logo

Antibiotici intestinali

Le infezioni intestinali sono la seconda malattia più comune. Il primo posto è tradizionalmente occupato dalla SARS. Ma per il trattamento di antibiotici intestinali vengono utilizzati solo nel 20% di tutti i casi diagnosticati.

L'indicazione per prescrivere farmaci è lo sviluppo dei seguenti sintomi:

  • aumento significativo della temperatura corporea;
  • dolore addominale del carattere di taglio;
  • diarrea che si verifica più di 10 volte al giorno;
  • vomito indomabile;
  • segni di disidratazione

I farmaci della categoria degli antibiotici possono essere prescritti per la disbatteriosi, la colite e il disturbo delle feci (diarrea).

Antibiotici per il trattamento delle infezioni intestinali

La causa dell'infezione del tratto gastrointestinale diventa la penetrazione della microflora patogena nel corpo umano. Questi possono essere stafilococco, protozoi, enterovirus, Salmonella, ecc.

L'indicazione per l'uso di farmaci dalla categoria di antibiotici è la mancanza di dinamiche positive del trattamento da farmaci precedentemente prescritti. Ma quando si diagnostica la dissenteria o il colera, viene loro prescritto di ricevere immediatamente.

Le medicine delle seguenti categorie possono essere utilizzate per il trattamento della patologia intestinale:

  • cefalosporine;
  • fluorochinoloni;
  • tetracicline;
  • aminoglicosidi;
  • aminopenicillin.

Se parliamo di farmaci specifici, è più spesso prescritto:

  1. Cloramfenicolo. Antibiotico ad ampio spettro Molto efficace contro il colera vibrio. È raccomandato in assenza di un effetto terapeutico dopo l'assunzione di altri farmaci. Vietato ricevere durante l'infanzia
  2. Tetraciclina. Praticato per il trattamento delle infezioni intestinali causate da Salmonella, amebe. Efficace contro l'antrace, la peste, la psittacosi. Il trattamento a lungo termine con farmaci di questo gruppo può provocare lo sviluppo di disbiosi, quindi, dopo aver assunto antibiotici della serie delle tetracicline, si consiglia al paziente di assumere i sindibiotici.
  3. Rifaximina. Il farmaco è meno aggressivo rispetto alla tetraciclina e pertanto può essere somministrato ad adulti e bambini.
  4. Ampicillina. Agente semisintetico, efficace contro un gran numero di agenti patogeni. Consentito a bambini e donne incinte.
  5. Ciprofloxacina (dal gruppo dei fluorochinoloni). Non causa disbiosi.
  6. Azitromicina (dal gruppo dei macrolidi). Sopprime la crescita della microflora patogena per tre giorni. Il farmaco più sicuro, praticamente senza effetti collaterali.
  7. Amoxicillina.

L'uso di antibiotici per dysbacteriosis

Le medicine dal gruppo di antibiotici con lo sviluppo di dysbiosis sono prescritte per sopprimere i batteri patogeni. Più spesso per ricevere i fondi raccomandati dai seguenti gruppi:

  • penicilline;
  • tetracicline;
  • cefalosporine;
  • chinoloni.

Può essere somministrato anche il metronidazolo.

Poiché gli antibiotici influenzano già negativamente lo stato della microflora del tubo digerente, vengono utilizzati per la disbiosi dell'intestino tenue, accompagnata da sindrome da malassorbimento e disturbi della motilità.

I seguenti farmaci sono più spesso prescritti per il trattamento della disbiosi:

  1. Amoxicillina. Agente semisintetico dal gruppo di penicilline. Fornisce buoni risultati se assunto per via orale, poiché è resistente all'ambiente gastrico aggressivo.
  2. Alpha Normiks. Antibiotico non sistemico ad ampio spettro. Il principio attivo è rifaximina. È indicato per la disbiosi causata da diarrea e patologie infettive del tratto gastrointestinale.
  3. Flemoxin Solutab. Droga semisintetica del gruppo di penicillina. Ha un effetto battericida.
  4. Cloramfenicolo. Agente antimicrobico di ampio spettro. È prescritto per il trattamento della disbatteriosi causata da infezioni intestinali, patologie degli organi addominali. Può anche essere prescritto come farmaco alternativo, se i farmaci precedentemente selezionati non hanno dato un risultato positivo.

Con lo sviluppo di dysbacteriosis del colon per ricevere sono nominati:

Le medicine sono efficaci contro il lievito, lo stafilococco e il proteo, che sono la causa principale della disbiosi dell'intestino crasso. Lo stato dei farmaci naturali a microflora non ha effetti significativi.

Antibiotici per la colite

Il trattamento di colite di origine batterica è impossibile senza l'uso di corso di antibiotici. In caso di forma ulcerosa non specifica di infiammazione dell'intestino crasso, i farmaci in questa categoria sono prescritti in caso di adesione di un'infezione batterica secondaria.

Nel processo di trattamento della patologia può essere utilizzato:

  • un gruppo di sulfonamidi con gravità lieve / moderata della malattia;
  • mezzi di un ampio spettro d'azione nella malattia grave.

Al fine di prevenire lo sviluppo di disbiosi, si consiglia al paziente di assumere probiotici. Questo può essere nistatina o colibatterina. Quest'ultimo contiene E. coli dal vivo, che contribuiscono al ripristino e alla normalizzazione della microflora.

Per la colite, possono essere prescritti i seguenti farmaci:

  1. Alpha Normiks. Lo strumento ha un ampio spettro d'azione con un marcato effetto battericida, che aiuta a ridurre il carico di patogeni.
  2. Furazolidone. La droga dal gruppo di nitrofurani. Ha un effetto antimicrobico.
  3. Cloramfenicolo. Lo strumento è attivo contro la microflora patogena e ha anche un effetto battericida. Poiché la presenza di cloranfenicolo può sviluppare numerosi sintomi avversi, il dosaggio e il regime di trattamento devono essere selezionati singolarmente. Forse la somministrazione intramuscolare del farmaco.

L'autotrattamento della colite con antibiotici è completamente inaccettabile. Selezionare un farmaco e determinare il regime dovrebbe essere qualificato. Inoltre, il medico deve essere informato di tutti i farmaci presi per prevenire lo sviluppo di reazioni negative nell'interazione dei farmaci.

Rimedi antibatterici per la diarrea

I fondi della categoria di antibiotici per la diarrea possono essere mostrati solo in un caso: se l'origine del disturbo intestinale è contagiosa. Con un carattere virale, i farmaci non daranno il risultato terapeutico atteso.

Quali farmaci puoi iniziare a prendere prima di consultare i medici? Se una persona è sicura che l'infezione è diventata la causa del disturbo e le feci non contengono impurità nel sangue, sono ammessi i seguenti rimedi:

Nel trattamento della diarrea moderata, è prescritto l'antisettico intestinale. Questo è un gruppo speciale di antibiotici con effetto antimicrobico, che "lavorano" esclusivamente nel lume intestinale. Non vengono assorbiti ed escreti dal corpo in modo naturale.

I vantaggi dei farmaci in questo gruppo dovrebbero includere quanto segue:

  • sono attivi contro la microflora patogena principale;
  • non causare lo sviluppo di disbiosi;
  • non aumentare la diarrea.

Questi antibiotici includono:

  • Rifaximina - un gruppo di sulfonamides e aminoglycosides;
  • Chlorquinaldolo - chinoloni e chinoline;
  • Furazolidone - nitrofurani.

Indipendentemente da quale degli antibiotici è stato prescritto, era necessario bere eubiotici contemporaneamente a prenderlo. Questi sono i mezzi per promuovere il restauro e la normalizzazione della microflora gastrointestinale.

Come trattare l'infiammazione del colon?

Infiammazione della mucosa del colon, o colite - una malattia di origine infettiva, tossica o parassitaria. La colite primaria è dovuta alla lesione della mucosa dovuta al contatto diretto con il patogeno. Secondario - è una conseguenza delle patologie dell'apparato gastrointestinale: pancreatite, colecistite, gastrite e altre malattie. A volte l'infiammazione ha cause non gastriche, ad esempio, come manifestazione di una reazione allergica.

Cause di infiammazione del colon-retto

La causa principale della colite è un cambiamento nella natura funzionale o morfologica che si è verificata nelle mucose intestinali. Di norma, la lesione appare come risultato della dissenteria batterica trasferita, dell'invasione elmintica, dell'avvelenamento grave, della presenza costante negli organi GIT delle infezioni croniche.

Fattori che possono contribuire allo sviluppo dell'infiammazione:

  • predisposizione genetica;
  • dieta malsana;
  • congestione nella zona pelvica e insufficiente afflusso di sangue all'intestino;
  • attività vitale dei parassiti;
  • gozzo;
  • uso a lungo termine di antibiotici;
  • debole immunità;
  • esaurimento fisico;
  • sforzo nervoso.

Sullo sfondo dei fattori di smaltimento, quando, per una ragione o per l'altra, le funzioni protettive dell'intestino si riducono, l'effetto del patogeno porta a danneggiare le cellule mucose che rivestono le pareti del colon dall'interno. Si sviluppa un focolaio di infiammazione, che all'inizio può essere asintomatico.

Se la colite acuta procede a lungo con un quadro clinico cancellato, l'infiammazione può trasformarsi in uno stadio cronico. È importante identificare tempestivamente la malattia primaria, prestando attenzione anche a piccoli segni di patologia. La colite acuta risponde bene al trattamento, ma in assenza di una terapia adeguata e della cronicità del processo, la malattia diventa lunga e dolorosa.

Sintomi di infiammazione del colon

La colite acuta può manifestarsi rapidamente, con sintomi generali e locali pronunciati:

  • distensione addominale;
  • il dolore;
  • secrezione di muco dall'ano;
  • impurità del sangue purulento nelle feci;
  • frequente impulso doloroso alle feci;
  • diarrea.

Queste manifestazioni sono spesso accompagnate da malessere generale, vomito, febbre, debolezza, perdita di peso. Tali sintomi pronunciati inducono il paziente a consultare un medico e a effettuare una diagnosi tempestiva.

All'esame del colon ha rivelato:

  • edema della mucosa;
  • ispessimento e iperemia delle pareti della parte interessata dell'intestino;
  • la secrezione di grandi quantità di muco, e talvolta - secrezione purulenta;
  • erosione e ulcerazione dello strato mucoso;
  • emorragie minori.

Un esame del sangue dimostra un aumento di ESR e conta dei leucociti.

È possibile un'altra immagine della malattia. Per diverse settimane, il paziente può avere problemi con feci molli, turbolenza e disturbi addominali e altri sintomi locali. Ma, dal momento che sono insignificanti, il paziente da molto tempo non attribuisce importanza a loro e non si associa a un processo infiammatorio grave. Durante il periodo del corso latente di colite si trasforma in una forma cronica.

Segni di infiammazione cronica del colon

La colite cronica, oltre all'infiammazione della membrana mucosa, acquisisce altre manifestazioni sgradevoli. I cambiamenti si verificano nelle pareti intestinali stesse: si accorciano, c'è un restringimento del lume nella zona interessata. L'afflusso di sangue all'area malata viene interrotto, le ulcere superficiali diventano più profonde e scompaiono nello spessore dello strato muscolare dell'intestino, si sviluppano suppurazioni e possono apparire nuove crescite: pseudopolipi.

Un esame del sangue fornisce un quadro chiaro dell'infiammazione (marcata leucocitosi), una grande quantità di muco leucocitario viene anche rilevata nelle masse fecali. I risultati del coprogramma mostrano la presenza di flora patogena, eritrociti.

Il paziente nota i seguenti sintomi:

  • problemi con le feci: diarrea frequente, stitichezza, combinazione alternata;
  • dolore in tutto l'addome senza localizzazione specifica;
  • frequenti sollecitazioni improduttive in bagno con il rilascio di muco con striature di sangue invece di feci;
  • aumento della formazione di gas e costante gonfiore;
  • feci offensive.

Il benessere generale del paziente può essere sia completamente soddisfacente che estremamente scomodo. Il tormento con lo stomaco è aggravato dalla nausea, eruttazione, mancanza di appetito, sapore amaro in bocca. Sullo sfondo di debolezza e indisposizione, la capacità di lavoro diminuisce, appaiono irritabilità e nervosismo.

Tipi di malattia

La colite è un nome comune per le malattie infiammatorie dell'intestino crasso, che comprende un numero di diagnosi individuali. La colite è divisa in tipi a seconda della causa e delle manifestazioni specifiche di una particolare patologia.

Colite ulcerosa

Uno dei tipi di infiammazione del colon di natura cronica è la colite ulcerosa. L'eziologia di questa malattia non è stata chiarita. È associato a un difetto nel sistema immunitario, in conseguenza del quale gli stimoli, che normalmente non causano alcuna reazione in un corpo sano, causano una forte infiammazione in un paziente con colite ulcerosa. Una delle ipotesi sull'origine della malattia è la predisposizione genetica.

Secondo le statistiche, questa patologia è più spesso diagnosticata nelle giovani donne dai 20 ai 40 anni, soprattutto nelle aree urbane, che indirettamente possono parlare dell'impatto sulla patogenesi dei fattori ambientali e dello stile di vita.

La colite ulcerosa non specifica è espressa in infiammazione emorragica del colon con tali manifestazioni:

  • dolore severo, più spesso - nella metà sinistra dell'addome;
  • costipazione cronica;
  • febbre di basso grado;
  • disagio alle articolazioni;
  • sanguinamento dal retto;
  • scarico di sangue e pus dall'ano.

Nel tempo, questi sintomi diventano meno pronunciati, formando uno stato di remissione, ma con l'esacerbazione della malattia, le condizioni del paziente diventano gravi. Soffre di dolore, diarrea, anemia, l'esaurimento fisico si sviluppa a causa della perdita di sangue.

La colite ulcerosa non specifica è estremamente pericolosa per le sue complicanze:

  • la formazione di espansione intestinale;
  • il verificarsi di sanguinamento interno;
  • possibilità di perforazione delle pareti intestinali;
  • rischio di peritonite;
  • creare le condizioni per lo sviluppo dell'oncologia.
Infiammazione spastica del colon

Con il nome di questa patologia, è logico presumere che sia basato su spasmi intestinali. E questo è vero: le contrazioni delle pareti intestinali di diversa forza e frequenza portano al paziente ad avere sintomi spiacevoli:

La colite spastica si riferisce a disturbi funzionali, cioè, in realtà, non è una patologia grave. La ragione sta nel piano psicologico e neurologico. Gli spasmi involontari appaiono più spesso in presenza di stress, stanchezza cronica, sovraccarico fisico e nervoso o shock. Questa malattia viene trattata rilassando la muscolatura liscia dell'intestino e, soprattutto, la fortificazione e i sedativi.

Colite pseudomembranosa

L'infiammazione pseudomembranosa è il risultato della disbiosi intestinale con riproduzione incontrollata di microrganismi condizionatamente patogeni.

Questa forma di colite si sviluppa in presenza di antibiotici che alterano l'equilibrio della microflora intestinale a favore di microbi potenzialmente pericolosi.

Sintomi che accompagnano la colite pseudomembranosa:

  1. Diarrea che è comparsa durante la terapia antibatterica, specialmente se trattata con farmaci tetracicline. Se alcuni giorni dopo la fine del corso, le feci normali vengono ripristinate, viene fatta una diagnosi di colite in forma lieve.
  2. L'infiammazione di gravità moderata è caratterizzata dalla persistenza della diarrea dopo l'abolizione dei farmaci antibatterici. Sgabelli acquosi, contenenti muco e sangue. Dolore addominale, aggravato al momento del movimento intestinale. Ci sono frequenti impulsi alla toilette, incluso falso, quando non si verifica lo svuotamento dell'intestino. Segni di intossicazione compaiono e crescono: febbre, brividi, debolezza, nausea.
  3. La colite pseudomembranosa grave è una condizione critica in cui complicazioni gravi nella forma di anomalie cardiache (tachicardia, calo di pressione), squilibrio elettrolitico e malfunzionamento dei processi metabolici si uniscono all'intossicazione del corpo e ai sintomi locali.
enterocolite

Enterocolite è una malattia che combina l'infiammazione nell'intestino crasso con danni alla mucosa gastrica. Enterocolite acuta si verifica in risposta a un'infezione o un effetto non infettivo: allergeni, sostanze chimiche, veleni, intossicazione alimentare. L'infiammazione primaria si sviluppa improvvisamente:

  • dolore addominale crampi;
  • gonfiore e brontolio;
  • nausea, vomito possibile;
  • grave diarrea.

Se l'enterocolite è di origine infettiva, sangue e impurezze mucose nelle feci, febbre, stato di intossicazione si uniscono alla dispepsia. Quando la palpazione dell'addome è determinata dai centri del dolore, la lingua cade copiosa.

Trattamento per enterocolite acuta:

  1. Sintomatico - sollievo dal dolore con antispastici.
  2. Ridurre il carico sul tratto gastrointestinale - dieta liquida per 2 - 3 giorni.
  3. In caso di avvelenamento, è necessario lavare lo stomaco.
  4. Per evitare la disidratazione con grave diarrea e vomito, controlla il flusso di liquidi nel corpo, assumendo Rehydron.
  5. Quando viene rilevata un'infezione intestinale - terapia antibiotica.
  6. L'intossicazione viene eliminata con l'aiuto del trattamento di disintossicazione.

L'infiammazione non trattata può trasformarsi in una malattia cronica. In questo caso, la lesione superficiale delle mucose si sviluppa ulteriormente e penetra in profondità nelle pareti intestinali e nello strato sottomucoso dello stomaco. Il decorso della malattia - con periodi di esacerbazioni e remissioni, nel tempo, violazioni persistenti della funzione intestinale.

Colon Ischemia

La colite ischemica è una forma di infiammazione intestinale causata da insufficiente apporto di sangue al colon. Una lesione può verificarsi in qualsiasi sito, ma più spesso è un'area della curvatura splenica, meno spesso il colon sigmoideo, il colon discendente o trasversale, si infiamma.

Una cattiva circolazione del sangue porta ad una nutrizione limitata delle pareti intestinali, a causa della quale vi sono sacche di ischemia. Sintomi di questa condizione: dolore episodico epigastrico che si verifica dopo aver mangiato, diarrea e gonfiore dopo i pasti, a volte vomito. Nel tempo, c'è una perdita di peso corporeo.

Nei disturbi acuti del flusso sanguigno associati all'occlusione vascolare, si verificano processi necrotici, che sono espressi come:

  • forte dolore con localizzazione nell'addome sinistro;
  • segni di ostruzione intestinale;
  • sanguinamento dall'ano;
  • sviluppo di peritonite.

Trattamento dell'infiammazione dell'intestino crasso (parte inferiore)

Il trattamento della colite dipende dalla diagnosi specifica e dalla gravità dei sintomi. Se l'infiammazione lieve causata da avvelenamento può scomparire in pochi giorni a seguito di lavanda gastrica, assunzione di assorbente, alcol e dieta, le malattie più gravi richiedono un approccio più prolungato e serio, spesso in ambiente ospedaliero.

La mancanza di un trattamento adeguato può portare a complicazioni pericolose: ostruzione intestinale, peritonite, ascesso epatico. Per evitare spiacevoli conseguenze in caso di segni di infiammazione del colon, è necessario contattare uno specialista - proctologo o gastroenterologo. Soprattutto è necessario sbrigarsi, se i sintomi si manifestano sullo sfondo di una malattia infettiva o immediatamente dopo, a causa di cibo, avvelenamento chimico, farmaci.

Dieta con colite

In qualsiasi forma di colite, è indicata una dieta terapeutica rigorosa. Più spesso, i pazienti iniziano ad osservarli da soli, scaricando intuitivamente il tratto gastrointestinale. Il medico prescrive il numero di tabella 4, che esclude i prodotti che provocano la fermentazione e marciscono nell'intestino. La nutrizione per la colite comporta il rifiuto del cibo, le mucose irritanti: cibi piccanti, salati, grassi, fritti, cibi acidi, spezie, latte.

Verdure, frutta, bacche, dolci temporaneamente proibiti. Il cibo deve essere liquido o semiliquido, frullato, a temperatura confortevole - non caldo e non freddo. Un trattamento delicato deve essere seguito durante il trattamento e per un certo periodo di tempo. All'inizio della malattia, è meglio smettere completamente di mangiare per un paio di giorni e limitarsi a bere molto.

Clistere terapeutico

Enemas con la colite sono fatti solo da una prescrizione del medico.Se necessario, sciacquare l'intestino da agenti infettivi e contenuti, consegna diretta di sostanze terapeutiche alla mucosa.

  1. Clisteri antisettici con infusione di camomilla, calendula e collare aiutano ad alleviare gonfiore e iperemia, calmare la mucosa e distruggere la microflora patologica a livello locale.
  2. L'introduzione del colon dell'olivello spinoso favorisce la guarigione e il ripristino della mucosa.
mozione

Quando l'infiammazione dell'intestino è controindicata per lungo tempo in posizione seduta. La mancanza di movimento provoca ristagni nei due punti, porta a un insufficiente apporto di sangue alle pareti, scarsa peristalsi, causando stitichezza e intossicazione con le feci.

Per attivare la funzione intestinale e ripristinare la circolazione sanguigna, è necessario uno sforzo fisico adeguato: camminare, alzare il ginocchio in posizione eretta, esercizi di Kegel, ecc. Esercizi semplici possono essere eseguiti anche con il riposo a letto.

Terapia farmacologica

L'assunzione di farmaci per la colite dipende dalla sua forma e viene nominata solo dopo che la diagnosi è stata chiarita e la causa è stata stabilita:

  1. Antibiotici, sulfinilamidi, farmaci antivirali, farmaci antiparassitari sono indicati quando viene rilevato un agente causale: un virus, un'infezione, vermi, i microrganismi più semplici, ecc.
  2. Con la colite pseudomembranosa, gli antibiotici, al contrario, dovrebbero essere fermati.
  3. Per alleviare spasmi e dolore, prescrivere no-silos in pillole o iniezioni, supposte rettali con papaverina.
  4. Quando l'avvelenamento, i segni di intossicazione, le infezioni sono raccomandate enterosorbenti (Polifepano, Enterosgel).
  5. Per rilassare le pareti intestinali, eliminare la stitichezza, puoi assumere antistaminici - Biromat, Intal e altri, solo su appuntamento di uno specialista.
  6. Quando viene disidratato, la soluzione di cloruro di sodio viene iniettata per via endovenosa.
  7. Le feci liquide sono fissate con l'aiuto di bevande astringenti: decotti di corteccia di quercia, buccia di melograno, camomilla e erba di erba di San Giovanni.
  8. In caso di colite ulcerosa non specifica, danno necrotico ed erosivo alle membrane mucose, le candele vengono trattate con metiluracile, olio di olivello spinoso e altri preparati di guarigione.
  9. Nei casi gravi di infiammazione, sono prescritti glucocorticosteroidi (idrocortisone, betametozone e altri).
  10. Per ripristinare la biocenosi intestinale, si raccomanda l'uso di probiotici.

Trattamento chirurgico dell'infiammazione del colon

L'intervento chirurgico nell'infiammazione del colon può essere necessario con lo sviluppo di complicanze (perforazione, peritonite), processi necrotici, ostruzione del lume intestinale, ostruzione, trasferimento di infezione al tessuto circostante.

La colite pigra, che non è suscettibile di terapia conservativa, serve come fonte permanente di infezione e le cattive condizioni del paziente, si raccomanda anche di essere eliminata con l'aiuto della chirurgia. Gli interventi spesso richiedono la colite ulcerosa.

Terapia di mantenimento per la colite cronica

In caso di proctite cronica senza esacerbazioni, si raccomanda di eseguire misure generali di rafforzamento e profilassi in condizioni sanatorie-resort:

  • trattamenti di fango;
  • bagni di radon;
  • trattamento con liquidi;
  • massaggio terapeutico;
  • la ginnastica;
  • fisioterapia.

Il trattamento dell'infiammazione del colon richiede un approccio lungo e completo per prevenire la recidiva, in forma acuta - il passaggio allo stadio cronico. In nessun caso non è possibile assumere le proprie medicine o ignorare i sintomi dell'infiammazione. Se hai denunce che non passano entro 2 o 3 giorni, dovresti consultare un medico.

Infiammazione intestinale: sintomi e trattamento

L'intestino è considerato uno degli elementi più importanti del tratto gastrointestinale, costituito dall'intestino tenue e piccolo, il duodeno.

Lo scopo principale di questo corpo è quello di digerire il cibo e la sua scomposizione in composti elementali attraverso enzimi digestivi. L'infiammazione intestinale, i cui sintomi e trattamenti sono estremamente sgradevoli e prolungati, è considerata una delle più comuni malattie del tratto gastrointestinale, non dipendente dal sesso e dall'età.

motivi

I processi infiammatori nell'intestino si verificano a seguito di varie cause, suddivise in diversi gruppi:

  • L'infezione. L'infiammazione si verifica a seguito dell'ingestione di vari batteri nell'intestino: salmonella, shigella, E. coli; virus, così come i protozoi;
  • parassiti;
  • Processi di un tipo autoimmune. Questa è una situazione particolare in cui il sistema immunitario vede le cellule mucose intestinali come estranee e inizia a produrre anticorpi per combatterli, con il risultato che si verifica un'infiammazione;
  • Posizione genetica Alcune malattie intestinali e carenze di enzimi congeniti possono essere ereditate;
  • Inosservanza della dieta. Eccessivo consumo di cibi affumicati, salati, grassi, eccesso di cibo può causare infiammazione di qualsiasi parte del tratto gastrointestinale, in particolare l'intestino tenue e il duodeno;
  • Insufficiente afflusso di sangue alle navi che attraversano le pareti intestinali a seguito di cambiamenti aterosclerotici e assottigliamento del letto arterioso;
  • Cambiamenti nella microflora sana. L'infiammazione della mucosa intestinale si verifica a causa del predominio della flora patogena.

Tipi di infiammazioni

I processi infiammatori nell'intestino, a seconda della loro durata, delle cause di occorrenza e del luogo di formazione sono suddivisi in diversi tipi.

Nel luogo di formazione di infiammazione distinguono il seguendo:

  • retto;
  • Intestino crasso;
  • duodeno;
  • cieco;
  • Sigma.

La durata dell'infiammazione varia:

  • Infiammazione acuta, che dura fino a 1 mese;
  • Cronico, che dura fino a sei mesi.

A causa della formazione di infiammazione si dividono in:

  • Infettivo, la cui causa può essere qualsiasi agente patogeno;
  • Non infettivo, le cui cause sono tutti gli altri fattori.

retto

Una malattia così sgradevole come l'infiammazione del retto, o proctite, può derivare dai seguenti motivi:

  • Mangiare cibi piccanti e salati, bevande alcoliche, fascino per il fast food, mancato rispetto di una certa dieta;
  • Malattie come emorroidi e costipazione regolare;
  • Malattie veneree e malattie degli organi pelvici;
  • Immunità indebolita.

Per ripristinare e mantenere l'immunità al giusto livello, è necessario monitorare la propria salute, evitare lo stress, assumere vitamine.

I lavaggi di proctite possono essere rilevati in due forme: acuta e cronica. Nella proctite acuta è interessata solo la parte superficiale della mucosa. Se il trattamento viene ignorato, la forma acuta di proctite diventa cronica, in cui è interessata l'intera mucosa rettale.

Se viene rilevata un'infiammazione del retto, i sintomi e il trattamento per le diverse specie sono diversi.

Le seguenti manifestazioni sintomatiche sono caratteristiche della proctite acuta:

  • Dolore all'inguine e al retto, particolarmente manifestato durante lo svuotamento;
  • Presenza nella massa delle feci di componenti del sangue e del pus;
  • La temperatura elevata;
  • Deterioramento della salute;
  • Diarrea regolare o stitichezza.

La proctite cronica si manifesta in questo modo:

  • Dolore intermittente nel retto e nell'ano;
  • Costipazione persistente;
  • Presenza di muco sulle feci.

duodeno

La causa della formazione di infiammazione nel duodeno (duodenite) è la lesione della mucosa che si verifica quando il contenuto dello stomaco con aumento dell'acidità entra nell'intestino.

Infiammazione del duodeno a causa dei seguenti fattori:

  • Intossicazione alimentare;
  • Eccessivo fascino per il cibo piccante e l'alcol;
  • Danneggiamento della mucosa di un oggetto estraneo.

Infiammazione cronica causata da malattie dell'apparato digerente:

  • Epatite acuta e cronica;
  • colecistite;
  • Gastrite e ulcere gastriche;
  • Malattia cronica dell'intestino di eziologia sconosciuta;
  • giardiasi;
  • Tumori del pancreas;
  • Sindrome di Whipple;
  • Ischemia intestinale;
  • Disagio allo stomaco, nausea, gonfiore.

Una delle principali cause di duodenite dovrebbe essere chiamata un'infezione batterica derivante da Helicobacter pylori - un microrganismo speciale che causa anche gastrite e ulcera peptica.

L'infiammazione del duodeno potrebbe non manifestarsi per molto tempo, procedendo senza alcun sintomo disturbante per l'organismo. Tuttavia, alcuni sintomi della malattia compaiono periodicamente:

  • Diminuzione dell'appetito e scarsa digestione;
  • Sensazione di pesantezza allo stomaco, sensazione irragionevole di eccesso di cibo;
  • Manifestazione di flatulenza, eruttazione, diarrea;
  • Anemia, come evidenza di emorragia interna;
  • Dolore nella parte superiore dell'addome e nel mezzo;
  • Vomito periodico e nausea;
  • Dolore a stomaco vuoto e di notte, lasciando il posto allo sterno.

Colon sigmoide

La causa principale di infiammazione del colon sigmoideo (sigmoidite) dovrebbe essere ricercata nelle specifiche dell'anatomia intestinale. Il rischio di formazione di processi infiammatori è il più alto, più le bobine hanno un intestino, perché il suo contenuto può ristagnare e impedire il passaggio delle feci. Le cause dell'infiammazione possono essere proctite, colite ulcerosa, morbo di Crohn, nonché disbiosi e varie infezioni intestinali. La maggior parte dei casi è associata a scarsa circolazione in alcune parti del colon. La sigmoidite può portare a gravi conseguenze sotto forma di gravi malattie gastrointestinali.

Un trattamento serio è necessario se viene rilevata un'infiammazione del colon sigmoideo, i cui sintomi sono i seguenti:

  • Dolore acuto sul lato sinistro del torace;
  • Dolori palpitanti che si estendono alla gamba sinistra e alla parte bassa della schiena;
  • Regolare brontolio nello stomaco e gonfiore;
  • Frequente defecazione con una feci liquide con un forte odore, la presenza di pus nelle feci;
  • Nausea e vomito non passano;
  • Febbre con sintomi di avvelenamento.

La sigmoidite cronica è caratterizzata da una costante sensazione di gonfiore e dolorosi movimenti intestinali, insonnia, rapida stanchezza e irritabilità del paziente.

I sintomi della sigmoidite cronica possono diminuire per un po 'e poi peggiorare di nuovo. Le cause di recidiva possono essere:

  • Stress fisico, stress;
  • Mancato rispetto della dieta;
  • Ipotermia del corpo;
  • traumi;
  • L'infezione.

cieco

L'infiammazione del cieco (tiflit) con le sue manifestazioni sintomatiche è molto simile all'appendicite, ad eccezione del tempo di insorgenza del dolore. Quando il dolore alla typhilitis si verifica dopo un paio d'ore dopo aver mangiato nella regione iliaca.

Il paziente deve prendere sul serio il suo stile di vita se l'infiammazione si trova nel cieco, i cui sintomi sono i seguenti:

  • L'aspetto del sangue nelle masse delle feci;
  • Affaticamento e debolezza generale;
  • l'anemia;
  • Modifica del solito programma di defecazione;
  • Forte perdita di peso;
  • Aumento della flatulenza;
  • Dolore addominale regolare

Intestino crasso

Una delle malattie più comuni del tratto gastrointestinale è l'infiammazione del colon o della colite. Le cause della colite sono considerate infezioni, cibo malsano, nonché l'ingestione di veleni usati nella vita quotidiana e nell'industria.

Questo tipo di malattia può manifestarsi separatamente, a causa di disturbi nel sistema immunitario o essere il risultato di alcune disfunzioni dello stomaco e dell'intestino tenue.

La medicina distingue quattro tipi di infiammazioni del colon:

Se viene fatta una diagnosi di infiammazione dell'intestino crasso, i suoi sintomi e il trattamento sono diversi per i suoi vari tipi.

Sintomi di infiammazione del colon

La colite acuta ha i seguenti sintomi:

  • Dolore addominale periodico, accompagnato da feci instabili;
  • L'apparizione nelle masse fecali di muco e impurità del sangue;
  • Il letargia e la febbre sullo sfondo della malattia generale del paziente;
  • Spinta dolorosa per defecare.

Con una terapia inadeguata o la sua assenza, la colite acuta può trasformarsi in cronica, i cui sintomi sono per molti aspetti simili a quelli acuti, tuttavia il trattamento è molto più lungo e più difficile. I principali segni di colite cronica sono:

  • Crampi al dolore addominale;
  • Debolezza e nausea;
  • Mancanza di desiderio di mangiare;
  • Aumento addominale e flatulenza.

La colite ulcerosa è un'infiammazione della mucosa intestinale con comparsa di ulcere. Tale infiammazione può svilupparsi per un lungo periodo con esacerbazioni occasionali. Il sintomo più comune di questa malattia è il dolore addominale inferiore, manifestato da attacchi periodici. Dopo un breve periodo di tempo, il movimento intestinale passa attraverso il sangue e la quantità di sangue rilasciata raggiunge spesso 300 ml alla volta.

Durante le esacerbazioni, il sangue può fluire come un flusso intero, il che porta ad una forte diminuzione della pressione sanguigna. Probabilmente e distensione del colon con la formazione di peritonite.

Nella colite spastica, lo scarico fecale del paziente si presenta sotto forma di piccoli grumi densi. Con questo sintomo, è necessario condurre i test necessari e l'esame del paziente con l'aiuto di attrezzature speciali.

Trattamento dell'infiammazione intestinale

Per l'infiammazione intestinale, il trattamento è prescritto a seconda delle cause della malattia e dei sintomi espressi. Il trattamento può essere effettuato con tali metodi:

  • di droga;
  • Cibo salutare;
  • Fototerapia.

Nel trattamento dell'infiammazione, i farmaci hanno un effetto patogenetico, etiotropo e sintomatico.

Trattamento dell'infiammazione intestinale

I farmaci etiotrope sono prescritti per eliminare la causa della malattia. Per cause infettive, gli antibiotici vengono somministrati localmente. I farmaci antielmintici sono prescritti per la rilevazione dell'invasione elmintica. Se viene rilevata la colite ulcerosa o il morbo di Crohn, vengono prescritti agenti ormonali glucocorticoidi citostatici. Per eliminare i processi infiammatori, vengono utilizzate sulfa e mesalazine sotto forma di schiuma, compresse e candele. Con la nomina delle candele, l'efficacia del principio attivo aumenta significativamente e il rischio di effetti collaterali è ridotto al minimo. Inoltre, per la guarigione rapida di erosioni e ulcere, le prescrizioni e i microclimi basati sull'olio di olivello spinoso sono prescritti dal medico.

Il trattamento farmacologico deve essere effettuato in concomitanza con la più stretta aderenza alla dieta. Nel caso in cui l'infiammazione sia accompagnata da diarrea, banane, pane integrale, riso devono essere inclusi nel menu. In presenza di costipazione, la dieta include frutta secca, verdura, frutta, bevande a base di latte fermentato.

La dieta per l'infiammazione intestinale comporta la preparazione di cibo per una coppia, e solo da ingredienti naturali. E 'anche permesso di mangiare piatti stufati, bolliti e al forno. Dalla dieta è necessario escludere rigorosamente piatti fritti e affumicati, così come l'uso di varie spezie nella loro preparazione, dal momento che gli intestini induribili in nessun caso non possono essere irritati. È necessario organizzare pasti suddivisi - mangiare spesso e in piccole porzioni.

Dieta per l'infiammazione intestinale

Anche l'infiammazione dei sintomi intestinali e il trattamento dei rimedi popolari è appropriato. Hanno un effetto benefico sulla mucosa intestinale, specialmente nella colite ulcerosa. Per la preparazione di questi strumenti sono state utilizzate piante con proprietà antimicrobiche, antinfiammatorie, antispasmodiche e rigeneranti. Iperico, cicoria, salvia, achillea, camomilla, salvia sono stati ampiamente utilizzati. Se la diarrea è uno dei sintomi, è necessario assumere prodotti a base di semi di lino e corteccia di quercia - hanno un effetto avvolgente e astringente.

Infiammazione dell'intestino Come e cosa trattare la malattia?

Sintomi generali dei cambiamenti infiammatori nell'intestino

Nella maggior parte dei casi, l'infiammazione presenta segni di sé che infastidiscono il paziente e lo costringono a recarsi in ospedale. Sintomi di infiammazione intestinale:

  • Dolore nell'addome. Spesso, i pazienti non possono indicare con precisione la localizzazione del dolore, ma lo caratterizzano come spremere o scoppiare, senza sospettare che i loro intestini siano infiammati. Di norma, le pillole alleviano tale dolore solo per un breve periodo di tempo. La condizione assomiglia alla sindrome dell'intestino irritabile.
  • La comparsa di nausea dopo aver mangiato (spesso questo segno indica un'infiammazione dell'intestino tenue o del duodeno).
  • Vomito dopo aver mangiato, indicando l'infiammazione nelle parti superiori.
  • Gonfiore. Questo sintomo indica una mancanza di enzimi coinvolti nel processo digestivo.
  • Disturbi delle feci (costipazione prolungata o diarrea frequente).
  • Perdita di peso, parlando della mancanza di assorbimento di sostanze vitali da parte delle pareti intestinali.
  • Anemia, derivante dall'incapacità dell'organo interessato di "raccogliere" la giusta quantità di ferro dal cibo che entra nel corpo.
  • La febbre alta (da alta a subfebrilla) è un classico segno di processi suppurativi nel corpo.

Le malattie infiammatorie intestinali sono suddivise in base alla natura del corso in acuta (la malattia è difficile, fino a un mese) e cronica (il decorso della malattia può essere lento con periodi di esacerbazione, questo periodo dura fino a un anno). Secondo la localizzazione del processo suppurativo, la malattia è suddivisa nelle seguenti malattie:

  1. l'enterite è un processo infiammatorio localizzato nell'intestino, che coinvolge sia la sua parte individuale che l'intero organo;
  2. duodenite - infiammazione del duodeno; la malattia nella maggior parte dei casi inizia con la prima sezione, dove lo stomaco passa nell'intestino;
  3. mesadenite - infiammazione dei linfonodi, che può provocare patologie della mucosa; nella maggior parte dei casi, la suppurazione si verifica a causa dell'ingresso di virus e infezioni;
  4. la colite è un'infiammazione della mucosa dell'intestino crasso; nella maggior parte dei casi, l'infiammazione colpisce l'intero organo, ma in alcune parti vi è suppurazione.

Cause di malattie infiammatorie

La patologia può essere innescata da una serie di motivi. I più comuni sono:

  1. Infezioni - infiammazione causata da protozoi, virus o batteri. Rotavirus, Salmonella, E. coli e dissenteria amebica si trovano più comunemente nei pazienti.

  • Infestazioni da verme (il più delle volte questa causa si verifica nei bambini).
  • Disturbi autoimmuni in cui le cellule della mucosa intestinale sono percepite dal corpo come estranee, quindi, inizia la produzione di anticorpi, che causano l'infiammazione del tratto gastrointestinale.
  • Difetti congeniti della digestione Ad esempio, la mancanza di alcuni enzimi nei genitori può essere trasmessa geneticamente e mostrarsi in un bambino.
  • Malnutrizione - l'abuso di cibi fritti, spezie, salse acide, cibi affumicati e grassi.
  • Alcolismo e fumo
  • Squilibrio della microflora intestinale, farmaci che "uccidono" microflora utile.
  • Considerare i sintomi delle lesioni più comuni e gravi - colite ulcerosa e malattia di Crohn.

    Colite ulcerosa

    La colite ulcerosa è un'infiammazione cronica del colon o di tutto l'organo. La malattia di solito si sviluppa molto lentamente, quindi è già presente in una forma cronica. Sullo sfondo della colite ulcerosa, i pazienti sviluppano ulcere sanguinanti che passano nel retto. La colite ulcerosa può presentarsi sotto forma di:

    • proctite (il sito dell'infiammazione è localizzato nell'area rettale);
    • proctosigmoidite (infiammazione combinata del sigma e del retto);
    • colite sinistra (infiammazione del sigma e del colon);
    • pancite (lesione del colon);
    • colite fulminante (infiammazione dell'intestino con rapida necrotizzazione delle aree).

    La forma più grave negli adulti è il pancitismo, la colite fulminante è piuttosto rara, ma è questa forma di malattia che dà la più grande mortalità.

    La malattia di Crohn

    La grave malattia dell'intestino, accompagnata da necrosi e granulomatosi, è chiamata malattia di Crohn. Le lesioni patologiche si applicano non solo alla mucosa intestinale, ma anche ai tessuti più profondi. Nei casi avanzati, il processo patologico può portare alla formazione di fistole, conseguente cicatrizzazione dei tessuti, presenza di aderenze. La malattia di Crohn causa forti dolori e frequenti diarree. Ciò è dovuto al ridotto assorbimento dei nutrienti.

    Il quadro clinico della malattia di Crohn è vario - dal più lieve al grave. I sintomi appaiono sia improvvisamente che gradualmente. La malattia di Crohn può essere sospettata per i seguenti motivi:

    • frequenti attacchi di diarrea;
    • crampi e dolore nell'addome;
    • diminuzione dell'appetito;
    • sangue nelle feci;
    • nausea, vomito;
    • perdita di peso improvvisa;
    • la comparsa di ulcere.

    Diagnosi della malattia

    Di solito, dopo aver raccolto l'anamnesi, il medico può fare una diagnosi preliminare - "infiammazione dell'intestino", ma per chiarire il quadro della malattia e una diagnosi accurata, sono necessarie ulteriori ricerche.

    1. Analisi clinica del sangue. Come risultato di un esame del sangue, si può stabilire un aumento della velocità di eritrosedimentazione - un sintomo classico per le malattie infiammatorie. Determinato anche dal numero in eccesso di leucociti.
    2. Un coprogramma è uno studio delle masse fecali, che consente di stabilire la quantità di enzimi alimentari e valutare la qualità dello stomaco.
    3. Analisi batteriologica delle feci - uno studio sui batteri. Con questa analisi è possibile non solo identificare questi o altri batteri patogeni, ma anche determinare la loro sensibilità agli antibiotici.
    4. Il Fibroesofagogastroduodenoscopia è uno studio multifunzionale che utilizza un sistema a fibre ottiche (tubi con telecamera e illuminazione integrata), che consente di valutare le condizioni della mucosa duodenale e dello stomaco. Se necessario, durante l'analisi, i medici possono prendere un pezzo di tessuto per una biopsia.
    5. La colonscopia è un'analisi simile a FEGDS, ma il sistema viene inserito attraverso l'ano e viene valutata la mucosa del colon. Puoi diagnosticare le infiammazioni e valutarle.
    6. L'endoscopia capsulare video è il metodo di ricerca più moderno, durante il quale il paziente ingoia una capsula passando attraverso tutte le parti dell'intestino. Le informazioni percepite dalla capsula vengono trasmesse a un computer speciale tramite onde radio e elaborate dal programma. Pertanto, i medici ricevono tutti i dati sul tratto gastrointestinale del paziente.

    Trattamento dell'infiammazione intestinale

    La scelta della terapia piuttosto che il trattamento dell'infiammazione intestinale si basa sulla scoperta della causa dell'infiammazione. A seconda di cosa ha causato l'infiammazione, viene selezionato il principale complesso di farmaci e viene determinata una strategia su come trattare il disturbo con i farmaci più efficaci.

    Per alleviare l'infiammazione intestinale, gli antibiotici sono più spesso utilizzati (Sumamed, Klacid, Flemoxin Soluteb, Flagyl), immunosoppressori, farmaci antielmintici (Albendazole, Piperazin, Praziquantel) e soppressori del metiluracile.

    Un fattore importante nel trattamento delle malattie infiammatorie è la dieta. Ai pazienti è vietato mangiare carni grasse, carni affumicate, cibi fritti, cibi salati e acidi. Il cibo viene cotto a vapore, si consiglia ai pazienti di attenersi alla dieta numero 5, come nella gastrite e nelle ulcere gastriche. Mangiare meglio a casa, piuttosto che mangiare fast food. Su consiglio di un medico, è possibile bere erbe che riducono l'infiammazione.

    Per rimuovere le tossine, ai pazienti vengono prescritti assorbenti che legano le sostanze nocive e assicurano il normale funzionamento dell'intestino. Con la mancanza di enzimi, si raccomandano i seguenti medicinali: Mezim, Pancreatina, Pangrol e Creonte. Per alleviare gli spasmi, gli spasmolitici sono tradizionalmente prescritti: No-shpu, Trimedat, Spasmomen o Mebeverin.

    Farmaci anti-infiammatori per l'intestino

    L'infiammazione intestinale è una condizione grave e pericolosa che può essere scatenata da diversi fattori. Nel trattare un disturbo, la causa esatta del disturbo è sempre stabilita, dal momento che è importante eseguire non solo la terapia anti-infiammatoria, ma anche eliminare la principale fonte della malattia. Per diagnosticare il processo infiammatorio in una qualsiasi delle sezioni intestinali, possono essere prescritti vari esami, inclusi ultrasonografia e test generali. Dopo aver confermato la presenza di un nidulo, uno dei farmaci efficaci viene selezionato per sopprimere il processo infiammatorio.

    Farmaci anti-infiammatori per l'intestino

    Cause di infiammazione intestinale

    I seguenti fattori possono provocare una malattia:

    • infezione da parassiti, in particolare chiaramente la violazione si manifesta in presenza di un tipo misto di elmintiasi;
    • lesione infettiva, che può anche essere innescata da trichomonads;
    • malattie autoimmuni, durante il corso delle quali il corpo prende le sue cellule per alienare e inizia a distruggerle;
    • predisposizione genetica, più spesso manifestata sullo sfondo della mancanza di alcuni enzimi per la digestione;
    • errori nell'alimentazione, specialmente quando sono appassionati di cibi grassi, speziati e scarsamente arrostiti;
    • anomalie nel rifornimento di sangue all'intestino, che possono essere innescate da processi oncologici e malattie del sistema cardiovascolare;
    • violazione della microflora intestinale dovuta a farmaci o altri fattori provocatori;
    • lo sviluppo di enterite si manifesta solo in una zona o in tutta la porzione dell'intestino tenue;
    • l'aspetto della duodenite, un processo infiammatorio nel duodeno e nella piccola parte del tubo digerente;
    • mesadenite, un processo infiammatorio che interessa il sistema linfatico intestinale;
    • colite associata alla formazione di infiammazione nel colon.

    Infiammazione intestinale all'interno

    Attenzione! Tutte le condizioni descritte possono verificarsi in forma cronica e acuta, soprattutto quando il colon è interessato. In alcuni casi, la fase acuta può durare per 4 settimane, dopo di che sarà completamente guarita o diventare cronica.

    Asakol contro l'infiammazione intestinale

    Il farmaco è disponibile in diverse forme farmacologiche, la sua scelta dipende dalla posizione del processo infiammatorio e dalla sua lunghezza.

    Preparazioni antibatteriche per intestini

    L'infezione intestinale è una malattia comune. Gli antibiotici sono usati per trattare nel 25% dei casi di malattia intestinale. La prescrizione di farmaci antibatterici dovrebbe essere effettuata da un medico, in quanto gli antibiotici non hanno alcun effetto su alcuni virus. Gli antibiotici sono prodotti in ampolle, compresse e capsule. Il principale segno dell'infiammazione intestinale è il mal di stomaco. Per proteggersi da gravi conseguenze, per il dolore addominale, è necessario consultare un medico.

    In caso di infezione intestinale, non si può fare a meno della terapia antibiotica radicale.

    Quando è prescritto?

    I farmaci antibatterici sono prescritti quando i sintomi della malattia sono acuti con febbre, dolore al taglio nell'addome, diarrea, vomito. Con il dolore grave, gli antibiotici vengono utilizzati per eliminare l'infezione che causa la malattia, che appartengono ai gruppi di cefalosporine e fluorochinoloni. Hanno un ampio spettro di recitazione e una maggiore sensibilità alla flora gram-negativa.

    Tipi di antibiotici

    Gli agenti antimicrobici appartenenti alla cefalosporina di terza generazione della terza generazione sono considerati efficaci: Gatifloxacina, Citafloxacina. Lo strumento "Rifampicin" non viene assorbito e colpisce in modo sicuro su pazienti di età diverse. Riduce il rischio di varie complicazioni e riduce il numero di decessi. Effetti simili hanno farmaci "Bacitracin", "Ramoplanin".

    Con infezione intestinale

    Se è accertato quali patogeni hanno portato alla malattia, è possibile utilizzare antibiotici aminoglicosidici, penicillina e tetraciclina. Il corso dura da diversi giorni a una settimana e dipende dalla gravità della malattia. Un comune è il farmaco "Levomitsetin". Il farmaco ha un ampio effetto antimicrobico e colpisce efficacemente i microbi che causano infezioni intestinali acute.

    Antibiotici per bambini

    "Ersefuril" è un farmaco attivo per molti tipi di batteri che provocano infezioni nell'intestino. L'effetto di risparmio sul corpo e la mancanza di assorbimento ne consentono l'uso per il trattamento dei bambini. Produce protezione antimicrobica. Per il trattamento delle infezioni intestinali, ai bambini vengono prescritti farmaci antibatterici che hanno un principio attivo contro i microbi:

    • "Amoxicillina" (500 mg) - 1 capsula 2 volte al giorno;
    • "Ceftriaxone" (20 mg per 1 kg di peso corporeo) - le iniezioni vengono somministrate 2 volte al giorno per via intramuscolare, per gli adulti, viene utilizzata 1 fiala per dose;
    • "Nifuroksazid" - 1 misurino 3 volte al giorno.

    La frequenza e il dosaggio del trattamento sono prescritti e ulteriormente regolati da un medico. Il corso del trattamento è individuale per ogni paziente e dipende da molti fattori: la gravità dei sintomi, la risposta del corpo al farmaco, la forza dell'effetto dell'antibiotico sul virus-patogeno. Per le malattie infantili, gli antibiotici sono usati con cautela e solo in casi estremi.

    Per gli adulti

    L'elenco di antibiotici che sono prescritti per gli adulti con una malattia infettiva intestinale:

    • "Ampicillina", "Amoxicillina" - 1 capsula 2 volte al giorno;
    • "Imipenem" - iniezioni, a 0, 25 ml per 1 kg di peso corporeo 3 volte al giorno;
    • "Ceftriaxone" - iniezioni, 1 fiala 2 volte al giorno;
    • "Aztreonam" - iniezioni, da 0,5 fiale fino a 2 volte al giorno, la dose massima - 1 fiala.

    Le infezioni intestinali acute provocano microrganismi patogeni: Escherichia coli, Salmonella e Giardia. Gli antibiotici non possono uccidere E. coli, quindi il loro effetto sarà inutile. La Giardiasi è trattata al meglio con Metronidazolo. Si applica a 0, 25 ml con un intervallo di 8 ore. Il corso del trattamento è di 1 settimana.

    Con infiammazione intestinale

    Per l'infiammazione intestinale vengono utilizzati antibiotici fluorochinolonici. Con dissenteria o salmonellosi, aumenta la formazione di gas, la diarrea, l'innalzamento della temperatura, il paziente è tormentato da sete acuta, dolore acuto nell'addome. Questa malattia viene trattata con "Ofloxacina", "Ciprofloxacina" (in una fiala del farmaco da 100 mg) e altri antibiotici di questa serie. Forse l'uso combinato con "Biseptol".

    Antibiotici per bambini

    Nell'infanzia, la protezione immunitaria è più debole. Una volta nel corpo del bambino, il patogeno patogeno intestinale provoca il processo infiammatorio. Avendo notato i primi sintomi che indicano l'infiammazione dell'intestino, o il bambino ha un mal di stomaco, è necessario consultare immediatamente un medico per un consiglio. Per il sollievo della salmonellosi, viene prescritto "Sumamed", un medicinale che uccide organismi che causano infezioni gastrointestinali. La composizione di "Sumamed" comprende azitromicina, che colpisce una vasta gamma di organismi patogeni. Il farmaco ha un effetto parsimonioso, può essere usato per curare i bambini. Prendi "Sumamed" 1 capsula 1 volta al giorno. La dose totale è di 3 capsule per 3 giorni.

    Per eliminare la proliferazione di batteri prendere "Nifuroksazid", "Nifuratel". Questi farmaci sono efficaci quando trattiamo la giardiasi o l'amebiasi. L'uso di antibiotici nell'infanzia deve essere effettuato con grande cura, poiché agendo su batteri e aree infiammate, influisce negativamente sulla microflora intestinale.

    Per gli adulti

    Nell'infiammazione intestinale, il compito principale della terapia è quello di eliminare il processo infiammatorio e normalizzare la microflora intestinale. L'infiammazione del tratto gastrointestinale negli adulti è trattata con i seguenti farmaci:

    L'infiammazione intestinale negli adulti è trattata con Sulfasalazina, Prednisolone o Azatioprina.

    • "Sulfasalazina": i principi attivi contenuti nella composizione si accumulano sulle pareti intestinali e bloccano lo sviluppo di microrganismi che provocano il processo infiammatorio. Produce effetti antimicrobici.
    • "Prednisolone" - si riferisce ai glucocorticosteroidi e ha un forte effetto anti-infiammatorio. Attiva il sistema immunitario. Nominato in casi gravi di infiammazione intestinale.
    • "Azatioprina" - si riferisce a immunosoppressori non ormonali. Influenza la proliferazione cellulare e viene utilizzata per l'infiammazione intestinale meno frequentemente rispetto ai precedenti farmaci.

    Nei casi in cui il trattamento con uno dei farmaci non produce l'effetto desiderato, ricorrere a trattamenti complessi con diversi mezzi. Gli antibiotici trattano l'infiammazione intestinale nel caso in cui le condizioni del paziente non possano essere influenzate da farmaci più semplici. I farmaci prescrittivi devono eseguire un medico dopo i test e le prove.

    Come trattare l'intestino con antibiotici: regole di ammissione

    C'è una serie di regole che devono essere seguite quando si trattano con antibiotici. L'uso spericolato non darà i risultati desiderati e aumenterà il rischio di complicazioni. È necessario informare immediatamente il medico degli effetti collaterali dell'antibiotico o delle manifestazioni di reazioni allergiche e interrompere l'assunzione del medicinale. È severamente vietato adeguare in modo indipendente la dose prescritta dal medico.

    Una delle condizioni principali per un risultato positivo è la continuità del ciclo di trattamento.

    Il trattamento antibiotico richiede una dieta speciale. Non puoi mangiare cibi affumicati, fritti e grassi, l'alcol è assolutamente controindicato. Gli antibiotici influenzano negativamente la funzionalità epatica, quindi la dieta dovrebbe essere delicata e non produrre un carico sul fegato. Nel caso dell'uso di antibiotici per bambini, si raccomanda di tenere una lista in cui ogni ammissione è registrata per un controllo più rigoroso.

    Effetto sulla flora intestinale

    L'assunzione di antibiotici ha un effetto negativo sulla composizione della flora intestinale. Appaiono i seguenti sintomi: mal di stomaco, appetito peggiore, nausea. Agendo su agenti patogeni, l'antibiotico danneggia i batteri benefici. Il medico prescrive i probiotici per proteggere l'intestino. L'assunzione di un antibiotico produce un effetto anti-batterico istantaneo e allevia il dolore. Insieme agli antibiotici, i probiotici dovrebbero essere usati per ripristinare buoni batteri e proteggere la microflora intestinale: Bifistim e Probifor. Prendi i probiotici per 3 capsule al giorno.

    È possibile fare a meno di loro?

    Nella maggior parte dei casi, la terapia delle infezioni intestinali avviene senza l'uso di medicinali antibiotici. Ma ci sono casi in cui la forma acuta della patologia deve essere immediatamente trattata da un forte impatto sui microbi patogeni. Assicurati di utilizzare in malattie infettive che causano l'infiammazione delle pareti intestinali. Lo scopo del farmaco si verifica dopo la semina per la rilevazione di agenti patogeni dell'infezione intestinale. Ma è meglio evitare il trattamento con mezzi simili.