria del duodeno;
  • i sedativi (valeriana, motherwort) fanno fronte a manifestazioni di nevrastenia, spesso associate a duodenite.

L'infiammazione secondaria richiede, soprattutto, di liberarsi della malattia sottostante, solo in questo caso il trattamento della duodenite darà un effetto positivo e duraturo. Una forma piuttosto rara di duodenite - catarro, che è un'infiammazione acuta suppurativa, viene trattata chirurgicamente con una successiva terapia antibiotica. Come aiuto nella duodenite, vengono utilizzate procedure fisioterapeutiche, che vengono eseguite senza esacerbazione della malattia:

  • riscaldando la regione epigastrica;
  • applicazioni di paraffina e ozocerite;
  • ultrasuoni;
  • terapia diadinamica;
  • terapia magnetica;
  • electrosleep;
  • balneoterapia.

La fisioterapia aiuta ad attivare il flusso linfatico e l'apporto di sangue agli organi addominali, riduce il dolore, ha un effetto anti-infiammatorio, migliora la funzione secretoria del sistema digestivo.

Durante la remissione, tutti i pazienti con duodenite vengono trattati in condizioni sanitarie per ridurre la frequenza delle recidive.

Trattamento dei rimedi popolari di infiammazione duodenale (duodenite)

L'autotrattamento con l'aiuto di rimedi popolari nel caso del duodeno non è raccomandato, perché, senza comprendere i tipi e la gravità del processo infiammatorio, è possibile peggiorarlo. Ma come misure ausiliarie nella lotta contro la duodenite, le medicine naturali possono fare un buon lavoro se vengono applicate in aggiunta alle prescrizioni mediche e in consultazione con il gastroenterologo.

Il ricevimento di rimedi popolari dovrebbe essere finalizzato a ridurre l'aggressività del succo gastrico, la protezione dai suoi effetti sulla mucosa intestinale e la sua rigenerazione. La medicina di erbe, i prodotti delle api e gli oli vengono utilizzati con successo per questi scopi.

Ecco le 10 ricette più efficaci per il trattamento dell'infiammazione duodenale:

  1. Droga da aloe. Per oltre un secolo, l'aloe è noto per le sue proprietà antimicrobiche e cicatrizzanti. Determinano l'efficacia di questa pianta nella lotta contro la duodenite. Tuttavia, ci sono alcune sottigliezze che assicurano l'effetto più benefico della medicina: la pianta dovrebbe essere nel range di 3-5 anni, e prima di rompere le foglie, è necessario astenersi dall'irrigazione per circa 2 settimane. Da una libbra di foglie lavate è necessario spremere il succo e metterlo in un contenitore di vetro. Aggiungere ½ litro di vino rosso secco e 500 grammi di miele. Lasciare riposare la miscela per circa 10 giorni, quindi filtrare il liquido e imbottigliare per la conservazione. Regime di trattamento: 1 °, 4 ° e le seguenti settimane - 1 cucchiaino. farmaci dopo colazione, pranzo e cena; 2a e 3a settimana - 1 cucchiaio. bere da aloe nella stessa modalità. Il termine di ammissione - fino a 3 mesi.
  2. Tintura alcolica di propoli. Insistere per 20 giorni 20 grammi di propoli per mezzo litro di alcol al 70%. Metti la bottiglia in un luogo buio e scuotila ogni giorno. Versare 15 gocce di prodotto in un cucchiaio di latte caldo dolce, bere prima dei pasti tre volte al giorno. Questo rimedio è controindicato nei bambini.
  3. Terapia del succo Per il trattamento dei succhi vegetali adatti: cavolo, patate, sedano. Ad esempio, il succo fresco di patate viene bevuto dopo ogni pasto in mezzo bicchiere. Il succo deve essere spremuto dai tuberi con la buccia, è preferibile prendere una varietà con una sfumatura viola. Una miscela di cavolo e succo di sedano in un rapporto di 4 a 1 viene presa 5 volte al giorno a stomaco pieno per un mese, circa un litro di liquido viene preparato al giorno.
  4. Decotto di patate Le patate possono aiutare dalla duodenite non solo sotto forma di succo fresco, e anche l'acqua in cui è bollita è adatta. Il brodo deve essere caldo, senza sale e condimenti. Bere 0,5 a 1 bicchiere se si verificano sintomi spiacevoli.
  5. Olio di olivello spinoso. Questo olio è uno dei più noti agenti di guarigione delle ferite. 1 cucchiaino l'olio, assunto al mattino con il cibo, avvolge lo strato mucoso dello stomaco, l'intestino, riduce l'infiammazione e provoca una rapida riparazione dei tessuti.
  6. Il miele, come sostanza disinfettante e antinfiammatoria, è stato a lungo utilizzato nel trattamento delle patologie del tratto gastrointestinale. Quando la duodenite deve essere consumata sciolta in acqua (1-2 cucchiai di mezzo bicchiere di acqua bollente raffreddata ad una temperatura confortevole) 3 volte al giorno. Il corso del trattamento - fino alla scomparsa dei sintomi della malattia.
  7. Tè alla camomilla Il camomilla è un noto antisettico delle piante, in gastroenterologia è famoso per la sua capacità di distruggere l'Helicobacter pylori, che è responsabile dello sviluppo di gastroduodenite e ulcere. Il tè freddo va bevuto più volte al giorno. La camomilla può essere alternata a una calda infusione di fiori di tarassaco.
  8. Erba. Far bollire 2 bicchieri d'acqua con 2 cucchiai. raccolta di erbe, fresco e ceppo. Prendi mezzo bicchiere di decotto prima di ogni pasto, per 30 minuti. Ingredienti inclusi nella raccolta contro la duodenite: erbe di achillea, borsa da pastore, pascolo d'oca; Althea, erba di grano, melissa, valeriana, radici di tarassaco; foglie di ortica e farfara; fiori di lavanda - ogni materia prima 50 gr.
  9. Jelly. Questa gustosa e salutare bevanda a base di bacche viene utilizzata per il trattamento della duodenite con le cliniche sia superficiali che erosive. Kissel può essere cucinato da bacche diverse, ad eccezione dei mirtilli, ma è meglio cucinarlo dalla rosa canina. Ricetta: versare un bicchiere di frutta con un litro di acqua bollente, lasciare per 1 ora chiuso, filtrare. Scolare il liquido e mettere da parte le bacche. Hanno bisogno di impastare il porridge, versare mezzo litro d'acqua e far bollire per 15 minuti. Filtrare il brodo mescolato con l'infuso raffreddato, aggiungere la rosa canina macinata, mettere sul fuoco. Al momento di bollire per entrare nella bevanda diluita in acqua amido. Bere quando duodenite al posto del tè.
Prevenzione delle malattie infiammatorie del duodeno

La prevenzione primaria della duodenite consiste in un'alimentazione corretta e regolare, escludendo il consumo eccessivo di cibo e alcolici speziati, nonché l'individuazione tempestiva e il trattamento delle patologie gastrointestinali, la rimozione dei parassiti, i focolai di infezione in altri organi.

Se una persona ha già affrontato questa spiacevole malattia, il compito prioritario per lui è quello di rispettare le misure di prevenzione secondaria. Ha lo scopo di prevenire la recidiva e l'ulteriore diffusione del processo infiammatorio, la transizione della duodenite in un'ulcera duodenale.

Un paziente con duodenite è posto sulla registrazione gastroenterologica e si sottopone a esami di routine allo scopo di esaminare e correggere le misure preventive. Di regola, consistono nell'aderire a una dieta, prendendo i farmaci raccomandati, la terapia antiulcera. Ad alto rischio di ulcerazione, l'ospedalizzazione è indicata al paziente per un sollievo rapido ed efficace dello stato pre-ulcera.

Malattie del duodeno

La medicina conosce diverse patologie importanti del duodeno. I sintomi della malattia duodenale differiscono a seconda del tipo di malattia. Più spesso, una persona si trova di fronte a ulcere, duodeniti e tumori in questo organo. Le procedure diagnostiche non sono praticamente diverse, il che non si può dire del trattamento, che si basa sulle caratteristiche dello stato patologico dell'apparato digerente.

Struttura del corpo

Il duodeno fa parte dell'intestino tenue. Prende parte all'assimilazione dei nutrienti e fornisce anche ulteriore trasporto di cibo. Nel duodeno avviene la digestione finale del cibo, poiché secerne la secrezione necessaria per questo. Riceve enzimi, bile e acidi secreti da altri organi (pancreas, fegato). Il duodeno è uno dei componenti più piccoli dell'intestino tenue (30 cm). Il suo nome è dovuto precisamente alla lunghezza di 12 dita. Questa è la parte dell'intestino che parte direttamente dallo stomaco. Tra questi corpi c'è una valvola del cibo. Il duodeno è localizzato nello spazio retroperitoneale ed è diviso in 4 parti:

La membrana mucosa del duodeno è ricoperta di pieghe, villi. Sull'area discendente c'è una papilla maggiore, che contiene il dotto biliare e il dotto pancreatico escretore. Nello strato sottomucoso contengono vasi sanguigni e nervi. Lo strato muscolare del corpo è responsabile della motilità e del tono dell'intestino. La palla sierosa è la protezione del corpo da fattori esterni.

Possibili malattie

Malattie del duodeno - processi infiammatori delle mucose dell'organo, che influenzano il suo funzionamento e la catena digestiva nel suo complesso. Per provocare lo sviluppo di infiammazione possono varie malattie che influenzano le prestazioni dell'intero organismo. Ogni anno, l'età media dei pazienti diminuisce, a causa del ritmo della vita, delle cattive abitudini, del cibo "in movimento" e di altri fattori. Atrofia della membrana mucosa, insufficienza ormonale duodenale, fistola, sanguinamento non sono complicazioni non comuni dei processi infiammatori del duodeno in uno stato trascurato.

Duodenite ulcera duodenale

La duodenite è una malattia del duodeno localizzata nella sezione transizionale dell'intestino. L'infiammazione può essere secondaria (accompagnando un altro disturbo) e primaria. Ciò provoca uno spasmo dello sfintere di Oddi e ispessimento delle pareti del corpo. Spesso si verifica sullo sfondo di insufficienza secretoria. La malattia avviata può condurre all'atrofia della mucosa dell'organo. Vi sono tali segni di patologia, che dipendono dall'incuria del processo e dalla malattia associata:

  • dolori epigastrici - appena sotto lo stomaco smussato o acuto;
  • nausea;
  • impulso emetico;
  • crampi;
  • bruciando nell'esofago;
  • mancanza di energia;
  • gonfiore della mucosa degli organi;
  • sensazione di pienezza nello stomaco dopo aver mangiato.
Torna al sommario

Ulcera peptica

Ulcera duodenale - infiammazione, che è accompagnata dalla comparsa di ulcere sulle mucose dell'organo. La patologia è cronica e spesso ricorre. L'immagine endoscopica mostra un ispessimento della parete intestinale. La malattia può diffondersi in altre parti del tratto gastrointestinale. Se la malattia non viene curata, possono verificarsi fistole, atrofia della mucosa e gravi emorragie, che sono pericolose per la vita del paziente. In assenza di cure mediche adeguate, le complicazioni possono portare a una finale letale.

La causa più comune di ulcera è Helicobacter pylori. Questo tipo di microrganismi patologici colpisce le mucose degli organi digestivi con tossine, la cui secrezione si verifica durante la loro attività vitale. Aumentano la secrezione di enzimi nel corpo. Un'ulcera peptica è spesso secondaria e si verifica in seguito a gastrite, duodenite. Altri motivi:

  • dipendenza genetica;
  • stress e problemi psico-emotivi;
  • bere e fumare;
  • scarsa nutrizione
  • dolore acuto nella regione epigastrica, che spara nella parte posteriore, costole;
  • nausea e vomito dovuti a cibo stagnante;
  • dolore proprio sotto le costole a causa del ristagno della bile;
  • impurità del sangue in masse emetiche e fecali (a volte).

Erosione duodenale

L'erosione è un processo infiammatorio sulla superficie della mucosa di un organo che non penetra nello strato muscolare ed è accompagnato dalla comparsa di siti erosi. All'ecografia c'è un ispessimento della parete del corpo. Per provocare una malattia può:

  • stress e stress psico-emotivo;
  • il fumo;
  • Helicobacter pylori;
  • scarsa nutrizione;
  • farmaci.
L'erosione del duodeno è accompagnata da una serie di sintomi.

Segni del processo patologico:

duodenostasis

La duodenostasi è anche chiamata discinesia - una malattia che colpisce la funzione motoria del duodeno, causando la pappa alimentare (chimo) che non può essere evacuata dall'intestino tenue, causando un lungo ristagno di cibo. La disfunzione è accompagnata dai seguenti sintomi:

  • perdita di appetito;
  • dolore allo stomaco e proprio sotto le costole;
  • nausea;
  • preoccupato per la stitichezza.
  • disturbi endocrini;
  • problemi con il sistema nervoso autonomo e centrale;
  • parassiti;
  • un intervento chirurgico;
  • malattie del duodeno o organi adiacenti.

Infezione parassitaria

I parassiti entrano nel corpo con il cibo, in violazione delle regole basilari dell'igiene. Possono influenzare qualsiasi organo e non si fanno sentire per molto tempo. Uno dei parassiti, che si trova spesso nel duodeno 12, è nematodi (testa curva o necatore). Le larve possono essere trasmesse per via oro-fecale o attraverso i pori della pelle. Sono in grado di infettare non solo il duodeno, ma attraverso il sangue per entrare in altri organi. Nel tempo, si verifica atrofia della mucosa. sintomi:

neoplasie

Il tumore duodenale viene diagnosticato molto raramente, di solito negli anziani. Il suo sviluppo è preceduto dalla displasia. Ci sono 3 gradi di patologia. Nella displasia dello stadio 3, lo sviluppo del cancro è raramente evitato. Con la displasia, la struttura istologica del tessuto epiteliale di un organo è disturbata.

I sintomi sono simili alle altre malattie degli organi:

  • dolore che aumenta la palpazione;
  • mancanza di appetito, persino disgusto per il cibo;
  • mancanza di energia;
  • drammatica perdita di peso;
  • ittero ostruttivo a causa di una compromissione dell'escrezione biliare.

L'iperplasia linfofollicolare è una lesione sottomucosa del duodeno 12 che può diffondersi a tutti gli organi digestivi, ai linfonodi del peritoneo. È anche considerato una condizione precancerosa. Se l'iperplasia linfo-follicolare colpisce in modo massiccio i tessuti intestinali, compaiono segni esterni. Ma se è limitato a una piccola area del duodeno, i sintomi potrebbero non esserlo affatto. Con qualsiasi tumore si manifesta un ispessimento uniforme delle pareti intestinali.

ostruzione

L'ostruzione cronica dell'organo si sviluppa per una serie di ragioni. Tra loro ci sono:

  • giro sbagliato dell'intestino;
  • intestino rovesciato e mobile;
  • malformazioni congenite;
  • compressione vascolare.

I calcoli biliari possono entrare nello stomaco attraverso una fistola tra l'organo e il duodeno o lo stomaco. La pietra migra attraverso il canale alimentare, rimane bloccata nelle sezioni sottili dell'intestino. Questo tipo di ostruzione è raramente diagnosticato. Prima dell'inizio della patologia del paziente, la sindrome del dolore a destra sotto le costole viene disturbata per un lungo periodo. L'ostruzione del piccolo intestino è di solito diagnosticata nelle donne negli anziani.

malformazioni

Lo sviluppo anormale degli organi si verifica raramente. Una delle condizioni patologiche è la stenosi congenita, che viene diagnosticata nelle prime ore della vita di un bambino (vomito, rigurgito, assenza di feci). Il diverticolo (sporgenza del muro) si riferisce a anomalie congenite. Linfangiectasia si riferisce a questo gruppo di malattie. La causa dello sviluppo è l'edema linfatico unilaterale. La linfangiectasia può svilupparsi a causa di altre malformazioni degli organi dell'apparato digerente, ad esempio, sullo sfondo della malattia di Crohn, colite ulcerosa.

Diagnosi delle malattie duodenali

Le malattie del duodeno vengono diagnosticate usando i seguenti metodi:

  • fibrogastroduodenoscopy;
  • analisi bioptica e biopatica;
  • Analisi di Helicobacter pylori;
  • emocromo completo;
  • esame del sangue occulto;
  • ultrasuoni;
  • MR.
Torna al sommario

Principi di trattamento e prevenzione

I metodi di trattamento sono scelti dal medico in base alla patologia. Per trattare il duodeno può:

  • forniture mediche;
  • rimedi popolari;
  • chirurgicamente.
  • antibiotici;
  • farmaci che riducono la secrezione di acido cloridrico;
  • antiacidi;
  • antidolorifici.

Il trattamento dei rimedi popolari consiste nell'assumere farmaci dai componenti che migliorano l'immunità, migliorare la digestione, avere proprietà curative e antibatteriche. Miele, camomilla, propoli, malva di palude, radici di tarassaco, aloe sono usati. Al paziente viene indicata una dieta. Hai bisogno di bere molti liquidi. Il fluido richiesto viene calcolato con la formula: 30 ml per 1 kg di peso. Puoi mangiare cereali (senza rinunciare a semola, grano saraceno, porridge d'orzo), uova, carni magre e pesce, pane di gelatina. E 'vietato mangiare funghi, cibo in scatola, marinate, salsicce, torte. Una tale dieta è la migliore prevenzione delle malattie duodenali.

Infiammazione e trattamento del duodeno

La duodenite è un'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue, che è molto comune, specialmente nei bambini. Questa malattia si verifica in forma cronica o acuta.

I suoi fattori causali vanno da una dieta sbagliata a disturbi ormonali nel corpo di donne e uomini.

Il corpo di cui sopra esegue una serie di funzioni speciali nel corpo umano. Il duodeno è uno degli organi più importanti del sistema digestivo.

Si riferisce alla parte dell'intestino tenue responsabile del metabolismo nel corpo, che regola il tratto gastrointestinale, la produzione di alcuni ormoni e succhi di cibo del pancreas.

Quando vi è un'infiammazione del duodeno, i sintomi e il trattamento di questa malattia saranno interconnessi, poiché un ciclo di terapia può essere prescritto da un medico, basato principalmente sui segni e le manifestazioni esistenti della duodenite.

Il trattamento del duodeno non deve essere effettuato in modo indipendente.

Dopo la comparsa dei primi segni di una malattia come la duodenite duodenite, un bisogno urgente di consultare un medico professionista.

Cause e sintomi

Il duodeno è un componente importante del sistema digestivo, poiché collega lo stomaco e l'intestino tenue.

Se questo organo diventa irritato e ingrandito, l'intero processo di digestione può essere disturbato.

Il trattamento in caso di un processo infiammatorio è necessario per iniziare immediatamente.

L'irritazione causata da alcuni agenti, come acido, droghe e lesioni, provoca un gran numero di casi di infiammazione del duodeno.

Le infezioni rappresentano anche un rischio per questo organo dell'apparato digerente.

Casi progressivi con altri sintomi possono indicare una condizione più grave e cronica, come, ad esempio, il morbo di Crohn.

L'acido è una delle sostanze più potenti in natura. Quando questa sostanza è nello stomaco, agisce in modo particolarmente intenso, perché è coinvolta nel processo digestivo e aiuta a digerire il cibo che è stato ingerito.

Se l'acido dallo stomaco perde negli organi adiacenti con una parete più sensibile, l'acido può avere un effetto negativo.

Si verifica spesso nell'esofago, così come nel duodeno, che porta allo sviluppo del processo infiammatorio.

Le azioni di una persona possono anche portare all'infiammazione del duodeno. In particolare, alcuni farmaci possono danneggiare il duodeno.

Stranamente, questo effetto è spesso causato da farmaci progettati specificamente per combattere l'infiammazione.

Alcune prove suggeriscono che lo stress può anche peggiorare lo stato della parete dell'organo in presenza di infiammazione.

Il danno traumatico può avere un effetto devastante.

L'infezione, in particolare l'infezione batterica, è un fattore causale in molti casi di processi infiammatori, l'infiammazione del bulbo duodenale non fa eccezione.

Il bulbo è localizzato all'uscita del reparto che controlla il flusso di cibo dallo stomaco nella cavità dell'intestino all'inizio del duodeno.

In particolare, un batterio chiamato Helicobacter pylori ha un effetto molto negativo sul sistema digestivo e causa duodenite.

Il duodeno è il luogo preferito da questi batteri, perché l'ambiente consente di secernere un enzima protettivo per i batteri.

Le anomalie strutturali a volte possono causare duodenite. La valvola che separa l'intestino dallo stomaco è principalmente sensibile a vari difetti e anomalie.

Quando si verifica un'anomalia, possono verificarsi spasmi che causano rigetto e perdita di acido.

In alcuni casi, la duodenite può far parte di un disturbo digestivo più comune.

Ad esempio, una delle malattie più comuni caratterizzate dall'infiammazione intestinale chiamata malattia di Crohn colpisce la parete e i tessuti di varie parti del tubo digerente, dall'intestino crasso al duodeno.

Altri sintomi e segni che accompagnano la gastrite o la duodenite possono includere:

  • dolore allo stomaco;
  • mancanza di appetito;
  • diarrea;
  • perdita di peso;
  • febbre;
  • sgabelli sanguinolenti.

Si ipotizza che la combinazione di predisposizione genetica e reazioni errate del sistema immunitario svolga anche un ruolo nello sviluppo di questa condizione.

Gli agenti infettivi possono persino causare alle cellule immunitarie di attaccare erroneamente le cellule normali nel tratto digestivo.

Un processo infiammatorio cronico nel duodeno dell'intestino può causare sintomi sotto forma di ulcere, che sono le aree colpite nel tratto digestivo.

Sebbene un tipo acuto di infiammazione possa non avere sintomi, le ulcere possono causare emorragie interne e dolore allo stomaco.

In rari casi, l'infiammazione del bulbo duodenale e le successive ulcere possono indicare un tumore.

Quando si sviluppa la gastrite o la duodenite duodenale, i sintomi e i segni di queste malattie possono manifestarsi gradualmente, causando disagio.

Includono:

  1. Nausea. Sembra sempre al paziente che inizierà a vomitare, anche in situazioni in cui il cibo non è ancora entrato nello stomaco. Sullo sfondo di persistente nausea, il paziente perde l'appetito. Per alcuni prodotti, il paziente può avere una particolare avversione. In certe situazioni, l'idea stessa di cibo può causare un riflesso di vomito in una persona.
  2. Vomito. Spesso la gastrite e la duodenite causano problemi nel pancreas. Per questo motivo, il corpo non può produrre gli enzimi necessari per digerire il cibo.
  3. Vomito che porta alla disidratazione. Dato il possibile verificarsi di un tale sintomo, è necessario ripristinare il bilancio idrico disturbato.
  4. Crampi allo stomaco. Molto spesso, il dolore acuto può verificarsi nell'addome dopo il sonno, a stomaco vuoto e dopo l'esercizio. Il dolore è solitamente localizzato nelle costole. A causa di crampi allo stomaco, la respirazione potrebbe essere disturbata e potrebbe esserci mancanza di ossigeno.
  5. Diarrea e stitichezza Queste condizioni possono essere accompagnate da una cattiva digestione, una diminuzione del livello di immunità, affaticamento, pallore del viso, una diminuzione del livello di emoglobina e di zucchero nel sangue. La pelle può diventare giallastra, il che indica problemi con la cistifellea e il fegato.
  6. Eruttazione e sensazione di bruciore di stomaco. Inoltre, in bocca si avverte uno sgradevole sapore amaro.

Tutti i sintomi di una forma acuta di infiammazione del duodeno dovuta alla terapia appropriata di solito si interrompono 7-10 giorni dopo l'inizio.

Se non vi è alcun trattamento per la duodenite e la dieta viene gravemente disturbata durante il periodo di recupero, si sviluppa spesso una forma cronica della malattia, caratterizzata da dolore persistente nelle aree epigastriche e dello stomaco, nausea, alternanza di diarrea e stitichezza, gonfiore, anoressia e perdita di peso.

Nel caso di un'infiammazione prolungata nella parete del duodeno e di processi di assorbimento compromessi che forniscono sostanze nutritive a organi e tessuti, altri sistemi nel corpo di una persona malata, in particolare il sistema nervoso, possono soffrire.

In queste condizioni, molto probabilmente, il paziente sarà costretto a eseguire ulteriori trattamenti di altri organi.

trattamento

I medici controllano i sintomi del paziente e conducono un esame fisico durante l'infiammazione del suddetto organo per verificare segni come sensibilità allo stomaco, bruciore di stomaco, eccessiva irritazione o gonfiore, disturbi addominali, eruttazione eccessiva, perdita di appetito, stato di nausea, diarrea e vomito.

Conducono anche uno studio sulla probabile storia familiare della duodenite.

Rapida perdita di peso e organi addominali gonfiati sono alcuni dei segni evidenti che confermano la presenza di duodenite.

Per ulteriori diagnosi, i medici possono raccomandare una biopsia tissutale ed esofagogastroduodenoscopia (procedura endoscopica).

Durante l'endoscopia possono manifestarsi i sintomi della cosiddetta "semolina", che si manifestano come un'eruzione puntata sull'intestino (linfangiectasia).

È inoltre possibile prescrivere esami del sangue, delle feci e delle urine per determinare la diagnosi corretta e accurata della malattia.

Dopo aver esaminato i risultati dell'esame, i medici sviluppano un regime individuale di farmaci. Il corso e la durata variano a seconda delle caratteristiche del corpo di ciascun paziente.

Come trattare il duodeno con l'infiammazione, cioè la duodenite? Nella maggior parte dei casi, il trattamento dell'infiammazione di questo organo implica l'uso dei seguenti farmaci:

  1. Antiacidi e alginati per alleviare i sintomi causati da eccessiva formazione di acido nella cavità dello stomaco (come Maalox, Renny, Relzer, Almagel).
  2. Gli antiacidi del tipo adsorbente con bismuto colloidale (come Vikair, Ventrisol, De Nol, Vikalin), neutralizzano un eccesso di acido cloridrico, proteggono la mucosa duodenale e ne fissano il volume.
  3. Sekretolitikov - significa ridurre la produzione di acido gastrico durante la duodenite (farmaci come Famotidina, Pantoprazolo, Esomeprazolo, Lansoprazolo).
  4. Agenti antiparassitari o antielmintici. Dovrebbero essere scelti solo dopo una chiara identificazione delle specie parassitarie che si sono insediate nel corpo, dal momento che i farmaci antielmintici sono altamente tossici.
  5. Farmaci che agiscono su Helicobacter pylori (se presente nella cavità dello stomaco o del duodeno durante la duodenite). Attualmente esistono diversi schemi di estirpazione intensiva testati a livello internazionale che possono includere combinazioni di diversi antibiotici specifici, secretolitici e bismuto.
  6. Antispastici che eliminano gli spasmi e il dolore che accompagna la duodenite (farmaci come Phenicarabane, Duspatalin, Meteospasmila, Drotaverine).
  7. Regolatori della motilità del duodeno 12 (simile a Domperidone, Motilium, Metoclopramide, Cerucal).
  8. Multienzimi per la correzione della funzione digestiva nei casi di tali malattie come la gastrite o duodenite atrofica (come Panzitrat, Micrasim, Creonte, Hermitital, Pantsinorm).
  9. Cholespasmolitici per rilassare lo sfintere localizzato nell'area della papilla duodenale durante l'infiammazione (Olimetina Platifillina, estratto di belladonna).

I pazienti con infiammazione dell'ulcera duodenale dovrebbero anche cambiare drasticamente la dieta disponibile. A tal fine, quando compare la duodenite, i pazienti devono essere tenuti a dieta.

È desiderabile mangiare frazionario, il volume di porzioni dovrebbe essere piccolo.

Se il paziente sta già effettuando un trattamento con farmaci moderni altamente efficaci, è necessario macinare il cibo solo se esiste una forma grave di duodenite.

Preferito durante la duodenite sono i piatti bolliti, la dieta deve includerli.

Dovrebbero essere caldi, poiché il freddo può aggravare lo spasmo e i disturbi del movimento dello stomaco (durante la malattia, le manifestazioni cliniche del paziente possono riprendere e il dolore può peggiorare).

È consigliabile durante il trattamento della duodenite è quello di escludere dal menu di tutti i prodotti che possono provocare irritazione o danneggiare la parete 12 ulcera duodenale, stimolare la produzione di succo digestivo e modificare la motilità di questo organo.

Questi prodotti includono tutti i tipi di bacche acide, succhi di agrumi, spezie, ketchup, aglio, ravanelli, cipolle, ravanelli, carni grasse, pesce rosso, prodotti affumicati, pesce grasso o brodi di carne, sottaceti, lardo, funghi, crema, latte grasso, sottaceti.

Durante l'infiammazione nel duodeno, il riso, il grano saraceno e il semolino, la farina d'avena, le zuppe mucose e da latte, le uova sode, la gelatina non acida, le omelette, le casseruole e i soufflé di verdure, i fiocchi di latte freschi e magri, le zuppe vegetariane, la carne magra sotto forma di vapore. polpette di carne, gnocchi, polpette di carne, budini, biscotti, pane bianco secco, frutta matura dolce senza fibre grosse.

Dieta in genere include tutti gli alimenti elencati.

Utilizzare al mattino grano saraceno, semolino, porridge di riso è incoraggiato. Per la preparazione del porridge di semola non si dovrebbe usare una grande quantità di latte intero, i cereali dovrebbero essere leggeri.

I cereali devono essere ben bolliti, non aggiungere olio vegetale o burro. Cereali durante la dieta, è preferibile cucinare per colazione, quindi saranno meglio digeriti.

Maggiore attenzione dovrebbe essere prestata ai grassi vegetali, il loro volume è di circa un terzo di tutti i grassi consumati.

La dieta consente l'uso di vari oli vegetali (soia, girasole, mais).

Dopo aver raggiunto la remissione della duodenite, la maggior parte delle restrizioni nutrizionali può essere rimossa. Quando questa dieta è completata, la dieta può corrispondere a una dieta normale di una persona sana.

Il paziente dovrà trattare solo gli effetti residui della malattia.

Un corretto trattamento e dieta durante la duodenite aiutano a minimizzare il rischio di complicanze.

Tuttavia, se si ignorano le raccomandazioni di medici e nutrizionisti, il trattamento prematuro, la gastrite e la duodenite possono creare gravi complicazioni, come l'infiammazione del bulbo duodenale, il sanguinamento interno e la perforazione delle ulcere peptiche.