logo

pancreas

Il pancreas umano è un organo di secrezione endocrina ed esocrina, è coinvolto nella digestione. Nella dimensione è il secondo più grande ferro nel corpo umano dopo il fegato. Ha una struttura alveolare-tubulare, supporta lo sfondo ormonale del corpo ed è responsabile delle fasi importanti della digestione.

La maggior parte del pancreas produce il suo segreto (enzimi), che entrano nel duodeno. Le restanti cellule del suo parenchima producono l'insulina ormonale, che supporta il normale metabolismo dei carboidrati. Questa parte della ghiandola è chiamata le isole di Langerhans o cellule beta.

La ghiandola consiste di tre parti: il corpo, la testa e la coda. Il corpo ha la forma di un prisma, la sua superficie frontale è adiacente alla parete posteriore dello stomaco. La coda della ghiandola si trova vicino alla milza e alla curva sinistra del colon. La testa del pancreas si trova a destra della colonna vertebrale, curva, forma un processo uncinato. Il suo ferro di cavallo piega il duodeno, forma con questa curva. Parte della testa è ricoperta da un foglio di peritoneo.

La dimensione del pancreas è normalmente da 16 a 22 cm. Esternamente, assomiglia alla lettera latina S.

Posizione anatomica

Il pancreas si trova nello spazio dietro il peritoneo, quindi è l'organo più fisso della cavità addominale. Se una persona è in posizione sdraiata, allora sarà davvero sotto lo stomaco. In realtà, si trova più vicino alla schiena, dietro lo stomaco.

La proiezione del pancreas:

  • corpo a livello della prima vertebra lombare;
  • dirigersi a livello della prima e della terza vertebra lombare;
  • la coda è una vertebra superiore al corpo del pancreas.

Anatomia organi vicini: la parte posteriore della sua testa è inferiore cava di Vienna, inizia cancello Vienna, Vienna e l'arteria renale destra, il dotto biliare comune. La parte addominale dell'aorta, i linfonodi, il plesso celiaco si trova dietro il corpo della ghiandola. Lungo il corpo della ghiandola c'è la vena splenica. Parte del rene sinistro, l'arteria renale e la vena, la ghiandola surrenale sinistra si trova dietro la coda. Di fronte al pancreas c'è lo stomaco, è separato da esso dalla sacca omentale.

Rifornimento di sangue

Dai rami comuni dell'arteria epatica partono - arteria pancreaticoduodenale (anteriore e posteriore), portano sangue alla testa del pancreas. Inoltre, è fornito da un ramo dell'arteria mesenterica superiore (arteria pancreatico -ododenale inferiore).
Dall'arteria splenica, ci sono rami per il corpo e la coda della ghiandola (pancreatico).

sangue venoso scorre via dall'organo di milza, mesenterica superiore ed inferiore, sinistra vena pancreatico (affluenti vena porta).
La linfa passa ai linfonodi pancreatoduodenali, pancreatici, pilorici e lombari.

pancreas innervati da nervi dovute splenica, celiachia, epatica, plesso mesenterico e rami superiori del nervo vago.

struttura

Il pancreas ha una struttura lobulare. I lobuli, a loro volta, sono composti da cellule che producono enzimi e ormoni. Le fette o acini sono costituiti da singole cellule (da 8 a 12 pezzi), chiamate cellule pancreatiche esocrine. La loro struttura è caratteristica di tutte le cellule che producono la secrezione proteica. Acini sono circondati da un sottile strato di tessuto connettivo lasso in cui sono vasi sanguigni (capillari), piccoli gangli e fibre nervose. Dai segmenti del pancreas fuori piccoli condotti. Il succo pancreatico attraverso di loro entra nel dotto pancreatico principale, che sfocia nel duodeno.

Il dotto pancreatico è anche chiamato dotto pancreatico o virsungo. Ha un diametro diverso nello spessore del parenchima della ghiandola: nella coda fino a 2 mm., Nel corpo 2-3 mm., Nella testa 3-4 mm. Il condotto entra nel muro del duodeno nel lume della papilla maggiore e ha uno sfintere muscolare alla fine. A volte c'è un secondo piccolo condotto, si apre sulla piccola papilla del pancreas.

Tra i segmenti ci sono cellule separate che non hanno dotti escretori, sono chiamate le isole di Langerhans. Queste aree della ghiandola secernono insulina e glucagone, vale a dire sono la parte endocrina. Le isole pancreatiche sono arrotondate, con un diametro fino a 0,3 mm. Il numero di isolette di Langerhan aumenta dalla testa alla coda. Le isole sono composte da cinque tipi di celle:

  • Il 10-30% sono cellule alfa che producono glucagone.
  • 60-80% delle cellule beta che producono insulina.
  • delta e delta 1 cellule responsabili della produzione di somatostatina, un peptide vasointestinale.
  • 2-5% delle cellule PP che producono polipeptide pancreatico.

Il pancreas ha altri tipi di cellule, di transizione o miste. Sono anche chiamati acinostrovkovymi. Producono uno zimogeno e un ormone allo stesso tempo.

Il loro numero può variare da 1 a 2 milioni, che corrisponde all'1% della massa totale della ghiandola.

Esternamente, il corpo assomiglia a una corda, gradualmente appiattendosi alla coda. Anatomicamente, è diviso in tre parti: il corpo, la coda e la testa. La testa si trova a destra della colonna vertebrale, nella curva del duodeno. La sua larghezza può essere da 3 a 7,5 centimetri. Il corpo del pancreas si trova un po 'a sinistra della colonna vertebrale, di fronte a lui. Il suo spessore è 2-5 cm, ha tre lati: anteriore, posteriore e inferiore. Quindi il corpo continua nella coda, largo 0,3-3,4 cm. Raggiunge la milza. Nel parenchima della prostata dalla coda alla testa è dotto pancreatico, che nella maggior parte dei casi prima dell'entrata nel duodeno è collegato al condotto biliare comune, flussi raramente indipendente.

funzioni

  1. Funzione della ghiandola esocrina (escretoria). Il pancreas produce succo che entra nel duodeno e partecipa alla disgregazione di tutti i gruppi di polimeri alimentari. I principali enzimi pancreatici sono la chimotripsina, l'alfa-amilasi, la tripsina e la lipasi. Tripsina e chimotripsina sono formati sotto l'azione di enterokinase in una cavità del duodeno, dove sono stati depositati in forma inattiva (tripsinogeno e chimotripsinogeno). Il volume del succo pancreatico si forma principalmente a causa della produzione della parte liquida e degli ioni delle cellule dei condotti. Il succo stesso degli acini è di piccolo volume. Durante il periodo di digiuno, meno succo viene rilasciato, la concentrazione di enzimi viene ridotta. Quando si verifica un pasto, il processo inverso.
  2. Funzione endocrina (endocrina). Viene effettuato a causa del lavoro delle cellule delle isole pancreatiche, che producono ormoni polipeptidici nel sangue. Queste sono due funzioni ormonali opposte: insulina e glucagone. L'insulina è responsabile del mantenimento dei normali livelli di glucosio nel siero ed è coinvolta nel metabolismo dei carboidrati. Funzioni del glucagone: la regolazione della glicemia mantenendo la sua costante concentrazione, è coinvolta nel metabolismo. Un altro ormone - somatostatina - inibisce acido cloridrico selezione, ormoni (insulina, gastrina, glucagone), separazione di ioni nelle isolotti di cellule di Langerhans.

Il lavoro del pancreas dipende in gran parte da altri organi. Le sue funzioni sono influenzate dagli ormoni del tratto digestivo. Questa è la secretina, la gastrina, il pancreas. Gli ormoni della tiroide e le ghiandole paratiroidi, le ghiandole surrenali influenzano anche il funzionamento della ghiandola. Grazie al meccanismo ben coordinato di tale lavoro, questo piccolo organo può produrre da 1 a 4 litri di succo per il processo digestivo al giorno. Il succo viene secreto nel corpo umano dopo 1-3 minuti dall'inizio del pasto, e finisce in 6-10 ore. Solo il 2% del succo cade sugli enzimi digestivi, il restante 98% è acqua.

Il pancreas è in grado per qualche tempo di adattarsi alla natura dell'assunzione di cibo. C'è uno sviluppo degli enzimi necessari al momento. Ad esempio, l'uso di grandi quantità di cibi grassi saranno prodotti a più alto lipasi proteine ​​nella dieta - clivaggio tripsina di carboidrati aumentare il livello degli enzimi corrispondenti. Ma non abusare della capacità del corpo, perché spesso un segnale di malessere proveniente dal pancreas arriva quando la malattia è già in pieno svolgimento. L'anatomia della ghiandola provoca la sua reazione in caso di una malattia di un altro organo digestivo. In questo caso, il medico segnerà "pancreatite reattiva" nella diagnosi. Ci sono casi opposti, perché è vicino agli organi importanti (milza, stomaco, reni, ghiandole surrenali). È pericoloso danneggiare la ghiandola in modo che si verifichino cambiamenti patologici nel giro di poche ore.

Struttura del pancreas umano

Il pancreas, l'anatomia e la fisiologia di cui tutti dovrebbero sapere, sono attivamente coinvolti nella vita dell'organismo. È il secondo più grande ferro nel corpo umano dopo il fegato. Situato nella cavità addominale tra lo stomaco e la parte superiore dell'intestino tenue. Il corpo è direttamente coinvolto nella digestione, la sua funzione principale è la produzione di enzimi che contribuiscono alla lavorazione del cibo. Inoltre, il ferro fa parte del sistema endocrino, producendo ormoni coinvolti nel metabolismo dei carboidrati.

L'organo appare nella quinta settimana di gravidanza e completa completamente il suo sviluppo di 6 anni. Nell'adolescenza e nella mezza età, l'organo è caratterizzato da una struttura omogenea e a grana fine, determinata dall'esame ecografico.

La struttura del pancreas

Anatomia del pancreas comprende le seguenti caratteristiche. Il peso approssimativo di un organo è di 100 g, e la sua lunghezza è di 15 cm. In varie patologie, la dimensione dell'organo può variare. Quando si verifica un'infiammazione (pancreatite), la dimensione di solito aumenta, con diminuzione dell'atrofia del ferro.

Il corpo è solitamente diviso in 3 parti: la testa, il corpo e la coda.

Il primo si trova vicino al duodeno. La coda è adiacente alla milza, è più alta della testa e del corpo.

Negli adulti, il bordo superiore della ghiandola è 8-10 cm sopra l'ombelico. Nei bambini, l'organo è più alto, con l'età che cade.

La struttura del pancreas è complessa, in quanto partecipa a due diversi sistemi di organi.

La guaina esterna è costituita da uno strato denso di tessuto connettivo che svolge una funzione protettiva.

Il pancreas si trova in profondità nella cavità retroperitoneale. A causa della posizione anatomica, è ben coperto da danni. Di fronte, è protetto dalla parete addominale e dagli organi interni, e dietro dai muscoli e dalla colonna vertebrale. Conoscendo le caratteristiche della posizione dell'organo nel corpo umano, è possibile diagnosticare la pancreatite o altri disturbi con un ampio grado di sicurezza. Poiché la coda della ghiandola si trova più vicina alla milza, il dolore in caso di funzionalità compromessa non si sentirà solo nella regione epigastrica, ma darà anche l'ipocondrio destro o sinistro (in alcuni casi nella parte posteriore).

La struttura del pancreas ha caratteristiche: il tessuto è costituito da un gran numero di segmenti (acini), divisi per partizioni. Tra gli acini ci sono le isole di Langerhans, che sono le unità strutturali dell'organo. Questi siti sono responsabili della produzione di ormoni endocrini. L'acino è costituito da 8-12 cellule a forma di cono strettamente adiacenti tra loro, tra le quali si trovano i condotti per la secrezione.

Organo di rifornimento di sangue

Per garantire che il pieno funzionamento del ferro abbia un complesso schema di afflusso di sangue, poiché la sua anatomia è complessa e richiede diverse funzioni.

L'arteria pancreatoduodenale superiore ei rami dell'arteria epatica forniscono sangue alla parte anteriore della testa, mentre la regione posteriore viene lavata dall'arteria inferiore.

Il corpo e la coda sono forniti di sangue da rami dell'arteria splenica, che sono suddivisi all'interno del corpo in un gran numero di capillari.

Il deflusso di sangue di scarto è fornito dalle vene pancteroduodenali superiori e inferiori.

Funzione digestiva

Il condotto comune della ghiandola entra nella cavità del duodeno. Ha un inizio nella coda e nella testa si collega ai dotti della cistifellea.

Il ruolo del corpo nella digestione è assicurato dalla produzione e rilascio nel tratto digestivo di tali enzimi digestivi come:

  • lipasi: abbatte i grassi in acidi grassi e glicerina;
  • amilasi - converte i carboidrati complessi in glucosio, che entra nel sangue e dà energia al corpo;
  • tripsina - abbatte le proteine ​​in semplici aminoacidi;
  • Chemotrypsin - svolge la stessa funzione della tripsina.

Il compito degli enzimi: la scissione di grassi, carboidrati e proteine ​​in sostanze semplici e aiuta il corpo nella loro assimilazione. Il segreto ha una reazione alcalina e neutralizza l'acido a cui è stato sottoposto il cibo per l'elaborazione nello stomaco. In caso di patologia (ad esempio, pancreatite), i canali della ghiandola si sovrappongono, le interruzioni segrete si riversano nel duodeno. I grassi penetrano nell'intestino nella sua forma originale, e il segreto ristagna nel condotto e inizia a digerire il tessuto del corpo, con conseguente necrosi e una grande quantità di tossine.

Funzione dell'organo endocrino

Come notato, circa il 2% della massa della ghiandola è occupato da cellule chiamate isolotti di Langerhans. Producono ormoni che regolano il metabolismo di carboidrati e grassi.

Ormoni che producono isolotti di Langerhans:

  • insulina, che è responsabile per il glucosio che entra nelle cellule;
  • glucagone, che è responsabile della quantità di glucosio nel sangue;
  • la somatostatina, che, se necessario, arresta la produzione di enzimi e ormoni.

Durante il giorno, la gente produce fino a 1,5 litri di secrezione.

Anatomia del pancreas

Il pancreas è un organo ghiandolare spaiato situato nello spazio retroperitoneale a livello di 1-11 vertebre lombari. La lunghezza della ghiandola è mediamente di 18-22 cm, il peso medio è di 80-100 g, ci sono 3 sezioni anatomiche: la testa, il corpo e la coda. La testa del pancreas adiacente al duodeno, e la coda si trova nel cancello con.

Quattro fasi del quadro clinico di CP: Fase I. Lo stadio preclinico, che è caratterizzato dall'assenza di segni clinici della malattia e dall'identificazione casuale di cambiamenti caratteristici in CP durante l'esame utilizzando metodi di diagnosi di radiazioni (TC e ultrasuoni della cavità addominale);

Prima dello sviluppo e dell'introduzione generalizzata della diagnosi endoscopica, sono state riscontrate raramente neoplasie benigne nell'area MDP. Negli ultimi anni, in connessione con il miglioramento delle apparecchiature endoscopiche, tumori benigni del BDP durante l'endoscopia con biopsia sono rilevati nel 6,1-12,2% dei casi..

Pancreas: anatomia e fisiologia

Anatomia e fisiologia del pancreas

Il pancreas è un organo molto importante per il corretto funzionamento dell'intero corpo umano.
La sua peculiarità è che svolge simultaneamente due funzioni:

  • esocrino - controlla il processo di digestione, la sua velocità;
  • endocrino - controlla il metabolismo dei carboidrati e dei grassi, supporta il sistema immunitario.
    L'anatomia e la fisiologia del pancreas permettono di comprendere meglio l'unicità di questo organo.

Anatomia del pancreas

Quando il dolore nel pancreas, non è sempre necessario cadere immediatamente sull'operazione, a volte puoi semplicemente.

È un organo allungato con una struttura densa uniforme, è al secondo posto dopo il fegato.
Per una persona sana nell'adolescenza e nella mezza età è caratterizzata da una struttura omogenea della ghiandola. Quando l'ecografia (ecografia) del pancreas, la sua ecogenicità (cioè il riflesso delle onde ultrasoniche dai tessuti dell'organo) è paragonabile ai risultati dello studio del fegato, solitamente descritti come a grana fine e omogenei.
Ma è anche normale considerare una ridotta ecogenicità nelle persone obese e un'elevata ecogenicità nelle persone magre.

Il corpo viene deposto nella quinta settimana di gravidanza. Completo sviluppo del pancreas è completato da sei anni.
Per un neonato, le sue dimensioni sono 5 ÷ 5,5 cm, per un bambino di un anno - 7 cm, per un bambino di 10 anni - 15 cm.
In un adulto, la dimensione del pancreas raggiunge una lunghezza di 16 ÷ 23 cm e uno spessore fino a 5 cm nella parte più ampia.
Il peso del pancreas è di 60 ÷ 80 grammi e nella vecchiaia si riduce a 50 ÷ 60 grammi.
La dimensione del corpo può essere più o meno della norma in caso di varie malattie. Può aumentare con l'infiammazione (pankriatite) a causa dell'edema e spremere gli organi interni adiacenti, che possono anche influire negativamente su di essi. Quando atrofia del tessuto ghiandolare del pancreas (parenchima) c'è una diminuzione delle sue dimensioni.

Pertanto, per qualsiasi sintomo (dolore addominale, dispepsia), si consiglia di consultare un medico e fare un'ecografia.

Il corpo può essere diviso in:

  • La testa è la parte più spessa dell'organo (fino a 5 cm). Si trova nell'ansa a ferro di cavallo del duodeno, leggermente spostata a destra rispetto alla linea della colonna vertebrale.
  • Il corpo del pancreas passa dietro lo stomaco a sinistra e in profondità nella cavità addominale.
  • La coda (fino a 2 cm) è leggermente sollevata verso l'alto e si avvicina alla milza.

Il corpo è costituito dalla parte principale - il parenchima, che è simile nella struttura al cavolfiore. Dall'alto, è coperto da una guaina di tessuto connettivo, chiamata capsula.
Il tessuto parenchima (98% della massa totale del pancreas) è diviso in lobi (acini). Producono succo pancreatico e lo trasferiscono attraverso i micro condotti al canale principale dell'organo, il dotto di Wirsung, che si apre con il dotto biliare nel duodeno, dove avviene la digestione degli alimenti.

Durante il giorno, una persona adulta sana produce 1,5 ÷ 2 litri di succo pancreatico.

Il succo pancreatico contiene:

  • i principali enzimi digestivi sono la lipasi, l'amilasi e la proteasi, che sono coinvolti nella digestione di grassi, proteine ​​e carboidrati;
  • bicarbonati, che creano un ambiente alcalino nel duodeno e quindi neutralizzano l'acido proveniente dallo stomaco.

La pancreatite non è una frase. Dalla mia lunga esperienza, posso dire che aiuta molto.

Il restante 2% dell'organo è occupato da piccole isole di Langerhans, la maggior parte delle quali si trova nella coda. Questi gruppi di cellule che non hanno condotti si trovano vicino ai capillari sanguigni e secernono ormoni direttamente nel sangue, in particolare l'insulina.

L'afflusso di sangue al tessuto pancreatico è dovuto alle grandi arterie da cui partono le piccole arterie pancreatiche. Si espandono e formano una potente rete capillare che permea tutti gli acini (cellule che producono enzimi digestivi), fornendo loro elementi essenziali.
Quando l'infiammazione del ferro può aumentare e spremere le arterie, che peggiora la nutrizione dell'organo e provoca un'ulteriore complicazione della malattia.
Inoltre, nell'infiammazione acuta c'è il rischio di sanguinamento grave che sarà difficile da fermare.

Dov'è il pancreas?

L'organo si trova dietro lo stomaco nella parte sinistra (ad eccezione della testa) della cavità addominale a circa 6 ÷ 8 cm sopra la regione ombelicale (nel punto di transizione dalla spina toracica alla colonna lombare). La sua testa è strettamente coperta dal ciclo del duodeno, il corpo è quasi perpendicolare in profondità, e la coda è lasciata e fino alla milza.

In effetti, il corpo è protetto su tutti i lati:

  • di fronte a lui c'è lo stomaco;
  • dietro - la colonna vertebrale;
  • sul lato sinistro - la milza;
  • sul lato destro - il duodeno.

Fisiologia del pancreas

Questo corpo svolge una duplice funzione:

1. Funzione digestiva (esocrina) del pancreas
Il 98% della massa totale del pancreas è costituito da lobuli (acini). Sono quelli impegnati nella produzione di succo pancreatico, e poi lo passano attraverso i micro condotti al canale principale dell'organo, il dotto Wirsung, che si apre con il dotto biliare nel duodeno, dove avviene la digestione degli alimenti.
Il succo pancreatico contiene:

  • enzimi che convertono grassi, proteine ​​e carboidrati in elementi semplici e aiutano il corpo ad assorbirli, cioè convertendoli in energia o in tessuto organico;
  • bicarbonati, che neutralizzano gli acidi che entrano nel duodeno dallo stomaco.

Enzimi che compongono il succo pancreatico:


Lipasi - abbatte i grassi che entrano nell'intestino a glicerolo e acidi grassi, per un ulteriore ingresso nel sangue.
L'amilasi converte l'amido in oligosaccaridi, che vengono convertiti in glucosio con l'aiuto di altri enzimi, e entra nel flusso sanguigno, da cui viene distribuito come energia in tutto il corpo umano.
Proteasi (pepsina, chimotripsina, carbossipeptidasi ed elastasi) - convertono le proteine ​​in amminoacidi che sono facilmente assorbiti dall'organismo.

L'elaborazione dei carboidrati (saccarosio, fruttosio, glucosio) inizia quando si trovano nella cavità orale, ma solo gli zuccheri semplici sono scomposti qui, e quelli complessi possono essere scomposti solo dall'influenza degli enzimi pancreatici specializzati nel duodeno e anche nell'intestino tenue (maltasi, lattasi e invertasi), e solo dopo che il corpo può assorbirli.

I grassi entrano nel duodeno intatto, e qui inizia la loro elaborazione. Con l'aiuto dell'enzima pancreatico lipasi e di altri enzimi che reagiscono tra loro e formano complessi complessi, il grasso viene scomposto in acidi grassi e attraversa le pareti dell'intestino tenue ed entra nel sangue.

La produzione di enzimi digestivi inizia con il flusso di segnali derivanti dallo stiramento delle pareti del tratto gastrointestinale, così come il gusto e l'odore del cibo, e si ferma quando viene raggiunto un certo livello di concentrazione.

Se il pancreas interrompe la pervietà del dotto (questo si verifica nella pancreatite acuta), gli enzimi vengono attivati ​​nell'organo stesso e iniziano a scomporre i suoi tessuti, e successivamente a causare la necrosi delle cellule ea formare tossine. Allo stesso tempo inizia il dolore acuto. Allo stesso tempo, la dispepsia si verifica nel tratto digestivo a causa della mancanza di enzimi.

2. Funzione ormonale (endocrina) del pancreas
Insieme agli enzimi digestivi, l'organismo produce ormoni che controllano il metabolismo dei carboidrati e dei grassi.
Sono prodotti nel pancreas da gruppi di cellule chiamate isole di Langerhans e occupano solo il 2% della massa dell'organo (principalmente nella parte della coda). Non hanno condotti, si trovano vicino ai capillari sanguigni e rilasciano ormoni direttamente nel sangue.

I seguenti ormoni sono prodotti dal pancreas:

  • insulina, che controlla l'ingresso di nutrienti, in particolare glucosio, nella cellula;
  • Glucagone, che controlla il livello di glucosio nel sangue e attiva la sua produzione dalle riserve di grasso corporeo con quantità insufficiente;
  • somatostatina e polipeptina pancreatica, fermando la produzione di altri ormoni o enzimi in assenza del loro bisogno.

L'insulina svolge un ruolo enorme nel metabolismo del corpo e fornendogli energia.
Se la produzione di questo ormone è ridotta, la persona ha il diabete. Ora dovrà abbassare il livello di glucosio nel sangue con i suoi farmaci per tutta la vita: regolarmente darsi le iniezioni di insulina o assumere farmaci speciali che riducono il contenuto di zucchero.

Pancreas e altri organi nelle vicinanze

La ghiandola si trova nella cavità addominale, intorno a esso si trovano i vasi sanguigni, il fegato, i reni, il tratto gastrointestinale, ecc. Da ciò segue che con la malattia di un singolo organo, il suo ingrandimento o infezione, c'è un pericolo per gli altri, per una buona ragione molte malattie sono le stesse.

Una brutta malattia, ma il mio amico mi ha consigliato di curare la pancreatite, oltre a quello che il medico mi ha prescritto.

Pertanto, l'attività del pancreas è strettamente correlata al duodeno: il succo pancreatico penetra nell'intestino attraverso il dotto di Wirsung, che divide il cibo per il completo assorbimento di sostanze nutritive.
Ad esempio, in un'ulcera duodenale e, di conseguenza, un restringimento del dotto, si verifica l'infiammazione del pancreas (pancreatite). Se la malattia non viene curata, la ghiandola interrompe la produzione di ormoni ed enzimi, il tessuto normale sostituisce gradualmente la cicatrice, l'infezione purulenta che ne deriva porta alla comparsa di peritonite, che può essere fatale.

Inoltre, sia il pancreas che il fegato soffrono molto per l'assunzione di alcool e il fumo - le loro cellule cessano di svolgere le loro funzioni e al loro posto possono apparire tumori maligni.

Struttura del pancreas: anatomia

Il pancreas, il suo scopo nel corpo umano, quali caratteristiche della struttura, anatomia e funzioni del pancreas consideriamo in dettaglio nella nostra recensione.

Quando il dolore nel pancreas, non è sempre necessario cadere immediatamente sull'operazione, a volte puoi semplicemente.

Il pancreas è un organo nella cavità addominale, la più grande ghiandola del corpo. Si riferisce alle ghiandole della secrezione mista. La domanda è: cosa produce il pancreas? Il corpo secerne il succo pancreatico, ricco di enzimi e ormoni responsabili del metabolismo delle proteine ​​carboidrati.

Anatomia del pancreas umano.

La struttura del pancreas umano è rappresentata da un organo lobato a forma di virgola, grigio-rosa. Si trova dietro e leggermente a sinistra dello stomaco. Se una persona viene messa sulla schiena, questo organo sarà sotto lo stomaco, sulla base di questo, il nome "pancreas" è apparso. Assegna il corpo, la testa e la coda del pancreas.

La testa del pancreas è la parte di un organo che si unisce direttamente al duodeno. Sul bordo del corpo e della testa c'è una tacca in cui giace la vena porta. Il corpo del pancreas ha la forma di un prisma triangolare. La parte anteriore è diretta verso la parete posteriore dello stomaco e leggermente verso l'alto. Indietro - alla colonna vertebrale, è in contatto con la vena cava inferiore, l'aorta addominale, il plesso celiaco. La superficie inferiore è diretta verso il basso e leggermente in avanti, situata leggermente al di sotto del mesentere del colon.

La coda della ghiandola ha una forma a pera, corre verso il cancello della milza.

In tutta la ghiandola scorre il condotto Virunga, che sfocia nel duodeno.

Caratteristiche della struttura del pancreas.

La pancreatite non è una frase. Dalla mia lunga esperienza, posso dire che aiuta molto.

Il pancreas è ben fornito di sangue, è nutrito allo stesso tempo da diverse fonti. I rami delle arterie pancreatoduodenali superiori e inferiori sono adatti per la testa, il corpo e la coda sono alimentati dai rami dell'arteria splenica.

L'uscita del sangue avviene attraverso la vena pancreatoduodenale, che fa parte del sistema delle vene portale.

Innervazione del pancreas.

Da parte del sistema nervoso parasimpatico, la ghiandola innerva il nervo vago, il plesso nervoso simpatico.

Struttura istologica del pancreas umano.

Nella sua struttura, il pancreas è un organo alveolare-tubulare piuttosto complesso. La sostanza principale che compone la ghiandola è divisa in piccoli lobuli. Tra i lobuli ci sono vasi, nervi e piccoli dotti che raccolgono il segreto e lo consegnano al condotto principale. Secondo la struttura del pancreas può essere diviso in due parti: endocrino ed esocrino

La parte del pancreas responsabile della funzione esocrina è costituita da acini, che si trovano nei lobuli. Dall'acino nella forma dell'albero escono i dotti: il flusso intralobulare all'interno dell'interlobulare, quindi nel dotto pancreatico principale, che si apre nel lume del duodeno.

Per la funzione endocrina delle isole di Langerhans. Di solito hanno una forma sferica, sono costituiti da insulociti. A seconda della funzione e delle capacità morfologiche, gli insulociti sono suddivisi in β-cellule, α-cellule, Δ-cellule, cellule D, cellule PP.

Funzioni del pancreas.

Le capacità funzionali del pancreas sono divise in due gruppi:

  1. Le capacità esocrine sono nella distribuzione del succo pancreatico, ricco di enzimi coinvolti nella digestione del cibo. Gli enzimi principali prodotti dal pancreas sono amilasi, lipasi, tripsina e chimotripsina. Gli ultimi due sono attivati ​​nel duodeno dall'azione di enterokinase.
  2. Le capacità endocrine sono la secrezione di ormoni coinvolti nel metabolismo dei carboidrati. I principali ormoni che il pancreas secerne sono insulina e glucagone. Questi due ormoni sono completamente opposti nella loro azione. Inoltre, il pancreas produce un ormone neuropeptide, un polipeptide pancreatico e la somatostatina.

Malattie del pancreas.

Tra le malattie del pancreas si possono identificare:

  • Pancreatite acuta. La causa di questa malattia è la sovrastimolazione della funzione secretoria della ghiandola con l'otturazione dell'ampolla della papilla duodenale. Il succo pancreatico viene escreto, ma il suo deflusso al duodeno si rompe, gli enzimi iniziano a digerire la ghiandola stessa. Il parenchima del pancreas aumenta, inizia a esercitare pressione sulla capsula, poiché questo organo è ben innervato e rifornito di sangue, l'infiammazione si sviluppa con rapidità e la sindrome del dolore è fortemente pronunciata. Il paziente sperimenta un dolore epigastrico grave, spesso di natura ghiaiosa. Se non si cerca aiuto nel tempo, può svilupparsi necrosi pancreatica con peritonite. La causa della pancreatite acuta può essere l'intossicazione da alcol, l'uso di cibo dannoso, la presenza di un paziente con colelitiasi.
  • Pancreatite cronicaEsistono diverse forme di pancreatite cronica:

-primaria, la causa può essere l'uso di alcol, droghe, cattiva alimentazione, disturbi metabolici nel corpo;

- secondario, si verifica sulla base di altre malattie nel corpo;

- pancreatite post-traumatica, derivante da lesioni o dopo esami endoscopici.

Una brutta malattia, ma il mio amico mi ha consigliato di curare la pancreatite, oltre a quello che il medico mi ha prescritto.

Manifestazione di pancreatite cronica con insufficienza pancreatica per secernere enzimi. Un'ecografia mostrerà un cambiamento nella struttura del pancreas, la sclerosi dei dotti e la formazione di calcoli in essi (pancreatite calcificata) sono possibili. Le conseguenze della pancreatite cronica possono essere una rottura di tutti i sistemi, questo è direttamente correlato al sistema digestivo ed endocrino.

  • Cisti pancreatiche può essere congenito e acquisito. La causa delle cisti acquisite sono lesioni, pancreatite acuta e cronica. Separatamente, è possibile selezionare le cisti parassitarie, la causa del loro verificarsi è nella maggior parte dei casi di infezione da echinococco.
  • Tumori pancreatici sono divisi in ormoni attivi e ortoni inattivi. Da ormone - attivi includono glucoganoma, insulina e gastrinomu. Questi tumori sono molto difficili da diagnosticare, sono spesso rilevati durante la stadiazione di una comorbidità (diabete mellito). Da ormonalmente inattivo includono il cancro del pancreas. Questo tumore può causare disagio nella regione epigastrica, disturbi dispeptici, una forte perdita di peso. Se il tumore si trova nella testa del pancreas, il paziente può avere ittero ostruttivo. Trattamento di tumori solo chirurgici.

Prevenzione delle malattie del pancreas.

Per rendere la prevenzione delle malattie oncologiche una persona non è forte, gli scienziati non hanno ancora trovato un tale metodo. Ma la prevenzione delle malattie infiammatorie è fattibile per tutti. Le misure preventive sono una dieta corretta e completamente bilanciata, non bere alcolici, evitare situazioni stressanti, aderire al corretto schema del sonno e alla nutrizione.

Dov'è il pancreas, la struttura del corpo e le funzioni nel corpo

Il pancreas appartiene agli organi digestivi. Nella sua parte esocrina, vengono prodotti enzimi ed elettroliti, che entrano nel lume intestinale e partecipano al processo di digestione degli alimenti. Inoltre, nella struttura del corpo ci sono gruppi di cellule che svolgono la funzione endocrina. Queste sono le isole di Langerhans, che producono ormoni che aiutano a mantenere l'equilibrio del glucosio nel corpo. La sconfitta della ghiandola endocrina porta allo sviluppo del diabete, ed esocrino - alla pancreatite.

Proiezione dell'organo alla parete addominale anteriore

Il pancreas si trova nella cavità addominale al livello 1 e 2 delle vertebre lombari. Si trova dietro il peritoneo e all'esterno è coperto da una capsula di tessuto connettivo. Dietro di esso sono l'aorta, la vena cava sinistra e inferiore, la colonna vertebrale si trova, e davanti - lo stomaco.

La ghiandola è composta da due parti: esocrina ed endocrina. Ognuno di loro svolge diverse funzioni.

Il corpo ha una forma allungata. Le seguenti parti si distinguono nella sua struttura:

La testa della ghiandola è leggermente appiattita e circondata su tre lati dal duodeno - dall'alto, dal lato e dal basso. La sua superficie posteriore è adiacente alle porzioni renali e iniziali destra delle vene portale. Anteriore alla ghiandola è il lato destro del colon.

Il corpo ha la forma di un prisma. La sua superficie frontale è coperta dal peritoneo e delimitata dallo stomaco, mentre la superficie posteriore è a contatto con la colonna vertebrale, l'aorta, la vena cava inferiore e il plesso celiaco. La parte inferiore è più stretta e solo parzialmente coperta dal peritoneo. L'arteria e la vena splenica sono adiacenti alla parte superiore del corpo. La coda della ghiandola è diretta a sinistra e si trova appena sopra la testa. È adiacente alla superficie viscerale della milza. Dietro è la parte superiore del rene sinistro con la ghiandola surrenale.

Anatomia e topografia del pancreas

Con l'aiuto di setti di tessuto connettivo (trabecole), lo spessore della ghiandola è diviso in lobuli. Contengono sezioni secretorie - acini pancreatici, ciascuno dei quali consiste di 8-14 cellule piramidali. Queste formazioni svolgono una funzione esocrina. Di loro iniziano a inserire il solco, che poi si fondono in intralobulare e interlobulare. Questi ultimi passano nelle trabecole e formano il principale escretore, o condotto di Wirsung. Ha origine nella zona della coda, passa attraverso il corpo e la testa, e quindi fluisce nel lume della parte discendente del duodeno. La sua sezione terminale ha uno sfintere formato da un ispessimento dei muscoli circolari. Il condotto principale si apre nella zona della papilla maggiore, insieme alla bile comune, che proviene dalla cistifellea. Le opzioni sono possibili quando i loro fori si trovano separatamente. Nella ghiandola c'è un condotto supplementare, il cui contenuto entra anche nel duodeno. Spesso ha anastomosi collegandolo con quello principale.

Nei neonati, il ferro è un po 'più alto e più mobile. La sua lunghezza è di 4-5 cm e il suo peso è di 2-3 g. Entro 4 mesi la massa dell'organo è raddoppiata. Tipico per un adulto, la posizione e l'aspetto del ferro richiede 5-6 anni.

Dimensioni normali e peso del pancreas negli adulti:

Capitolo II Anatomia e fisiologia del pancreas

2.1. Anatomia del pancreas

Il pancreas si sviluppa dalla parte anteriore-superiore della parte centrale del tubo intestinale primario, formando da due protrusioni endodermiche, o gemme, dorsale e ventrale (Leporsky NI, 1951). La parte principale della ghiandola e il dotto escretorio aggiuntivo si sviluppano dalla gemma dorsale. La gemma ventrale cresce dai lati del dotto biliare comune, al posto della sua confluenza nel duodeno; da esso forma il principale dotto pancreatico e il tessuto ghiandolare, fondendosi nel successivo con il segnalibro dorsale.

In un adulto, la forma, le dimensioni e il peso della ghiandola variano ampiamente (Smirnov, AV, et al., 1972). Secondo la forma, ci sono tre tipi di ghiandole: a forma di cucchiaio, o linguale, a forma di martello e a forma di L. Non è possibile stabilire alcuna connessione tra la forma del pancreas e la forma dell'addome, così come la struttura del corpo. Visto dall'alto, si può vedere che il pancreas si piega due volte, piegandosi attorno alla colonna vertebrale. Piega anteriore - rigonfiamento in avanti (tubercolo riempitivo) si forma quando la ghiandola nella linea mediana attraversa la colonna vertebrale e il retro-rigonfia all'indietro - alla giunzione della ghiandola dalla superficie anteriore della colonna vertebrale alla parete addominale posteriore.

Nella ghiandola ci sono la testa, il corpo e la coda. Tra la testa e il corpo c'è un restringimento - il collo; al semicerchio inferiore della testa, di regola, il processo a forma di uncino è evidente. La lunghezza della ghiandola varia tra 14-22 cm (Smirnov AV et al., 1972), il diametro della testa è 3,5-6,0 cm, lo spessore del corpo è 1,5-2,5 cm, la lunghezza della coda è fino a 6 cm Peso della ghiandola - da 73 a 96 g.

Poiché il pancreas si trova retroperitoneale, dietro lo stomaco, può essere visualizzato senza sezionare i legamenti dello stomaco e del fegato solo con gastroptosi grave ed emaciazione. In questi casi, il ferro è sopra la piccola curvatura, giace quasi apertamente davanti alla colonna vertebrale, coprendo l'aorta sotto forma di un rullo trasversale. Normalmente, la testa del pancreas esegue il ferro di cavallo del duodeno, e il suo corpo e la sua coda, gettati sopra la vena cava inferiore, la colonna vertebrale e l'aorta, si estendono alla milza a livello

I - III vertebre lombari. Nel corpo, le ghiandole differenziano le superfici anteriore-superiore, anteroposteriore e posteriore. La proiezione del corpo sulla parete addominale anteriore si trova a metà strada tra il processo xifoideo e l'ombelico. Nella parte ristretta dell'organo (collo) tra la parte orizzontale inferiore del duodeno e la testa della ghiandola passa la vena mesenterica superiore che, unendosi alla vena splenica, forma una vena porta; a sinistra della vena mesenterica è l'arteria mesenterica superiore. All'estremità superiore del pancreas o sotto di essa ci sono l'arteria e la vena splenica. La linea di attaccamento del mesocolon trasverso corre lungo il bordo inferiore della ghiandola. Di conseguenza, nella pancreatite acuta già nella fase iniziale, si verifica una paresi intestinale persistente. La coda del pancreas passa sopra il rene sinistro. Dietro la testa ci sono la vena cava inferiore e le vene del portale, così come i vasi del rene destro; i vasi del rene sinistro sono in qualche modo coperti dal corpo e dalla parte della coda della ghiandola. Nell'angolo tra la testa del pancreas e la transizione della parte orizzontale superiore del duodeno in discendente è il dotto biliare comune, che è spesso completamente circondato da tessuto pancreatico e sfocia nella papilla maggiore del duodeno.

Il dotto pancreatico accessorio scorre anche nel duodeno, che, come un dotto biliare comune e un dotto pancreatico, ha molte varianti di confluenza.

Il principale dotto pancreatico si trova lungo l'intera ghiandola. Di solito va centralmente, ma sono possibili deviazioni da questa posizione di 0,3-0,5 cm, più spesso da dietro. Nella sezione trasversale della ghiandola, l'apertura del condotto è rotonda, biancastra. La lunghezza del condotto varia da 14 a 19 cm, il diametro nella zona del corpo - da 1,4 a 2,6 mm, nella regione della testa fino al punto di confluenza con il dotto biliare comune - da 3,0-3,6 mm. Il principale dotto pancreatico è formato come risultato della fusione di dotti escretori intra-e inter-lobulari del primo ordine (fino a 0,8 mm di diametro), che a loro volta sono formati dalla fusione di condotti di ordine dal secondo al quarto. Per tutta la sua lunghezza, il condotto principale riceve da 22 a 74 canali del primo ordine. Esistono tre tipi di struttura della rete duttale della ghiandola. Nel caso di un tipo sciolto (50% dei casi), il condotto principale è formato da un gran numero di piccoli dotti escretori del primo ordine che scorre a una distanza di 3-6 mm l'uno dall'altro; nel tipo di tronco (25% dei casi) - dai grandi condotti del primo ordine, che cadono a una distanza di 5-10 mm; al tipo intermedio - da condotti piccoli e grandi. Il dotto pancreatico accessorio si trova nella testa della ghiandola. È formato dai dotti interlobulari della metà inferiore della testa e dal processo a forma di uncino. Il condotto accessorio può aprirsi nel duodeno, nella piccola papilla duodenale in modo indipendente o scorrere nel pancreas principale

il condotto del cielo, cioè, non ha uno sbocco indipendente nell'intestino. La relazione tra i principali dotti biliari pancreatici e comuni è di grande importanza nella patogenesi della pancreatite e per le misure terapeutiche. Esistono quattro varianti principali delle relazioni topografiche-analoghe tra le sezioni terminali dei condotti.

1. Entrambi i dotti formano un'ampolla comune e si aprono nella grande papilla duodenale. La lunghezza della fiala varia da 3 a 6 mm. La parte principale delle fibre muscolari dello sfintere di Oddi si trova distalmente alla giunzione dei condotti. Questa opzione si trova nel 55-75% dei casi.

2. Entrambi i dotti si aprono insieme nella grande papilla duodenale, ma si fondono nel punto di confluenza, quindi non c'è un'ampolla comune. Questa opzione si trova nel 20-33% dei casi.

3. Entrambi i dotti si aprono separatamente nel duodeno ad una distanza di 2-5 mm l'uno dall'altro. In questo caso, il principale dotto pancreatico ha la propria polpa muscolare. Questa opzione si trova nel 4-10% dei casi.

4. Entrambi i dotti passano l'uno vicino all'altro e si aprono autonomamente nel duodeno, senza formare un'ampolla. Questa opzione viene raramente osservata.

Essendo nella relazione anatomica più stretta con le vie biliari e il duodeno, il principale dotto pancreatico e l'intero pancreas sono coinvolti nei processi patologici che si sviluppano in questa zona.

La superficie anteriore del pancreas è ricoperta da un foglio di peritoneo molto sottile, che scende fino al mesocolon trasverso. Spesso questo volantino è chiamato capsula del pancreas, sebbene quest'ultimo, in quanto organo retroperitoneale, non abbia capsula.

La questione di avere la tua capsula ghiandola è controverso. La maggior parte dei chirurghi e degli anatomisti ritengono che il pancreas sia denso (Vorontsov IM, 1949; Konovalov VV, 1968) o una capsula sottile (Saysaryants GA, 1949), che dovrebbe essere sezionato nel trattamento della pancreatite acuta (Petrov BA, 1953; Lobachev SV., 1953; Ostroverkhov G.Е., 1964, ecc.). Tuttavia, V.M. Resurrezione (1951) e N. I Leporsky (1951) nega l'esistenza di una capsula, considerando che di solito è presa per il peritoneo parietale o gli strati densi di tessuto connettivo che circonda la ghiandola. Secondo N.K. Lysenkova (1943), proprio per l'assenza di una capsula, la struttura lobulare della ghiandola è così chiaramente visibile. Un numero di guide anatomiche non menziona la capsula, ma afferma che il pancreas anteriore è coperto da peritoneo, che forma la parete posteriore del premistoppa. AV Smirnov et al. (1972) per accertare la presenza di una capsula, fu applicata una tecnica di taglio istotopografico. Le sezioni della ghiandola sono state fatte in tre diversi piani. 1 studio ha dimostrato che la ghiandola è ricoperta da una sottile striscia di tessuto connettivo costituito da sottili fibre di collagene. Questa striscia ha lo stesso spessore in tutto; le partizioni del tessuto connettivo che separano il parenchima della stessa esa in lobuli separati sono separate dall'interno dell'organo. Queste partizioni nell'area delle cime dei lobi si fondono tra loro, grazie alle quali ogni lobulo ha la propria capsula del tessuto connettivo. Separare la capsula dal parenchima è estremamente difficile, in quanto è facilmente strappabile.

Apparentemente, si deve presumere che, anche se esiste una capsula sottile, è saldamente saldata al peritoneo parietale, che rompe la superficie antero-posteriore della ghiandola, che è impossibile separarli con un'accurata preparazione idraulica. Inoltre, questa capsula peritoneale è strettamente connessa con il parenchima della ghiandola ed è impossibile separarla da quest'ultima senza il rischio di danneggiare il tessuto della ghiandola. Pertanto, dal punto di vista della chirurgia pratica, non importa se c'è una capsula di peritoneo o solo il peritoneo, la cosa principale è che l'istruzione è inseparabile dal parenchima della ghiandola.

La fissazione del pancreas è effettuata da quattro legamenti, che sono le pieghe del peritoneo. Questo è il legamento pancreatico-gastrico sinistro, in cui passa l'arteria gastrica sinistra, il legamento pancreatico-gastrico destro, passando alla porzione terminale della minore curvatura dello stomaco (Frauchi VK, 1949), legamento pancreatico-splenico, passando dalla coda della ghiandola pancreatica alla porta della milza e il legamento pancreatico-duodenale, espresso piuttosto debolmente. VI Kochiashvili (1959) nota anche il proprio gruppo di processi uncinati. Il pancreas è l'organo addominale più fisso, grazie al suo apparato legamentoso, all'intima connessione con il duodeno e alla sezione terminale del dotto biliare comune, situato vicino ai grandi tronchi seriali e venosi.

La posizione retroperitoneale dell'organo, così come la transizione adiacente dei Bruins dalla superficie anteriore della ghiandola ad altri organi, determinano l'estensione delle false cisti, che di solito si formano dove la bruine è la meno sviluppata, cioè nel premistoppa.

L'apporto di sangue al pancreas (Fig. 1) è effettuato da ex fonti: 1) l'arteria gastro-duodenale (a. Gastroduodena-); 2) l'arteria splenica (a. Lienalis); 3) arterie pancreatoduodenali-.IX inferiori (a. Pancreatoduodenalis inferiore).

L'arteria gastro-duodenale emana dall'arteria epatica comune e, abbassandosi, passa medialmente dall'ulcera duodenale; prima della testa del pancreas, è divisa in rami terminali che forniscono sangue alla testa della ghiandola, il duodeno e parte dell'omento.

L'arteria splenica è il ramo più grande del tronco celiaco. Occasionalmente, può spostarsi direttamente dall'aorta o dall'arteria mesenterica superiore. Il luogo dove inizia l'arteria splenica si trova solitamente al livello della vertebra lombare. L'arteria si trova sopra la vena splenica nel solco dell'arteria splenica, corre orizzontalmente, curvando verso l'alto lungo il margine anteriore del pancreas. Nell'8% dei casi, si trova dietro al pancreas, e nel 2% - di fronte ad esso. Attraverso il legamento diaframmatico-splenico, l'arteria si avvicina alla milza, dove è divisa nei suoi rami finali. L'arteria splenica del pancreas dà 6-10 piccole arterie pancreatiche, fornendo così il corpo e la coda del pancreas. A volte, proprio all'inizio dell'arteria splenica, l'arteria posteriore del pancreas, che passa posteriormente, si avvicina al pancreas. Anastomoses con pozadiadvenadtsatpernoy e le arterie pancreatiche-duodenali più basse.

Fig. 1. L'afflusso di sangue al pancreas (Voylenko VN et al., 1965).

1 - a. hepatica communis;

2 - a. gastrica sinistra;

3 - truncus celace;

5 - a. mesenterica superiore;

6 - a. pancreasticoduodenalis inferiore anteriore;

7 - a. pancreaticoduodenalis inferiore posteriore;

8 - a. pancreasticoduodenalis superiore anteriore;

9 - a. gastro-epiploica dextra;

10 - a. pancreasticoduodenalis superiore posteriore;

11 - a. gaslroduodenalis;

12 - a. hepatica propria;

13 - a. pancreatica inferiore;

14 - a. pancreatica magna;

15 - a. pancreatica caudalis

Nel 10% dei casi, l'arteria pancreatica inferiore lascia la parte distale dell'arteria splenica, che fornisce sangue al corpo e alla coda del pancreas e, anastomizzando con i vasi arteriosi della testa, forma l'arteria grande del pancreas. Le arterie pancreatoduodenali inferiori partono dall'arteria mesenterica superiore. Forniscono la parte orizzontale inferiore del duodeno e danno rami lungo la superficie posteriore della testa fino al bordo inferiore del corpo del pancreas. L'arteria mesenterica superiore inizia dalla parete anteriore dell'aorta a livello delle vertebre lombari I - II ad una distanza di 0,5-2 cm dal tronco celiaco (ma può anche discostarsi con il tronco celiaco e l'arteria mesenterica inferiore) e passa davanti alla parte orizzontale inferiore del duodeno, a sinistra della vena mesenterica superiore, tra i due fogli del mesentere. Il suo inizio attraversa obliquamente posteriormente la vena epatica sinistra, e di fronte - la vena splenica e il pancreas (il luogo di transizione della testa nel corpo della ghiandola). L'arteria scende sotto il pancreas, quindi scende. Il più delle volte, si gira a destra e si biforca a destra dell'aorta.

L'uscita del sangue dal pancreas avviene attraverso la vena pancreatoduodenale posteriore superiore, che raccoglie il sangue dalla testa ghiandolare e lo porta alla vena porta; vena pancreatoduodenale anteriore superiore, che scorre nel sistema della vena mesenterica superiore; vena pancreatoduodenale inferiore, che scorre nella vena mesenterica superiore o enterica. Dal corpo e dalla coda, il sangue attraverso le piccole vene pancreatiche scorre attraverso la vena splenica nella vena porta.

I vasi linfatici del pancreas formano una rete densa, ampiamente anastomitante con i vasi linfatici della cistifellea, il dotto biliare. Inoltre, la linfa scorre alle ghiandole surrenali, al fegato, allo stomaco e alla milza.

Le origini del sistema linfatico del pancreas sono gli spazi tra le cellule del tessuto ghiandolare. Unendo insieme, le lacune del tessuto formano i sinuosi capillari linfatici con rigonfiamenti simili a fiaschi. I capillari si fondono anche, formando vasi linfatici, ampiamente anastomosi tra di loro. Esiste una rete linfatica profonda del pancreas, costituita da vasi di piccolo calibro e superficiali, formati da vasi di un calibro più grande. Con l'aumento del calibro della nave e man mano che si avvicina al linfonodo regionale, il numero di valvole in esso contenute aumenta.

Intorno al pancreas si trova un gran numero di linfonodi. Secondo la classificazione di A.V. Smirnova (1972), tutti i linfonodi regionali del primo ordine sono divisi in 8 gruppi.

1. Linfonodi lungo i vasi splenici. Consistono di tre catene principali che si trovano tra i vasi splenici e la superficie posteriore del pancreas. Il deflusso della linfa passa dal corpo della ghiandola in tre direzioni: ai nodi nell'area delle porte della milza, ai linfonodi del gruppo celiaco e alla parte cardio dello stomaco.

2. Linfonodi localizzati lungo l'arteria epatica e distesi nello spessore del legamento epato-duodenale. Viene eseguita la fuoriuscita della linfa dalla metà superiore della testa della ghiandola ai linfonodi del secondo ordine, situati nel tronco dell'arteria celiaca, intorno all'aorta e alla vena cava inferiore.

3. Linfonodi lungo i vasi mesenterici superiori. Sono responsabili del flusso di linfa dalla parte inferiore della testa della ghiandola ai linfonodi paraaortici e al tronco linfatico lombare destro.

4. Linfonodi lungo il solco pancreatico-duodenale anteriore, che si trova tra la testa della ghiandola e il duodeno. L'uscita della linfa passa dalla superficie anteriore della testa della ghiandola ai linfonodi del mesentere del colon trasverso e del legamento epatoduodenale.

5. Linfonodi lungo il solco pancreatico-duodenale posteriore, situato retroperitoneale. Sono responsabili del deflusso della linfa dalla superficie posteriore della testa ai linfonodi del legamento epato-duodenale. Con lo sviluppo del processo infiammatorio in questo gruppo o linfangite cancerosa, si verificano massicce adesioni con il dotto biliare comune, il portale e la vena cava inferiore e il rene destro.

6. Linfonodi lungo il bordo anteriore del pancreas. Si trovano in una catena lungo la linea di attacco del mesentere del colon trasverso alla testa e al corpo della ghiandola. Il deflusso della linfa passa principalmente dal corpo della ghiandola al gruppo dei nodi celiaci e ai linfonodi della porta della milza.

7. Linfonodi nell'area della coda della ghiandola. Situato nello spessore dei legamenti pancreas-splenici e gastro-splenici. Rimuovono la linfa dalla ghiandola caudale ai linfonodi delle porte della milza e il maggiore omento.

8. Linfonodi alla confluenza del dotto biliare comune con il dotto pancreatico principale. Linfodrenaggio dai vasi linfatici che accompagnano il dotto pancreatico principale al gruppo celiaco di nodi, mesenterica superiore e lungo il legamento epato-duodenale.

Tutti e 8 i gruppi sono anastomizzati l'uno con l'altro, così come con il sistema linfatico dello stomaco, del fegato e degli organi vicini. I linfonodi regionali di primo ordine sono principalmente il pancreas anteriore e posteriore.

nodi e nodi duodenali che si trovano nell'area della coda lungo i vasi splenici. I nodi regionali del secondo ordine sono i nodi celiaci.

Nel pancreas ci sono tre propri plessi nervosi: il pancreas anteriore, il posteriore e l'inferiore. Si trovano negli strati superficiali del parenchima sui corrispondenti lati della ghiandola e sono una rete nervosa ad anello interlobulare sviluppata. All'intersezione delle anse della rete nervosa superficiale ci sono i noduli nervosi, da cui le fibre nervose penetrano nella ghiandola e penetrano nel tessuto connettivo interlobulare. Branching, circondano i lobi della ghiandola e danno rami ai condotti.

Secondo la struttura istologica del pancreas è una complessa ghiandola tubulare-alveolare. Il tessuto ghiandolare è costituito da lobi di forma irregolare, le cui cellule producono il succo pancreatico e da un gruppo di cellule speciali di forma arrotondata - le isole di Langerhans, che producono ormoni. Le cellule ghiandolari hanno una forma conica, contengono un nucleo che divide la cellula in due parti: una larga base e una conica apicale. Dopo la secrezione del segreto, la zona apicale diminuisce bruscamente, anche l'intera cellula diminuisce di volume ed è ben delimitata dalle cellule vicine. Quando le cellule sono piene di segreti, i loro confini diventano poco chiari. La ghiandola endocrina costituisce solo l'1% di tutto il tessuto ed è dispersa come isolette separate nel parenchima dell'organo.

Sulla base delle caratteristiche anatomiche del pancreas, si possono trarre le seguenti conclusioni pratiche:

1. Il pancreas è strettamente connesso con gli organi circostanti e, soprattutto, con il duodeno, quindi i processi patologici che si verificano in questi organi causano cambiamenti in esso.

2. A causa della presenza profonda della ghiandola nello spazio retroperitoneale, non è disponibile per l'esame con metodi convenzionali e la diagnosi delle sue malattie è difficile.

Le relazioni complicate tra enzimi, proenzimi, inibitori, ecc., Secrete dalla ghiandola, talvolta fungono da causa di una reazione che non è stata ancora studiata, il che si traduce nell'auto-digestione del tessuto pancreatico e degli organi circostanti, che non è suscettibile di correzione farmacologica.

3. La chirurgia del pancreas è molto difficile a causa del suo stretto contatto con grandi arterie e vene; questo limita le possibilità del trattamento chirurgico e richiede una buona conoscenza dell'anatomia di quest'area da parte dei chirurghi.