logo

Dolore allo stomaco dopo vomito

Il vomito è una reazione naturale del tratto gastrointestinale quando è impossibile digerire cibi grassi e con vari tipi di avvelenamento. Per qualche tempo dopo, una persona potrebbe provare dolore nella regione epigastrica. Quando lo stomaco fa male dopo il vomito, questo è un fenomeno abbastanza normale, perché per liberarsi del cibo che è entrato in esso, il nostro organo muscolare di digestione si spasma e lo rimuove sotto pressione. Tuttavia, il dolore incessante può essere una complicazione del campo di intossicazione. Come determinarlo, ridurre il disagio e migliorare le condizioni dopo l'intossicazione alimentare?

La natura e l'intensità del dolore

Il dolore può persistere per diversi giorni dopo l'avvelenamento o un'infezione intestinale, fino al termine della fase acuta della malattia. Allo stesso tempo, il miglioramento dovrebbe verificarsi già dopo il primo giorno dopo la comparsa dei primi sintomi.

L'intensità e la natura del dolore addominale dopo l'avvelenamento possono essere diverse: opaco, dolente, tagliente, lancinante. In questo caso, il disagio può scomparire, quindi riapparire. I tagli nello stomaco si manifestano solitamente per intossicazione da alcol o per ingestione di batteri patogeni nel tratto gastrointestinale. Il dolore doloroso è caratteristico dello sviluppo di qualsiasi processo infiammatorio, ad esempio durante la formazione di un'ulcera gastrica.

Il meccanismo di comparsa del dolore gastrico

Il meccanismo del dolore dopo il vomito è dovuto al fatto che quando è impossibile neutralizzare le tossine e digerire il cibo che è caduto in esso, lo stomaco interrompe il processo di digestione e l'intestino non consente cibo non digerito. Pertanto, si verifica nausea, la peristalsi rallenta e il cibo lascia il corpo attraverso l'esofago sotto forma di vomito. Il dolore può essere sentito al centro sotto le costole o sopra l'ombelico. Quando le tossine hanno avuto il tempo di entrare nell'intestino, il dolore può diffondersi nell'addome. Se vomiti a lungo, anche l'esofago soffre, poiché le sue pareti sono erose dal passaggio di vomito contenente tossine e acido gastrico.

Inoltre, l'avvelenamento può essere un fattore scatenante per lo sviluppo di malattie croniche che non sono state rilevate prima, ma solo una persona era sul punto di manifestarsi. Dopo il vomito, lo stomaco fa male quando, ad esempio, una vittima di intossicazione era sull'orlo della gastrite, e fattori come un carico aggiuntivo sul tratto gastrointestinale e uno squilibrio acido nello stomaco causato da avvelenamento hanno innescato il primo attacco.

L'intossicazione alimentare grave può auto-provocare la gastrite, specialmente quando i problemi con alta acidità si sono verificati molto tempo prima. La toxicoinfettiva batterica, associata al vomito, irrita le pareti dello stomaco e quindi il dolore.

Un'ulcera allo stomaco può formarsi se nel corpo è entrata un'infezione molto aggressiva. Se, dopo aver vomitato, lo stomaco fa male per una settimana, allora questa è una chiara complicazione e prima visiterai il dottore, prima potrai liberarti del sintomo sgradevole. Tale reazione può essere dovuta a salmonellosi o dissenteria.

Succede che dopo il rilascio di vomito abbondante dopo il vomito, l'esofago fa male - questo suggerisce che l'acido potrebbe mangiare nelle sue pareti e ulcere formate su di loro. L'erosione dell'esofago, così come l'ulcera e la gastrite, richiede un trattamento adeguato in ospedale.

Se una persona ha mangiato verdure viziate, allora il dolore nella regione epigastrica dopo vomito indica lo sviluppo di gastroenterite. Oltre alle sensazioni dolorose, questa malattia è accompagnata da sintomi come nausea e frequenti feci molli.

Dolore causato da avvelenamento da alcol

L'avvelenamento da alcol è una delle cause più comuni di dolore allo stomaco. L'uso eccessivo e la combinazione errata di bevande alcoliche finisce quasi sempre con l'intossicazione. La persona si sente molto stordita, nauseabonda e completamente disorientata. L'ingestione di grandi dosi di etanolo danneggia le pareti dello stomaco e uccide indiscriminatamente la microflora GI naturale e benefica. Dopo il vomito, il dolore addominale si verifica a causa dell'assorbimento di prodotti di decadimento di etanolo nelle pareti dello stomaco e dell'intestino.

Naturalmente, se si beve un bel po 'di bevanda alcolica di alta qualità, non ci sarà alcun danno, ma quando la dipendenza dall'alcol si verifica e le dosi di veleno entrano continuamente nello stomaco, la sua mucosa collassa gradualmente. La forza della bevanda e il grado di danno allo stomaco sono direttamente proporzionali. L'alcol, che contiene più del 20% di etanolo, distrugge molto profondamente le mucose dello stomaco, raggiungendo i vasi sanguigni. Per questo motivo, il dolore allo stomaco dopo l'avvelenamento da alcol sta tagliando. Allo stesso tempo, la sindrome del dolore sarà infastidita fino a quando i postumi della sbornia saranno finiti e il periodo di recupero dopo l'intossicazione sarà finito.

La ragione per l'appello urgente al dottore

Se, dopo aver vomitato, il mal di stomaco è nella maggior parte dei casi la reazione abituale all'ingresso di batteri patogeni nel tratto gastrointestinale. Tuttavia, se c'è un intero complesso di sintomi pericolosi, un medico dovrebbe essere consultato immediatamente. Tra loro ci sono:

  • vomito e diarrea con striature sanguinanti e muco;
  • aumento o, al contrario, riduzione della temperatura;
  • debolezza e malessere generale;
  • interruzione del sistema respiratorio;
  • labbra secche e mucose, urine scure;
  • dopo il vomito, il mal di schiena fa male, indicando un'alta concentrazione di acido urico, che può portare a disfunzione renale;
  • dolore che non va via per molto tempo.

Se dopo l'avvelenamento sono comparsi improvvisamente i dolori e gli spasmi parossistici aggravanti in qualsiasi area dell'addome o della schiena, allora dovresti immediatamente contattare un'ambulanza. Questo può essere un sintomo di appendicite acuta, insufficienza renale, ulcera perforata o infiammazione del pancreas - pancreatite, che non è meno pericoloso per la vita.

Quando una persona per lungo tempo senza una misura prendeva l'alcol e successivamente sconfiggeva una dipendenza perniciosa, ma il dolore allo stomaco non passava, ma al contrario si intensifica - questo è anche un motivo per andare da uno specialista.

Esaminare e determinare l'eziologia del dolore nello stomaco dopo il vomito grave non fa male in alcun modo. Che si tratti di intossicazione alimentare o infezione intestinale, il trattamento di queste malattie deve essere effettuato in un ospedale. Solo uno specialista, analizzando il decorso della malattia e avendo diagnosticato, sarà in grado di prescrivere un trattamento adeguato, che aiuterà ad evitare complicazioni gravi dopo l'intossicazione, provocando il verificarsi di dolore allo stomaco.

Metodi tradizionali di trattamento

Cosa devo fare se mi fa male lo stomaco dopo aver vomitato? Puoi vincere il dolore da solo ricorrendo ai metodi di trattamento più diffusi. Qual è l'obiettivo principale di tale terapia? Le mucose dell'organo digestivo muscolare sono danneggiate e l'acido cloridrico e gli enzimi digestivi aggravano questa condizione e rallentano il processo di guarigione delle aree colpite. Pertanto, le pareti dello stomaco devono essere protette dalle sostanze irritanti esterne dagli agenti e dai prodotti di rivestimento. Va tenuto presente che il cibo non dovrebbe essere pesante, dal momento che il tratto gastrointestinale non è ancora diventato più forte dopo un attacco tossico. Per questa vestibilità perfetta:

  • brodo di pollo magro o aspic;
  • uova crude;
  • farina d'avena liquida bollita in acqua o latte con acqua in un rapporto 50/50.

Questi piatti a causa della loro viscosità per un certo periodo proteggeranno le mucose dello stomaco e gli consentiranno di recuperare. Inoltre, sono nutrienti e facili da digerire, che non sovraccaricano il sistema digerente indebolito.

Nonostante il dispendio di cibo, la sindrome del dolore può persistere per lungo tempo. Il dolore allo stomaco dopo il vomito è ben rimosso:

  • decotto di camomilla;
  • succo di aloe;
  • olivello spinoso o olio di lino.

La camomilla calma e guarisce e il succo di aloe aiuta le zone danneggiate a stringere e ripristinare la precedente struttura delle mucose. L'olio pulisce, migliora la peristalsi e aiuta le tossine nel minor tempo possibile a lasciare il corpo. Se si ricorre ai metodi di trattamento più diffusi, il dolore allo stomaco scompare entro due o tre giorni dalla comparsa, poiché il tessuto muscolare tende ad essere rapidamente aggiornato.

Modalità di alimentazione

Senza una dieta ben organizzata non si può fare. Se continui ad usare cibo piccante, grasso e malsano, bevendolo con l'alcol, i metodi popolari sono impotenti, così come i farmaci.

È necessario imparare una regola semplice: affinché il dolore vada via, e lo stomaco funzioni, come prima, è necessario mangiare in piccole porzioni, senza rinunciare agli spuntini e non mangiare. Solo in questo caso, lo stomaco ripristinerà lentamente la sua funzione digestiva e non sovraccaricherà.

Se il dolore è sparito, ciò non significa che tu possa lasciare il regime. Per un po 'di tempo, devi seguire una dieta: riso ben cotto, farina d'avena, patate bollite pestate senza olio, verdure in umido, carne o pesce bollito o al forno, kefir magro o yogurt fatto in casa è il miglior menu per il recupero.

Trattamento farmacologico

I farmaci per il trattamento del dolore allo stomaco sono prescritti individualmente da un medico dopo una diagnosi. Tuttavia, puoi anche aiutare te stesso a liberarti delle tossine. Per eliminare il dolore, puoi prendere il non-silos e, per superare rapidamente la flora patogena, hai bisogno di un enterosorbente, come il carbone bianco o attivato, il polisorbito o il sorbex. Per ottenere un risultato più morbido, ma non meno efficace, vengono utilizzati smect e enterosgel.

Per ripristinare la microflora naturale del tratto gastrointestinale, saranno necessari prebiotici e probiotici, come lacidofil, forte di hilak, bifilatto, lattato o yogurt in capsule.

Dovrebbe essere chiaro che il dolore crescente non viene trattato in questo modo. Se la complicazione dopo l'avvelenamento è un'ulcera, allora l'auto-ammissione di forti assorbenti può danneggiare e peggiorare la situazione. Pertanto, se hai dolore allo stomaco che dura più di tre giorni, dovresti visitare immediatamente un gastroenterologo.

Sulla base delle informazioni di cui sopra, possiamo concludere che il dolore dopo l'avvelenamento è di varia intensità e localizzazione. Se parliamo di dolore discreto nello stomaco dopo il vomito, allora questo è un fenomeno naturale, che di solito va via con il recupero. Quando il dolore è acuto, aggravato e tagliente, allora è un segnale di allarme che è necessario contattare il medico e prendere misure urgenti.

Perché dopo il vomito fa male lo stomaco


Il vomito è un complesso processo riflesso associato all'eccitazione del centro vomito. Vale la pena capire - perché, dopo il processo di vomito, una persona sente dolore allo stomaco e come affrontarlo?

Sintomi caratteristici

Una persona può vomitare, indipendentemente dall'età, se c'è una malattia, questo processo avviene indipendentemente. Vale la pena ricordare che la presenza di nausea non è necessaria. Ci sono malattie per le quali il riflesso del vomito è il sintomo principale.

I sintomi normali dovrebbero essere considerati:

  1. nausea;
  2. aumento di ipersalivazione;
  3. accelera o respira in modo irregolare.

Dopo il vomito, una persona avverte spesso sudorazione eccessiva, vertigini, debolezza, calo della pressione, aumento / diminuzione della temperatura corporea, pallore, tachicardia.

Cosa dovrebbe essere attribuito alle cause del processo emetico?

Prima di tutto, dovresti sapere che il vomito esiste di diversi tipi - di riflesso e di origine centrale. Il più comune tra i pazienti - riflesso.

Il vomito di origine centrale è un indicatore di irritazione del centro centrale del vomito con varie tossine. Ci sono molte ragioni per questo:

  1. la presenza di una malattia diabetica, complicata dall'acidosi;
  2. insufficienza renale acuta con un sintomo di uremia;
  3. ambiente batterico;
  4. intossicazione / intossicazione (spesso provoca un aumento della temperatura corporea);
  5. malattia di anoressia;
  6. la presenza di disturbi nevrotici;
  7. irritazione delle strutture cerebrali responsabili di questo processo;
  8. presenza di lesione cerebrale traumatica.

Il vomito può essere causato non solo da problemi gastrointestinali, ma anche da diete, problemi psicologici, che portano alla comparsa di anoressia e bulimia.

Con l'anoressia, il processo di vomito diventa abituale e il paziente praticamente non ingrassa, il corpo è esaurito. Bulimia ha le stesse proprietà.

Queste malattie sono provocate dalla violenta stimolazione del centro emetico, di solito dopo aver mangiato.

Il vomito periferico ha un'origine semplice. Appare con una pressione sulla radice della lingua, con irritazione delle terminazioni nervose nella bocca, apparato vestibolare o con pressione sullo stomaco, duodeno.

Il vomito è un riflesso protettivo del corpo per il cibo spazzatura, il suo ristagno nel corpo.

Spesso, il processo è la salvezza nell'intossicazione alimentare. Ciò porta al normale stato di salute di una persona, salvando il corpo da cibo di scarsa qualità.

Quali sono le conseguenze del vomito?

A volte, il processo aiuta il corpo a purificarsi, ma questo non deve essere abusato, dal momento che il vomito parossistico è la causa della disidratazione, della compromissione delle sue funzioni erboristiche, ed è irto della comparsa di malattie, squilibrio elettrolitico.

Quando il vomito indomabile inizia a fuoriuscire del succo gastrico, che è progettato per digerire il cibo, questo indica la necessità di lasciare il corpo di oligoelementi e minerali, che ha un effetto negativo.

Dopo aver vomitato lo stomaco fa male cosa fare

Il vomito è una reazione naturale del tratto gastrointestinale quando è impossibile digerire cibi grassi e con vari tipi di avvelenamento. Per qualche tempo dopo, una persona potrebbe provare dolore nella regione epigastrica. Quando lo stomaco fa male dopo il vomito, questo è un fenomeno abbastanza normale, perché per liberarsi del cibo che è entrato in esso, il nostro organo muscolare di digestione si spasma e lo rimuove sotto pressione. Tuttavia, il dolore incessante può essere una complicazione del campo di intossicazione. Come determinarlo, ridurre il disagio e migliorare le condizioni dopo l'intossicazione alimentare?

La natura e l'intensità del dolore

Il dolore può persistere per diversi giorni dopo l'avvelenamento o un'infezione intestinale, fino al termine della fase acuta della malattia. Allo stesso tempo, il miglioramento dovrebbe verificarsi già dopo il primo giorno dopo la comparsa dei primi sintomi.

L'intensità e la natura del dolore addominale dopo l'avvelenamento possono essere diverse: opaco, dolente, tagliente, lancinante. In questo caso, il disagio può scomparire, quindi riapparire. I tagli nello stomaco si manifestano solitamente per intossicazione da alcol o per ingestione di batteri patogeni nel tratto gastrointestinale. Il dolore doloroso è caratteristico dello sviluppo di qualsiasi processo infiammatorio, ad esempio durante la formazione di un'ulcera gastrica.

Il meccanismo di comparsa del dolore gastrico

Il meccanismo del dolore dopo il vomito è dovuto al fatto che quando è impossibile neutralizzare le tossine e digerire il cibo che è caduto in esso, lo stomaco interrompe il processo di digestione e l'intestino non consente cibo non digerito. Pertanto, si verifica nausea, la peristalsi rallenta e il cibo lascia il corpo attraverso l'esofago sotto forma di vomito. Il dolore può essere sentito al centro sotto le costole o sopra l'ombelico. Quando le tossine hanno avuto il tempo di entrare nell'intestino, il dolore può diffondersi nell'addome. Se vomiti a lungo, anche l'esofago soffre, poiché le sue pareti sono erose dal passaggio di vomito contenente tossine e acido gastrico.

Inoltre, l'avvelenamento può essere un fattore scatenante per lo sviluppo di malattie croniche che non sono state rilevate prima, ma solo una persona era sul punto di manifestarsi. Dopo il vomito, lo stomaco fa male quando, ad esempio, una vittima di intossicazione era sull'orlo della gastrite, e fattori come un carico aggiuntivo sul tratto gastrointestinale e uno squilibrio acido nello stomaco causato da avvelenamento hanno innescato il primo attacco.

L'intossicazione alimentare grave può auto-provocare la gastrite, specialmente quando i problemi con alta acidità si sono verificati molto tempo prima. La toxicoinfettiva batterica, associata al vomito, irrita le pareti dello stomaco e quindi il dolore.

Un'ulcera allo stomaco può formarsi se nel corpo è entrata un'infezione molto aggressiva. Se, dopo aver vomitato, lo stomaco fa male per una settimana, allora questa è una chiara complicazione e prima visiterai il dottore, prima potrai liberarti del sintomo sgradevole. Tale reazione può essere dovuta a salmonellosi o dissenteria.

Succede che dopo il rilascio di vomito abbondante dopo il vomito, l'esofago fa male - questo suggerisce che l'acido potrebbe mangiare nelle sue pareti e ulcere formate su di loro. L'erosione dell'esofago, così come l'ulcera e la gastrite, richiede un trattamento adeguato in ospedale.

Se una persona ha mangiato verdure viziate, allora il dolore nella regione epigastrica dopo vomito indica lo sviluppo di gastroenterite. Oltre alle sensazioni dolorose, questa malattia è accompagnata da sintomi come nausea e frequenti feci molli.

Dolore causato da avvelenamento da alcol

L'avvelenamento da alcol è una delle cause più comuni di dolore allo stomaco. L'uso eccessivo e la combinazione errata di bevande alcoliche finisce quasi sempre con l'intossicazione. La persona si sente molto stordita, nauseabonda e completamente disorientata. L'ingestione di grandi dosi di etanolo danneggia le pareti dello stomaco e uccide indiscriminatamente la microflora GI naturale e benefica. Dopo il vomito, il dolore addominale si verifica a causa dell'assorbimento di prodotti di decadimento di etanolo nelle pareti dello stomaco e dell'intestino.

Naturalmente, se si beve un bel po 'di bevanda alcolica di alta qualità, non ci sarà alcun danno, ma quando la dipendenza dall'alcol si verifica e le dosi di veleno entrano continuamente nello stomaco, la sua mucosa collassa gradualmente. La forza della bevanda e il grado di danno allo stomaco sono direttamente proporzionali. L'alcol, che contiene più del 20% di etanolo, distrugge molto profondamente le mucose dello stomaco, raggiungendo i vasi sanguigni. Per questo motivo, il dolore allo stomaco dopo l'avvelenamento da alcol sta tagliando. Allo stesso tempo, la sindrome del dolore sarà infastidita fino a quando i postumi della sbornia saranno finiti e il periodo di recupero dopo l'intossicazione sarà finito.

La ragione per l'appello urgente al dottore

Se, dopo aver vomitato, il mal di stomaco è nella maggior parte dei casi la reazione abituale all'ingresso di batteri patogeni nel tratto gastrointestinale. Tuttavia, se c'è un intero complesso di sintomi pericolosi, un medico dovrebbe essere consultato immediatamente. Tra loro ci sono:

  • vomito e diarrea con striature sanguinanti e muco;
  • aumento o, al contrario, riduzione della temperatura;
  • debolezza e malessere generale;
  • interruzione del sistema respiratorio;
  • labbra secche e mucose, urine scure;
  • dopo il vomito, il mal di schiena fa male, indicando un'alta concentrazione di acido urico, che può portare a disfunzione renale;
  • dolore che non va via per molto tempo.

Se dopo l'avvelenamento sono comparsi improvvisamente i dolori e gli spasmi parossistici aggravanti in qualsiasi area dell'addome o della schiena, allora dovresti immediatamente contattare un'ambulanza. Questo può essere un sintomo di appendicite acuta, insufficienza renale, ulcera perforata o infiammazione del pancreas - pancreatite, che non è meno pericoloso per la vita.

Quando una persona per lungo tempo senza una misura prendeva l'alcol e successivamente sconfiggeva una dipendenza perniciosa, ma il dolore allo stomaco non passava, ma al contrario si intensifica - questo è anche un motivo per andare da uno specialista.

Esaminare e determinare l'eziologia del dolore nello stomaco dopo il vomito grave non fa male in alcun modo. Che si tratti di intossicazione alimentare o infezione intestinale, il trattamento di queste malattie deve essere effettuato in un ospedale. Solo uno specialista, analizzando il decorso della malattia e avendo diagnosticato, sarà in grado di prescrivere un trattamento adeguato, che aiuterà ad evitare complicazioni gravi dopo l'intossicazione, provocando il verificarsi di dolore allo stomaco.

Metodi tradizionali di trattamento

Cosa devo fare se mi fa male lo stomaco dopo aver vomitato? Puoi vincere il dolore da solo ricorrendo ai metodi di trattamento più diffusi. Qual è l'obiettivo principale di tale terapia? Le mucose dell'organo digestivo muscolare sono danneggiate e l'acido cloridrico e gli enzimi digestivi aggravano questa condizione e rallentano il processo di guarigione delle aree colpite. Pertanto, le pareti dello stomaco devono essere protette dalle sostanze irritanti esterne dagli agenti e dai prodotti di rivestimento. Va tenuto presente che il cibo non dovrebbe essere pesante, dal momento che il tratto gastrointestinale non è ancora diventato più forte dopo un attacco tossico. Per questa vestibilità perfetta:

Questi piatti a causa della loro viscosità per un certo periodo proteggeranno le mucose dello stomaco e gli consentiranno di recuperare. Inoltre, sono nutrienti e facili da digerire, che non sovraccaricano il sistema digerente indebolito.

Nonostante il dispendio di cibo, la sindrome del dolore può persistere per lungo tempo. Il dolore allo stomaco dopo il vomito è ben rimosso:

  • decotto di camomilla;
  • succo di aloe;
  • olivello spinoso o olio di lino.

La camomilla calma e guarisce e il succo di aloe aiuta le zone danneggiate a stringere e ripristinare la precedente struttura delle mucose. L'olio pulisce, migliora la peristalsi e aiuta le tossine nel minor tempo possibile a lasciare il corpo. Se si ricorre ai metodi di trattamento più diffusi, il dolore allo stomaco scompare entro due o tre giorni dalla comparsa, poiché il tessuto muscolare tende ad essere rapidamente aggiornato.

Modalità di alimentazione

Senza una dieta ben organizzata non si può fare. Se continui ad usare cibo piccante, grasso e malsano, bevendolo con l'alcol, i metodi popolari sono impotenti, così come i farmaci.

È necessario imparare una regola semplice: affinché il dolore vada via, e lo stomaco funzioni, come prima, è necessario mangiare in piccole porzioni, senza rinunciare agli spuntini e non mangiare. Solo in questo caso, lo stomaco ripristinerà lentamente la sua funzione digestiva e non sovraccaricherà.

Se il dolore è sparito, ciò non significa che tu possa lasciare il regime. Per un po 'di tempo, devi seguire una dieta: riso ben cotto, farina d'avena, patate bollite pestate senza olio, verdure in umido, carne o pesce bollito o al forno, kefir magro o yogurt fatto in casa è il miglior menu per il recupero.

Trattamento farmacologico

I farmaci per il trattamento del dolore allo stomaco sono prescritti individualmente da un medico dopo una diagnosi. Tuttavia, puoi anche aiutare te stesso a liberarti delle tossine. Per eliminare il dolore, puoi prendere il non-silos e, per superare rapidamente la flora patogena, hai bisogno di un enterosorbente, come il carbone bianco o attivato, il polisorbito o il sorbex. Per ottenere un risultato più morbido, ma non meno efficace, vengono utilizzati smect e enterosgel.

Per ripristinare la microflora naturale del tratto gastrointestinale, saranno necessari prebiotici e probiotici, come lacidofil, forte di hilak, bifilatto, lattato o yogurt in capsule.

Dovrebbe essere chiaro che il dolore crescente non viene trattato in questo modo. Se la complicazione dopo l'avvelenamento è un'ulcera, allora l'auto-ammissione di forti assorbenti può danneggiare e peggiorare la situazione. Pertanto, se hai dolore allo stomaco che dura più di tre giorni, dovresti visitare immediatamente un gastroenterologo.

Sulla base delle informazioni di cui sopra, possiamo concludere che il dolore dopo l'avvelenamento è di varia intensità e localizzazione. Se parliamo di dolore discreto nello stomaco dopo il vomito, allora questo è un fenomeno naturale, che di solito va via con il recupero. Quando il dolore è acuto, aggravato e tagliente, allora è un segnale di allarme che è necessario contattare il medico e prendere misure urgenti.

Copio il mio primo post, dopo che ci sarà una continuazione

2009-06-24 14:46:31 Julia

Inizierò, forse, da molto lontano... mia zia è una donna calma e modesta. solo la sua vita personale non ha funzionato - il marito l'ha lasciata quando mia sorella non aveva ancora un anno. Ora ha 24 anni, zia 46, ma per tutto questo tempo ha avuto, sembra 2 partner. Non ho mai visto il secondo, ma mia madre dice che lo era, con il primo ha vissuto circa sei mesi. tutti. è sempre sola, sua figlia scompare sempre da qualche parte, la nonna e il nonno sono morti, e prima di allora è stata ammalata a lungo e si è presa cura di loro. vale a dire Il programma di ogni giorno è già un anno di anno in anno per mia zia - lavoro, cucina casalinga, televisione, lavoro. circa 3 anni andò in chiesa, rimase bloccato nei poufas, govoila, che era brava lì, poi gettò. stesso. a un certo punto smise di rispondere alle chiamate di sua madre. poi la mamma andò a casa sua. È venuta scioccata.

In generale, la zia afferma che le armi psicotropiche sono testate su di lei e tutti leggono informazioni da lei, sente voci che, per così dire, non le parlano, ma le fanno sapere che la stanno guardando.

Qui, per esempio, al lavoro. lavora nella squadra maschile (una specie di impresa militare e segreta) e ora legge tutte le informazioni da lei, la guarda, e lei è arrabbiata ed eccitata (sessualmente), ed è ancora più arrabbiata e lei è cattiva va in bagno e schiuma di lacrime, e quando esce, tutti la guardano e le dicono mentalmente di "lavorare, lavorare". o un esempio del genere - un dipendente è venuto al posto di lavoro, e ha pensato a se stessa, "beh, ecco un altro cavallo a pedali", e ha immediatamente colpito il mouse, si è girata, e lui la stava guardando...

quando lei viene dal lavoro, 200 persone hanno letto le informazioni da lei, li ha contati. possono essere evitati solo se lei appena prima di scendere dall'autobus alla sua fermata, non esce e va oltre, poi la perdono e solo allora si sente bene.

a casa... a casa leggono le informazioni attraverso sua figlia. e ora mia madre sta parlando con lei - e anche loro la leggono. La mamma cercò per la prima volta di dirle che ci aveva pensato da sola, ma sentì che non le avrebbe detto nulla e decise di giocare, cercò di spiegare che potevano leggere persone importanti. e con la zia nulla da prendere, perché lei non ha importanza. così la zia dice che guardano come reagirà. e ha mostrato che due adolescenti con i telefoni erano passati nelle vicinanze - qui sono costantemente in giro e leggono da esso (nella vita reale, probabilmente vivono solo nella casa successiva). e ha anche costantemente un aereo che sorvola la casa (la linea aerea va solo all'aeroporto e questi aerei sono volati lì, per quanto mi ricordo), così anche lui legge e suona solo per lei, così lei sa che lui la sta guardando.

quando la mamma ha cercato di dimostrarle che tutto ciò che dice è sbagliato, ha detto che non mi credi.

ha comprato riviste e giornali sull'argomento e legge. la sorella (sua figlia) ha raccolto questi giornali, quindi ora è cattiva e legge anche da lei. la madre ha provato a ragionare con le citazioni dalle stesse riviste. è stato scritto lì che puoi sbarazzarti dell'influenza di quest'arma psicotropa rivolgendoti a Dio o al potere dei tuoi pensieri. La mamma ha cercato di spiegarle come proteggersi da questa influenza con le immagini visive... è stata d'accordo

e questo è quando viene letto da esso, brucia dentro. a cui la mamma ha cercato di spiegare che aveva mal di stomaco da molto tempo e che poteva bruciare e vomitare con la schiuma di quelle pillole dimagranti che stava bevendo. ma è inutile.

In generale, tutto ciò che viene intorno viene letto da lei e le viene dato sapere (Dio non voglia, qualcuno la guarderà con un telefono in mano - e tutti guardano dappertutto) e lasciò la chiesa e con l'idoneità, perché anche lì tutti leggono e mia figlia e mia sorella legge. e sembra che al lavoro ci sia una dipendente che le piace e le impone l'idea che se "si libera" da solo, la sposerà, ma capisce che è stato il suo naso a essere guidato e tutto questo è stato appositamente studiato e quindi lasciato dalla chiesa (un po 'come è stata invitata a lavorare in chiesa) e per molto tempo e lei è così cattiva e sola a casa ci pensa solo tutto il tempo, ed è dura e nulla a desiderare e lei stessa dice che lei o il tetto viaggerà da tutto questo, o imporrà le mani su se stesso.

era già allo psicologo e quando ha completato il corso, ha detto che ora non aveva paura che si sarebbe suicidata, perché nello stato in cui era venuta da lui, si trovavano già in ospedale. e si sentì meglio per un po ', sua madre disse che era ancora più allegra. e poi si disgregò e divenne persino peggiore di prima dello psicologo. ora dice di leggere anche le sue informazioni e di non essere più trattata.

così sabato è venuta a trovarci, si è seduta e ha parlato (ancora una volta hanno discusso su come proteggersi mentalmente, piuttosto che su come riprendere i miei pensieri, in modo che non pensasse - è stata d'accordo con noi, lasciata come era normale. lei non risponde al telefono, lei non prende il telefono, anche se la figlia chiama. Ieri sua madre ha chiesto a sua figlia di darle un telefono, e sua zia ha detto che abbiamo fatto un pazzo con lei e che non avrebbe parlato con nessuno e non nel villaggio mangiare (loro e la loro madre sono impegnati nel miglioramento domestico lì e questo è molto importante per loro e loro già prima abbiamo accettato di andare, e anche lei non parla con sua figlia, può solo rispondere sì o no, è seduta, legge la Bibbia tutto il tempo.

In tutti gli altri aspetti - assolutamente normale persona adeguata. fino a quando non tocchi questo argomento e dici che la mamma non le crede.

Per favore. dimmi cosa devo fare in questa situazione, come aiutare mia zia e prevenire il suicidio?

La mamma pensava che se le argomentazioni non fossero state d'aiuto, la zia pensò tutto a se stessa, poi le disse di avere in testa della spazzatura perché era sola, ma aveva paura. quindi non era peggio. cosa fare? abbiamo paura per lei!

2009-07-02 10:10:19 Consulente - Yaroslav Vladimirovich Stovburg

Medico residente della clinica psichiatrica del principale ospedale clinico militare, Kiev

informazioni di consulente

Risposta: Ciao Julia! Le violazioni che descrivi indicano la presenza di un disturbo mentale nella zia. In questo caso, è necessario mostrarlo a uno psichiatra, avrai bisogno di farmaci.

è successo che mia zia è andata a Kharkov, ha detto che è andata lì in chiesa ed è stata lì fino al momento attuale, tornando periodicamente a casa per 1-2 giorni e in quel momento ha guardato e parlato quasi normalmente e con calma, abbiamo anche sperato che si normalizzasse. una settimana fa è tornata e ha detto che era già permanentemente ed era più o meno adeguata, ma oggi tutto è tornato con una forza ancora maggiore - dice ancora la stessa cosa, urla a sua figlia, la nasconde con oscenità che lei, insieme a tutti loro, ha nella sua testa il chip e tutto il mondo la insegue e il suo vicino fa il giro del quartetto, sente il pavimento cigolare sotto di lui, generalmente una vecchia canzone, ma mia figlia è scappata da sua nonna in preda al panico, dice che non può sentire questa assurdità lampi di rabbia.

la domanda è: consigliare sul posto una visita con uno psichiatra, ma non sappiamo come organizzarlo, perché la zia afferma che lei è normale e che non ha bisogno di un medico, ma per quanto ne so. Secondo le nostre leggi, un paziente non può essere raccolto e trattato se non è d'accordo. possono essere presi con la forza solo se il paziente è pericoloso per se stesso o per gli altri. ma entra lei non si butta dal balcone e non si precipita alle persone, semplicemente urla a sua figlia e porta delle sciocchezze - come stare in questa situazione? perché è chiaro che l'uomo è inadeguato, ma non pericoloso. come. ma oggi, ad esempio, ha afferrato dolorosamente sua figlia per mano. quando stava per andarsene. Mia madre ha paura che non abbia fatto niente a sua figlia per la rabbia, vivono insieme, e quindi apparentemente non è pericolosa, dimmi come essere in questa situazione? può essere in lichku [email protected]

Quasi tutti gli adulti soffrivano di dolori addominali, accompagnati da vomito. Ciò può essere causato sia da cause minori che da sintomi di gravi malattie, quindi se si verifica un dolore prolungato nell'addome, consultare immediatamente un medico che prescriverà test e diagnosi. La malattia non si ferma, il vomito e il dolore aumentano solo col tempo, quindi non dovresti esitare con l'aiuto medico.

motivi

Le cause del dolore addominale in un bambino o in un adulto possono essere diverse:

  • La stitichezza è un ritardo nel movimento intestinale, accompagnato da mal di testa, forte dolore all'addome inferiore e nausea. Spesso la stitichezza si verifica da una dieta scorretta, uno stile di vita sedentario. Il trattamento della stitichezza comprende la dieta corretta (rifiuto di prodotti farinacei, riso, consumo attivo di verdure). Il trattamento farmacologico e i clisteri devono essere usati solo su prescrizione medica.
  • L'intolleranza al lattosio nei bambini è spesso accompagnata da forte dolore addominale e desiderio emetico. Se sospetti questa malattia, dovresti consultare un medico che farà una diagnosi accurata e prescriverà una dieta speciale per il bambino.
  • Gravidanza. La tossicosi è una malattia che di solito si verifica in una donna durante il primo trimestre di gravidanza, spesso accompagnata da nausea e vomito, dopo i quali lo stomaco può essere doloroso. In rari casi, la tossicosi richiede un intervento medico serio, ma per il dolore grave, dovresti consultare un medico.
  • Le allergie possono essere accompagnate da dolori allo stomaco o all'intestino. La cosa più importante nel trattamento delle allergie - per trovare il cosiddetto allergene ed escludere i prodotti che lo contengono dalla dieta.
  • Il ciclo mestruale nelle donne è spesso accompagnato da forti dolori all'addome inferiore. In queste donne, l'utero si trova di solito con una leggera inclinazione all'indietro, che è accompagnata da una contrazione particolarmente forte dei centri nervosi durante le mestruazioni. Il vomito durante le mestruazioni si verifica meno frequentemente, questo può essere dovuto ad un eccesso di liquido nel corpo, effetti collaterali dall'assunzione di contraccettivi orali e forte sforzo fisico. Quando le mestruazioni sono meglio non esporre il tuo corpo allo stress e limitare il riposo attivo, in modo da non aggravare lo sviluppo dei sintomi.
  • Lo stress. C'è un'opinione secondo cui il 90% di tutto il dolore è associato a disturbi nervosi. La loro migliore prevenzione è di proteggersi da effetti stressanti il ​​più possibile.

Il dolore come sintomo di una malattia

Se il dolore addominale non è associato a nessuno dei precedenti motivi e continua per un lungo periodo, questo è un motivo per allertare seriamente e vedere un medico il prima possibile. Forse questi dolori sono un segno di una grave malattia.

Se il torace è dolorante dopo il vomito, un dolore acuto all'addome non si attenua per diversi giorni, e talvolta si può verificare anche vomito di bile, in ogni caso non è possibile posticipare la chiamata del medico.

  • La gastrite è la causa più comune di dolore addominale. Oltre a loro, la malattia è accompagnata dai seguenti sintomi: bruciore allo stomaco, frequente eruttazione, scarso appetito, placca della lingua, costante sensazione di pesantezza allo stomaco, stitichezza o viceversa diarrea. La gastrite viene curata andando da un medico e ricevendo un piano di trattamento individuale e una dieta. L'automedicazione è spesso un errore e porta solo a una maggiore progressione della malattia. La gastrite acuta viene curata con la lavanda gastrica, la selezione di una dieta delicata, l'assunzione di farmaci. Se la gastrite viene trovata cronica, allora prescrivi la terapia antibiotica, i farmaci per normalizzare l'acidità nel corpo.
  • Un'ulcera allo stomaco Se fa male lo stomaco e il vomito, si verificano frequenti stitichezza e eruttazione, questo è un segno di un'eventuale ulcera allo stomaco. Il dolore è solitamente acuto o pugnale. Un gastroenterologo diagnostica la malattia e il trattamento è contenuto nella prescrizione di antibiotici, farmaci antiacidi e aderenza a una dieta speciale. Con la perfezione della tecnologia moderna, a volte si scopre di curare completamente l'ulcera peptica.
  • L'appendicite è un processo infiammatorio del processo del cieco. È caratterizzata da dolori che aumentano con il tempo nel lato destro dell'addome, il paziente inizia a vomitare senza sosta, e dopo aver vomitato lo stomaco fa male, la temperatura aumenta. Il trattamento dell'appendicite è chirurgico, consiste nel rimuovere l'appendice. Senza trattamento tempestivo, la malattia sfocia in peritonite - rottura dell'appendice del cieco, provocando un grave processo infiammatorio nella regione addominale.
  • Pancreatite - infiammazione del pancreas. Molto spesso, il dolore è localizzato nella parte superiore dell'addome. Il trattamento della pancreatite è una dieta rigorosa, che prende antidolorifici.
  • La colecistite è un'infiammazione della colecisti, spesso caratterizzata da dolore nell'addome destro. Di solito, il dolore si verifica con convulsioni a causa di uno spasmo dei muscoli della vescica. Ci sono colecistite acuta e cronica, il trattamento avviene attraverso la stretta aderenza alla dieta, che include pasti frequenti, l'esclusione di cibi fritti e malsani, un rifiuto completo dell'alcool. Inoltre, a discrezione del medico, possono essere prescritti antibiotici e fisioterapia.
  • Influenza - una malattia infettiva, accompagnata, oltre al dolore nell'addome, debolezza generale del corpo, febbre. Il trattamento dell'influenza gastrica è prescritto dal medico, include il riposo a letto, la stabilizzazione della temperatura corporea e la nomina di farmaci stabilizzanti per lo stomaco.
  • Tubercolosi. Spesso, il mal di schiena nella tubercolosi del midollo spinale viene percepito dai pazienti come dolore addominale, ma la peritonite tubercolare è la causa più comune. L'addome è generalmente ingrossato, la palpazione provoca dolore acuto. Il trattamento della peritonite tubercolare consiste nella chemioterapia a lungo termine e si possono applicare metodi chirurgici di trattamento. Sono prescritti ulteriori farmaci liquidi assorbibili.
  • Ernia. Quando un'ernia viene strangolata, lo stomaco spesso fa male e si ha un soffocamento. La diagnosi della malattia è complicata, poiché il dolore si diffonde in tutto l'addome. Il trattamento di un'ernia inguinale strangolata è esclusivamente chirurgico e si dovrebbe cercare immediatamente un aiuto medico.
  • Epatite. Il dolore dell'epatite è uno dei molti sintomi di questa terribile malattia. Nella diagnosi di epatite B sono prescritti esami del sangue, test del DNA e antigeni. Il trattamento dell'epatite comprende il riposo a letto e il consumo di farmaci che superano i sintomi corrispondenti.

diagnostica

Quando si riferisce a un medico per una diagnosi accurata, di solito prescrive un esame completo, iniziando con un semplice esame del paziente. La palpazione della cavità addominale permetterà al medico di suggerire una diagnosi approssimativa del paziente, tuttavia, ci possono essere casi di compressione riflessa degli organi addominali associati allo stress del paziente, e non con la stessa malattia.

Metodi diagnostici più accurati sono l'ecografia dello stomaco e dell'addome. Oltre a lui, il medico può anche prescrivere un'ecografia dei reni e degli organi pelvici.

Per rilevare la gastrite o l'ulcera peptica, viene prescritta un'analisi del succo gastrico, che mostra la concentrazione di vari microrganismi nello stomaco.

L'analisi delle urine è quasi sempre prescritta, dà al medico un'idea generale del lavoro dei reni e del fegato.

I più rari tipi di diagnostica sono la roentgenoscopia e l'esame ginecologico. Il primo tipo consente di rilevare eventuali cambiamenti nell'aspetto dell'intestino e il secondo tipo determinerà la presenza di malattie riproduttive, come la gravidanza extrauterina.

prevenzione

Molto spesso, il dolore nello stomaco e nella regione addominale è causato da malattie del tratto gastrointestinale. Chiunque può ammalarsi, ma seguendo semplici regole aiuterà a minimizzare il rischio di sviluppare una malattia del sistema digestivo:

  • limitazione dello sforzo fisico insopportabile, riposo adeguato dopo l'allenamento;
  • camminare, stile di vita attivo;
  • aderenza alla dieta, l'esclusione dalla dieta di prodotti non nocivi per la salute;
  • igiene alimentare (lavarsi le mani prima di mangiare, oltre a frutta e verdura fresca);
  • è richiesta una colazione leggera;
  • osservare l'equilibrio dell'acqua nel corpo e monitorare la quantità di fluido consumato.

conclusione

Cosa fare quando si verifica un dolore addominale grave? Prima di tutto, è necessario cercare di stabilire la loro causa esatta e, se necessario, consultare un medico per lo scopo di test e una diagnosi accurata. Non automedicare, poiché spesso questo può solo aggravare la situazione.

In caso di gravi malattie gastrointestinali, gravi dolori allo stomaco sono accompagnati da eruttazione e bruciore di stomaco.

La presenza di sintomi come:

  • mal di stomaco
  • alito cattivo
  • bruciore di stomaco
  • diarrea
  • costipazione
  • eruttazione
  • aumento della formazione di gas (flatulenza)

Se hai almeno 2 di questi sintomi, allora questo indica uno sviluppo

gastrite o ulcera.

Queste malattie sono pericolose per lo sviluppo di gravi complicanze (penetrazione, sanguinamento gastrico, ecc.), Molte delle quali possono portare a

fino alla fine Il trattamento deve iniziare ora.

Leggi l'articolo su come una donna si è sbarazzata di questi sintomi sconfiggendo la loro causa principale con un metodo naturale. Leggi il materiale...

Al fine di determinare le cause del vomito, è necessario rilevare il momento della sua insorgenza, calcolare la frequenza con cui si ripete, cogliere la connessione tra assunzione di cibo e attacco di vomito, notare se c'è dolore e valutare la natura del vomito. Nelle malattie del tratto gastrointestinale, il vomito è solitamente preceduto da nausea.

Vomito dopo aver mangiato

Il vomito è presto e tardi. Il vomito precoce può verificarsi durante i pasti. È provocata da un danno organico all'esofago: un'ulcera, una deformità da tumore o da cicatrice, oltre a disordini nevrotici. Più il cibo è aspro e più denso, più il disturbo è forte. Se una persona ha una nevrosi, il cibo denso non provoca disagio, ma piuttosto passa bene attraverso il tratto digestivo.

Il vomito tardivo supera le 4 ore dopo aver mangiato, quando una persona si sdraia o si china. In questo caso, le persone provano dolore dietro lo sterno. Con il vomito esofageo, il cibo non digerito esce con la saliva e il muco.

Se una persona soffre di ulcere duodenali o gastriche, il vomito spesso lo visita. Il riflesso del vomito si attiva più spesso immediatamente dopo un pasto. In caso di ulcera duodenale, il paziente è tormentato dal dolore nella parte superiore dell'addome. Dopo il vomito, il dolore si riduce, quindi alcune persone lo provocano per ridurre la loro sofferenza.

Vomito dopo aver mangiato

Vomito e nausea possono superare una persona sia insieme che separatamente. Molto spesso questi due processi sono strettamente correlati. Dopotutto, la nausea è la sensazione di un imminente atto di vomito. Il vomito è una scarica involontaria dalla bocca di tutto ciò che è contenuto nello stomaco. Prima di vomitare si osserva generalmente un'attività respiratoria ritmica ostruita. Il vomito "a zampillo" è una forma grave di vomito, che indica un aumento della pressione intracranica.

La nausea è solitamente associata ad una ridotta attività dello stomaco. I cambiamenti nel sistema nervoso autonomo sono evidenziati da una grave nausea, che è accompagnata da scottature della pelle, aumento della sudorazione e abbondanti sbavature.

Un forte atto emetico può rompere l'esofago o il rivestimento dello stomaco, perché il vomito persistente e forte aumenta la pressione.

Temperatura dopo il vomito

Nella stagione calda aumenta il numero di avvelenamenti con prodotti di bassa qualità. Dopo tutto, le alte temperature creano condizioni favorevoli per l'allevamento di bastoncini e patogeni intestinali. In caso di avvelenamento, in un primo momento una persona ha dolore all'addome e grave nausea, e poi la temperatura aumenta. Dopo aver vomitato, la condizione è un po 'più facile, ma la temperatura non cade immediatamente.

La temperatura dopo il vomito suggerisce che il veleno è entrato nel sangue. È pericoloso e inutile auto-medicare, è meglio chiamare immediatamente un'ambulanza. Dopotutto, è necessario eliminare non solo lo stomaco, ma anche il sangue. Per lavare lo stomaco, devi bere molta acqua tiepida e fare pressione sulla radice della lingua. Al fine di rimuovere i veleni dal sangue, è necessario bere diuretici, che costringerà i reni a lavorare più velocemente. Se questo non viene fatto in tempo, i reni smetteranno di funzionare.

Devi anche prendere una specie di assorbente, per esempio Enterosgel. Nausea, vomito e febbre possono essere non solo nell'intossicazione alimentare, ma anche in malattie gravi come dissenteria, salmonellosi o epatite A. Per liberarsi rapidamente della malattia, devi andare all'ospedale, altrimenti puoi morire.

Vomito dopo l'alcol

Vomitare dopo l'alcol è il principale segno di avvelenamento da alcol o sbornia. Tutte le persone che hanno mai consumato alcolici, hanno sperimentato avvelenamenti di varia gravità. È possibile evitare l'avvelenamento da alcol solo se non si beve alcolici. Ma la mentalità russa non accetta un completo rifiuto dell'alcol, solo se una persona è codificata, non berrà mai nulla, e questo non è un dato di fatto. In modo che dopo la festa non vomiti, dovresti cercare di non bere molto. Nessun esercizio, come il pre-consumo di burro o carbone attivo, non aiuterà se la persona non conosce le misure. Bello guardare una persona che può bere. Canta, si diverte, balla e si comporta adeguatamente. Per imparare come comportarsi in modo decente durante le vacanze, devi determinare la tua norma e non superarla mai. Altrimenti, prima o poi smetterai semplicemente di invitare. Una persona che beve fino alla fine di tutte le bottiglie provoca pietà e disgusto, soprattutto se, dopo aver bevuto, non può parlare, andare a tenere il contenuto dello stomaco all'interno.

L'avvelenamento da alcool è sempre accompagnato da mal di testa, nausea, secchezza delle fauci, debolezza, debolezza generale e gastrointestinale. È impossibile limitare il vomito durante l'avvelenamento da alcol, perché in questo modo il corpo si protegge dalle gravi conseguenze del veleno.

Cosa mangiare dopo aver vomitato?

Qualche volta dopo il vomito è meglio non mangiare nulla. Se sei preoccupato per la fame, puoi bere un tè forte con pangrattato o essiccatoi non zuccherati. Il giorno dopo, puoi già mangiare un porridge liquido nell'acqua o bere del brodo di pollo. Per calmare la mucosa gastrica, puoi bere un decotto di semi di lino o qualcosa di avvolgente. Superba agisce l'acqua di riso.

Puoi mangiare tutto quello che vuoi, ma non farti coinvolgere in ketchup, maionese o salse. È meglio rifiutarli per un po '. Se il vomito è causato da un'infezione, la dieta deve essere seguita più a lungo e più severamente.

Cosa fare dopo aver vomitato?

Se il vomito è causato da intossicazione alimentare, dopo è necessario lavare lo stomaco. E poi bevi qualche compressa di carbone attivo, al ritmo di: 1 compressa per 10 kg di peso. Se, a parte il vomito, una persona è preoccupata per la diarrea e la debolezza generale, allora ha un'infezione intestinale. Inutile fare l'automedicazione qui, comunque, solo gli antibiotici possono aiutare contro l'infezione. Dobbiamo chiamare immediatamente un'ambulanza.

Tali farmaci come "Zeercal" e "Motilium" possono fermare il vomito. Il primo farmaco agisce direttamente sul cervello. È usato nelle lesioni traumatiche del cervello, gastroenterite, malattie renali, emicrania e atonia dello stomaco. "Motilium" agisce sullo stomaco, non permettendo al cibo di spuntare indietro.

Dopo aver vomitato, è necessario bere acqua bollita o minerale spesso e in piccoli volumi. Perché il vomito prolungato disidrata e impoverisce il corpo.

Dopo aver vomitato sangue

Non aver paura se il sangue appare nel vomito, succede con i vasi deboli. Rafforza superbamente i vasi sanguigni "Askorutin", è possibile acquistarlo in qualsiasi farmacia.

L'atto emetico è controllato dal midollo. Il vomito e la nausea sono manifestazioni di disordini funzionali e organici. È difficile classificare in qualche modo i meccanismi del vomito, perché non sono abbastanza chiari. Le condizioni acute della cavità addominale portano ad un "addome acuto" e sono accompagnate da vomito. La nausea si verifica quando un organo interno si infiamma e può verificarsi in colecistite acuta, appendicite, peritonite e ostruzione intestinale. Con infarto miocardico e insufficienza cardiaca congestizia, si verifica grave nausea.

Vomito dopo antibiotici

Antibiotici - questa è una cosa molto seria, senza la quale a volte è semplicemente impossibile da fare. Molte malattie non possono essere curate senza una seria terapia antibiotica. Non dovresti prescriverti antibiotici, perché possono avere molti effetti collaterali. Solo un medico dovrebbe prescrivere antibiotici. In caso contrario, possono verificarsi nausea, vomito e indigestione.

La nausea si verifica in gravi malattie endocrine quali insufficienza surrenalica, acidosi diabetica e così via. All'inizio della gravidanza, la nausea si verifica a causa di cambiamenti ormonali.

La chemioterapia e i farmaci hanno molti effetti collaterali, tra cui mal di testa, nausea e vomito. Il farmaco irrita la mucosa gastrica e il midollo allungato riceve un segnale che è ora di pulirlo.

Un bambino ha vomito dopo aver mangiato

Se il vomito in un bambino è intenso e permanente, è necessario esaminare e trattare il bambino. Ma senza un chiaro bisogno di medici di un bambino, non ne vale la pena, perché molti bambini non tollerano tutti i tipi di test. Può essere difficile e praticamente impossibile fare un'ecografia o un cardiogramma che deve essere fatto a una certa età.

Se un bambino perde peso, beve molta acqua, non cresce, mangia poco, si ammala e spesso vomita, quindi è tempo di vedere un medico.

Prima di visitare il medico, puoi provare a correggere la situazione da solo, ad esempio, per nutrire il bambino in piccole porzioni e spesso. Se un bambino piange o si comporta irrequieto, non attaccarlo a lui con la zuppa o il porridge. I bambini dovrebbero mangiare quando lo vogliono loro stessi. In nessun caso puoi forzare il cibo. Forse al bambino semplicemente non piace il sapore di qualche piatto, quindi lo rifiuta. Se forzato, può verificarsi vomito.

Vomito dopo l'intervento chirurgico

Una parte integrante del trattamento è considerata una corretta alimentazione del paziente. Dopo l'intervento, il metabolismo potrebbe essere disturbato. Pertanto, è importante fare una dieta adeguata in modo che una persona si senta bene.

Immediatamente dopo l'intervento, il vomito si verifica a causa dell'azione della narcosi. Affinché una persona non soffochi le masse vomito, qualcuno dovrebbe essere vicino a lui. Devi girare la testa di lato e mettere un bacino nelle vicinanze.

Come indurre il vomito dopo aver mangiato?

Al fine di indurre il vomito dopo aver mangiato, è necessario bere due litri di acqua salata calda e mettere un clistere. Alcuni bevono olio vegetale per provocare un atto emetico sufficiente per bere un bicchiere. Molte donne causano vomito dopo aver mangiato per perdere peso. Questo, ovviamente, è sciocco, ma ha un posto in cui essere.

Vomito dopo la vaccinazione

La vaccinazione è una questione molto seria. Affinché la persona dopo di lei si senta normale, è necessario prepararsi adeguatamente e provare a seguire le raccomandazioni del medico dopo. Dopo la vaccinazione può tirare fuori, aumento della temperatura e mal di testa. In effetti, una microdosi di qualche grave malattia viene introdotta nel corpo e il corpo può resistere.

Vomito dopo l'allattamento

Dopo l'allattamento, tutti i bambini rutti, questo processo non può essere chiamato vomito. L'aria e il latte in eccesso dovrebbero uscire, altrimenti il ​​bambino avrà un mal di pancia e sarà capriccioso. Se dopo aver mangiato il bambino si rompe, allora è necessario consultare un medico. Il vomito costante non permetterà ai nutrienti di rimanere nel corpo e il bambino smetterà di crescere. Il normale guadagno di peso e una buona crescita indicano lo sviluppo, se ciò non accade, il bambino potrebbe morire.

Vomito dopo la tosse

Tutti i bambini sono malati, tosse e naso che cola - questi sono fenomeni normali, che passano rapidamente con un trattamento adeguato. Tuttavia, se il bambino sta tossendo fino a vomitare, allora dovrebbe immediatamente andare dal medico. Una tosse secca dura che termina con il vomito potrebbe indicare una pertosse. I bambini con questa malattia semplicemente soffocano dalla tosse, il loro viso diventa rosso, inizia la lacrimazione. Di notte, la condizione peggiora solo.

Fa male lo stomaco dopo il vomito

Dopo aver vomitato, lo stomaco potrebbe iniziare a ferire. Dopotutto, l'atto emetico tende i muscoli addominali e l'intero tratto digestivo. Quando si mangia troppo, una persona si sente male. Il fastidio nell'addome si verifica quando si mangia velocemente, perché nello stomaco si ottiene molta aria, che porta a gas e costipazione.

Mal di gola dopo vomito

Il vomito e la nausea sono fenomeni piuttosto spiacevoli, dopo i quali una persona si sente come un "limone spremuto". Mal di testa, disagio, perdita di appetito - questo è il minimo che attende una persona dopo il vomito. Dopo il vomito, può verificarsi un mal di gola perché il contenuto acido dello stomaco brucia l'esofago. L'atto emetico mette a dura prova i muscoli dell'intero apparato digerente.