logo

Cause del dolore esofageo

L'esofago è il collegamento tra la bocca e lo stomaco attraverso cui si muove il cibo. Assicurati il ​​fast food nello stomaco, dopo di che quando deglutisci - la funzione principale dell'esofago. Funzione alterata accompagna il dolore nell'esofago, difficoltà a deglutire mentre passa il cibo.

Le sensazioni dolorose nell'esofago ostacolano le prestazioni generali e l'ingestione di cibo.

Quadro clinico

Disagio alla gola, difficoltà a deglutire il cibo, ritorno del contenuto, sensazione di dolore dietro lo sterno sono sintomi comuni che dipendono dal loro grado di sviluppo. I disturbi dell'esofago si manifestano con diversi sintomi:

  • Il sintomo principale è un disturbo della deglutizione. Una sensazione spiacevole nella gola si presenta inaspettatamente, senza alcuna ragione visibile. All'inizio, i sintomi spiacevoli non sono persistenti, appaiono nella laringe con la fretta di assorbimento del cibo o forte agitazione. La complessità del disturbo dipende dalla forma della malattia dell'organo che non è correlata alla sua durata. Nella disfagia, la malattia si manifesta selettivamente. Il paziente può ingoiare l'acqua senza difficoltà e i problemi si verificano nel passaggio dei latticini attraverso la gola. È difficile deglutire i cibi solidi. Dopo l'alimentazione, appare una sensazione pressante nel petto, il battito cardiaco si accelera e compare una respirazione pesante.
  • Eruttazione è il secondo sintomo. Il rigurgito può verificarsi immediatamente dopo l'alimentazione o dopo un po '. Inclinazione, stress fisico, tensione peritoneale provocano il movimento inverso del contenuto, l'aria. Il vomito può essere insignificante o abbondante.
  • Pain. Allungando le pareti dell'esofago, le contrazioni involontarie portano a disagio nello sterno. Il dolore nell'esofago si verifica durante il passaggio del cibo. Fiammata dolorosa che dura da un secondo a diversi minuti, che si estende alla schiena, al collo, alla mascella, all'orecchio.
  • Bruciore di stomaco.

motivi

Il dolore nell'esofago parla di una deviazione nel lavoro dell'organo. La valutazione della sua forza, natura, permette di trarre una conclusione sulla malattia prima dell'esame. Le principali situazioni in cui il dolore si verifica nell'esofago sono:

esofagite

La malattia del canale digestivo, che è accompagnata da infiammazione della mucosa. Secondo le statistiche, esofagite, la malattia più comune che può colpire gli strati più profondi dell'organo alimentare. La forza del dolore dipende dal grado del processo infiammatorio. La causa sono circostanze dannose a breve termine:

  • infezione;
  • lesioni;
  • ustioni;
  • allergia.

La malattia si manifesta in forma sia grave che cronica con periodi di esacerbazione e condizioni di calma.

riflusso

Esofagite - infiammazione della mucosa, causata dal rilascio inverso del contenuto dello stomaco. La complicazione può essere asintomatica o con un quadro clinico chiaro. Il dolore sordo nell'esofago spesso accompagna questa complicazione. Nel processo, vengono aggiunti ulteriori segni di disagio e complicazioni. Il livello e la complessità dei quali dipendono dalla quantità di rilascio, frequenza, acidità, capacità del corpo di resistere.

Ogni gruppo di età ha osservato differenze. Negli adulti, si manifestano per il dolore allo sterno e una sensazione di coma nella gola. I bambini più grandi sentono bruciore di stomaco frequente, bruciore al petto, gola. Nei bambini, la complicazione è accompagnata da vomito frequente, rigurgito. I sintomi sopra riportati si verificano dopo aver mangiato.

La comparsa di tumori sulle pareti del corpo - la causa della patologia. Il più delle volte colpisce le sezioni inferiore e media. Nelle fasi iniziali della malattia non si sente. Il disagio emergente nella laringe durante la deglutizione, il passaggio del cibo e la deglutizione indicano un problema esistente. Il tumore provoca spasmo delle pareti dell'organo, blocca il passaggio, che impedisce al cibo di passare attraverso l'esofago. Dolore nell'esofago durante la deglutizione, opaco a destra dietro lo sterno, tra le scapole - un sintomo tardivo. Il suo aspetto indica la diffusione del tumore ad altri organi o l'accessione di esofagite.

Lesione traumatica

Può causare malattie Sono divisi in:

  • chiuso (danno interno alla mucosa);
  • aperto (persona ferita in petto, collo).

Ogni tipo di danno è accompagnato da segni clinici individuali. Il loro meno è una manifestazione tardiva, già allo stadio dello sviluppo purulento. Il sintomo principale è il dolore. C'è un dolore acuto, che si trasforma nella parte posteriore della testa, nella parte posteriore, nella zona delle scapole, nella parete anteriore del peritoneo. Si arricchisce prendendo cibo e esaminando un organo.

Il quadro delle lesioni chimiche e termiche è più chiaro. L'ustione provoca la distruzione delle cellule della mucosa nella faringe, nello stomaco e nel tratto digestivo. Il recupero del paziente è ostacolato dalla cicatrizzazione dei tessuti danneggiati, il che rende difficile la deglutizione.

Ernia diaframmatica

Malattia protratta in cui viene spostata la parte superiore del canale alimentare, lo stomaco nella regione dello sterno. Questa complicanza è la causa del processo infiammatorio nei tessuti del tubo digerente. Il dolore opaco e pressante è il primo sintomo che accompagna l'aspetto di un'ernia. Fa male al petto dopo aver mangiato, quando ti pieghi, tossisci. Il paziente può lamentarsi: io ingoio la saliva - dà all'orecchio. Il sollievo in un paziente viene dopo vomito, rigurgito, eruttazione. La somiglianza dei sintomi con l'ulcera peptica, la pancreatite e l'angina pectoris richiede un'attenta differenziazione. Spesso l'ernia si verifica in combinazione con le malattie elencate.

gravidanza

La condizione speciale del corpo femminile, che può causare anomalie nel suo lavoro. Problemi nel sistema digestivo - uno di questi. Il più comune:

  • Reflusso - esofagite. L'aumento dell'utero durante la gravidanza mette sotto pressione lo stomaco, aumenta la pressione interna e provoca il reflusso alimentare (il contenuto viene gettato nell'esofago). Burping, gola infuocata, retrogusto amaro quando rutta nella laringe - i principali segni di frustrazione. A volte la complicazione è accompagnata da un dolore pressante dietro lo sterno.
  • Ernia. Le condizioni cliniche delle donne in gravidanza si adattano ai sintomi delle donne non gravide. Nelle donne, spesso inizia a dolere dietro lo sterno, c'è una sensazione di bruciore alla gola, vomito e abbondante salivazione, aggravata dalla flessione, nella posizione prona.

In ogni caso, le future madri hanno bisogno di un approccio individuale. Altre anomalie, accompagnate da dolore opaco e pressante, sono presentate:

  • disturbi funzionali;
  • diverticolo;
  • acalasia.

Quando provi a deglutire, c'è una difficoltà: il sintomo principale che combina tre cause. Diventa doloroso al momento della deglutizione, in rari casi il dolore non è associato alla nutrizione. Per determinare la diagnosi, viene eseguito un esame a raggi X in relazione a metodi diagnostici più complessi.

terapia

È possibile scoprire perché fa male dietro lo sterno, ottenere una consulenza, scoprire quale approccio è necessario per garantire il trattamento, in visita da un medico - un gastroenterologo. Il paziente sta facendo un esame completo. Il metodo più sicuro è la gastroscopia, che consente di ricevere informazioni sullo stato dell'organo. Fare gastroscopia è vietata nel cancro dell'esofago.

Dopo aver effettuato un esame ecografico, esami a raggi X, tenendo conto dei risultati della gastroscopia, il medico effettua aggiustamenti nutrizionali. I pasti intensi e grassi, gli spuntini frequenti, l'eccesso di cibo sono inaccettabili, sono esclusi dalla dieta del paziente.

La dieta prescritta non porta il risultato desiderato - deve essere trattata con farmaci. Il compito principale della medicina è di alleviare la pressione, per regolare il processo di assunzione di cibo. Uno specialista prescrive un medicinale che tratti l'acidità sopprimendo l'acido cloridrico ("Phosphalugel", "Ranitidine", "Zerukal"). Per il sollievo della discinesia, il recupero del tono muscolare, è prescritto il medicinale "Metoclopramide".

Un aiuto eccellente nel trattamento dell'esofago è la fototerapia. Non può sostituire lo schema classico della terapia farmacologica, ma la riacutizzazione può essere prevenuta. Il tè alla menta con vomito tratta le pareti infiammate della mucosa e riduce la voglia di vomitare.

Il bruciore di stomaco viene trattato con iperico, piantaggine, achillea, camomilla. Bere in piccole porzioni 3-4 volte al giorno. Non si dovrebbe usare tutta la ricetta conosciuta con la soda. Soda prima abbassa il livello dell'acido, ma presto risorge. Con l'inefficacia dell'uso di droghe, al paziente viene prescritto un intervento chirurgico.

Ci sono molte malattie del tratto digerente superiore, accompagnate da dolore alla gola, sterno. I segnali iniziali sono simili, è importante prestare attenzione a loro nel tempo e non perdere tempo.

Dolore nell'esofago

L'esofago è la parte del tubo digerente che collega la bocca allo stomaco. La funzione principale del corpo è il passaggio del cibo durante la deglutizione nello stomaco. La violazione di questa funzione causa dolore all'esofago e difficoltà a deglutire.

Va notato che il disagio può indicare una varietà di patologie. A seconda della causa principale, la natura, la sua durata e il tempo di apparizione possono variare. In nessun caso dovrei ignorare il dolore nell'esofago.

Un sintomo patologico può indicare lo sviluppo di un processo infiammatorio, il danno, la presenza di un corpo estraneo o addirittura una neoplasia. I metodi diagnostici di laboratorio e strumentali aiuteranno a identificare il problema principale del gastroenterologo. Quindi, prima scopriremo perché l'esofago fa male.

Veri motivi

Le cause del dolore nell'esofago possono essere molto diverse:

  • esofagite - infiammazione dell'esofago;
  • esofagite da reflusso - una malattia in cui il contenuto dello stomaco viene gettato nell'esofago;
  • rottura dell'esofago;
  • la presenza di oggetti estranei;
  • neoplasia;
  • lesioni brusche al collo, all'addome e al torace;
  • ernia iatale;
  • ustioni;
  • il dolore può manifestarsi dopo il vomito;
  • ernia diaframmatica;
  • la gravidanza;
  • malattie neuromuscolari.

sintomi

I sintomi del dolore nell'esofago differiscono a seconda della malattia di base:

  • Fa male a deglutire. Il sintomo sorge inaspettatamente, senza una ragione apparente. All'inizio, il disagio nella laringe si verifica dopo l'eccitazione o la rapida masticazione del cibo. I problemi con la deglutizione del cibo, di regola, sono selettivi. Ad esempio, l'acqua potabile non può causare alcun disagio, mentre il dolore si verifica quando si deglutiscono i latticini. Dopo aver mangiato, vi è una sensazione pressante nella parte superiore dello sterno, tachicardia e difficoltà di respirazione;
  • ruttare. Si verifica immediatamente dopo un pasto o dopo un po '. Incline o attività fisica possono provocare un sintomo sgradevole;
  • il dolore L'esofago può ferire a causa dello stiramento delle pareti dell'esofago o delle contrazioni involontarie. L'attacco può durare fino a diversi minuti. Spesso il dolore all'esofago restituisce, mascella, collo, orecchio;
  • bruciore di stomaco.

Malattie che causano il dolore

Lo scoppio del dolore indica una deviazione nel corpo. Considerare le principali malattie che causano la comparsa di un sintomo sgradevole.

esofagite

L'esofagite è una malattia in cui la membrana mucosa dell'esofago è infiammata. Un sintomo caratteristico della malattia è una sensazione di bruciore nella zona dietro lo sterno e disagio durante la deglutizione. Il dolore aumenta con il mangiare e la tendenza. Se dopo aver mangiato un po 'come, il disagio è sicuro di diminuire.

Inoltre, con esofagite, bruciore di stomaco, vomito d'aria, vomito con muco o anche sangue può apparire. Alcuni pazienti addirittura aumentano la loro temperatura corporea. Infezioni, ustioni, lesioni, reflusso gastro-esofageo, disturbi alimentari e allergie possono causare una reazione infiammatoria. A rischio sono le persone il cui lavoro comporta l'inalazione di vapori chimici.

Cosa fare quando si verifica una esofagite? La lotta contro l'infiammazione dipende dalla causa principale. Quindi, con un'ustione chimica, è indicata la lavanda gastrica. Se c'è un'ulcera, la lavanda gastrica è rigorosamente controindicata.

Nei processi acuti durante i primi giorni, viene indicata la fame. In futuro, i prodotti che irritano la mucosa e attivano la produzione attiva di succo gastrico sono esclusi dalla dieta:

  • cibo caldo, speziato, grossolano;
  • bevande alcoliche;
  • caffè;
  • cioccolato;
  • cibi grassi

Spasmo dell'esofago

Il processo patologico provoca una violazione delle funzioni della muscolatura liscia. Durante un attacco, il paziente semplicemente non può ingoiare il cibo, che è aggravato da un forte dolore dietro lo sterno.

Quando il carico è un dolore compressivo dietro lo sterno. La difficile deglutizione può anche causare cibo liquido.

La malattia può causare cibi piccanti, bevande alcoliche, situazioni stressanti, malattie infettive, corpo estraneo. Per alleviare i sintomi dello spasmo dell'esofago aiuterà l'antispasmodico. Le manifestazioni della malattia contribuiranno a ridurre i sedativi. Allevia l'ansia e la paura.

Esofagite da reflusso

L'essenza del processo patologico è l'ingestione di succo gastrico sulla superficie della mucosa esofagea. La malattia provoca la comparsa di dolore, bruciore di stomaco, eruttazione dell'aria, vomito con latte e altri disturbi digestivi.

Il processo patologico può causare sintomi non correlati al sistema digestivo: raucedine, tosse persistente, malattia dei denti. Un processo acuto può causare ipertermia, bruciore e dolore al collo, oltre ad un'abbondante salivazione.

Le seguenti malattie possono essere le cause scatenanti dello svuotamento gastrico: gastrite, ulcera, gastroduodenite, nevrosi. Il trattamento comporta l'eliminazione della causa principale. Un ruolo importante è svolto dal cibo dietetico. Dalla dieta dovrebbero essere esclusi i cibi piccanti, grassi, agrumi, pomodori. Insieme a questo, vengono prescritti farmaci che riducono l'acidità dello stomaco.

Cancro all'esofago

La formazione maligna nell'esofago si manifesta clinicamente come un disturbo della deglutizione, del deterioramento dell'appetito e della perdita di peso. Quanto prima il processo patologico è stato identificato, maggiori sono le possibilità di curare il cancro. Se il tumore è stato rilevato nel terzo o quarto stadio, è semplicemente impossibile curare completamente la malattia.

Gli esperti identificano un numero di fattori scatenanti del cancro esofageo nell'uomo:

  • mangiare troppo caldo o, al contrario, cibo freddo;
  • il fumo;
  • l'alcolismo;
  • ustioni;
  • aria inquinata;
  • l'obesità;
  • dieta malsana;
  • esofagite da reflusso.

Quando il tumore raggiunge una dimensione che ostruisce il passaggio del cibo, compaiono i sintomi clinici. Il sintomo principale è la difficoltà a deglutire. Il cibo solido rimane semplicemente bloccato nel tubo esofageo, motivo per cui i pazienti cercano di assumere cibo liquido. C'è la sensazione che ci sia un nodo in gola.

Man mano che la neoplasia cresce, il dolore appare nello sterno e nella gola. Il passaggio difficile di cibo causa il vomito. Spesso il cancro è accompagnato dalla comparsa di tosse secca e raucedine. Le tattiche terapeutiche dipendono in gran parte dalla posizione del tumore, dalle sue dimensioni e dalla presenza di metastasi. Il principale metodo di trattamento è la chirurgia.

Ernia diaframmatica

Un'ernia è un foro o una protuberanza attraverso la quale gli organi del peritoneo penetrano nella cavità toracica. Il processo patologico può essere il risultato di lesioni traumatiche, rilassamento dei muscoli del diaframma o anomalie genetiche.

Gli esperti identificano anche una serie di fattori provocatori nel verificarsi di ernia diaframmatica:

  • età superiore a cinquanta;
  • la gravidanza;
  • frequente stitichezza;
  • sollevamento pesi;
  • in sovrappeso;
  • tosse intensa;
  • processi cronici del tubo digerente.

L'ernia diaframmatica può causare dolore all'esofago. La malattia causa difficoltà nella deglutizione, vomito di cibo mangiato, distensione addominale, eruttazione, bruciore di stomaco, nonché mancanza di respiro e tachicardia dopo aver mangiato. La chirurgia viene eseguita quando un'ernia è strangolata, in cui compaiono i seguenti sintomi: nausea, vomito, distensione addominale e intenso dolore al petto.

Il trattamento conservativo include tali raccomandazioni:

  • mangiare in piccole porzioni;
  • dormire in posizione semi-seduta;
  • ultimo pasto tre o quattro ore prima di andare a dormire;
  • prendendo antispastici e antiacidi per ridurre l'acidità.

Bruci l'esofago

Molto spesso, l'ustione di un organo si verifica a causa del consumo di cibi caldi o dell'esposizione a sostanze chimiche - acidi, alcali. Vi è un forte dolore al collo, dietro lo sterno e la cavità addominale superiore. I prodotti chimici influenzano le corde vocali, causando raucedine.

Nel vomito possono essere presenti muco, sangue e parti della membrana mucosa interessata del tubo esofageo e dello stomaco. L'intossicazione del corpo provoca debolezza, nausea, ipertermia. La prima cosa da fare con una bruciatura è lavare lo stomaco. In caso di avvelenamento da alcali, il lavaggio viene effettuato con acido acetico o acido citrico. Se la bruciatura provoca acidi, viene utilizzata una soluzione di soda per il lavaggio.

Dolore all'esofago durante la gravidanza

Un cambiamento nella posizione dello stomaco, che viene sollevato dall'utero in crescita, provoca spesso esofagite e esofagite da reflusso. Molto spesso, la sconfitta dell'esofago appare nelle donne che hanno dato di nuovo alla luce, specialmente in un breve periodo di tempo. Molte donne dopo il parto, il processo infiammatorio gradualmente va via da sè.

Le variazioni dei livelli ormonali sono un'altra causa di dolore esofageo nelle donne in gravidanza. Ciò porta ad un cambiamento nell'attività motoria dell'esofago e della motilità dello stomaco. Le donne incinte si lamentano dei seguenti sintomi:

  • eruttare acido;
  • bruciori di stomaco;
  • dolore durante la deglutizione;
  • disagio nella parte superiore dell'addome e del torace.

Bruciore di stomaco e infiammazione dell'esofago non influenzano lo sviluppo del feto e non causano la nascita prematura. Tuttavia influisce negativamente sullo stato della madre. Di conseguenza, le cicatrici possono comparire sulla membrana mucosa dell'organo e sviluppare la stenosi - un restringimento del lume dell'esofago.

Le donne incinte sono estremamente importanti per monitorare la loro dieta. È importante escludere bevande gassate, grassi, fritti. Il cibo è meglio prendere più spesso, ma in piccole porzioni. Immediatamente dopo aver mangiato, non è consigliabile occupare una posizione orizzontale, è meglio fare una passeggiata all'aria aperta. Guarda anche per la scelta dei vestiti, non dovrebbe essere pungente.

Il dolore all'esofago è un sintomo comune che i pazienti vanno a vedere un medico. La causa della malattia può essere una varietà di ragioni: gastrite, esofagite da reflusso, cancro, ernia diaframmatica, cambiamenti ormonali nelle donne in gravidanza e altro ancora.

Il sintomo stesso passerà come la causa principale viene eliminata. Un medico sarà in grado di fare una diagnosi dopo un esame diagnostico. Con l'automedicazione puoi seriamente farti del male e perdere tempo prezioso.

Dolore nell'esofago

Informazioni generali

L'esofago fa parte del canale alimentare. È un tubo muscolare cavo appiattito nella direzione antero-posteriore, attraverso il quale il cibo penetra nello stomaco dalla faringe.

L'esofago di un adulto ha una lunghezza di 25-30 cm, è una continuazione della faringe, inizia nel collo a livello della vertebra cervicale VI-VII, quindi passa attraverso la cavità toracica nel mediastino e termina nella cavità addominale a livello delle vertebre toraciche X-XI, cadendo nello stomaco. Secondo le aree di occorrenza nell'esofago, si distinguono le parti cervicale, toracica e addominale.

Il lume dell'esofago non è lo stesso, nella sua lunghezza è consuetudine distinguere tre contrazioni. Il primo di essi si trova all'incrocio tra la faringe e l'esofago, il secondo - all'incrocio dell'esofago con il bronco principale sinistro e il terzo - quando passa attraverso il diaframma. Nella parte superiore dell'esofago si trova uno sfintere esofageo superiore, nel basso, rispettivamente, lo sfintere esofageo inferiore, che svolgono il ruolo di valvole che assicurano il passaggio del cibo attraverso il tratto digestivo solo in una direzione e impediscono l'ingresso di contenuti gastrici aggressivi nell'esofago, nella faringe o nella cavità orale.

  • membrana mucosa;
  • sottomucosa;
  • membrane muscolari e avventiziali.

La membrana muscolare dell'esofago consiste di due strati: il longitudinale esterno e il circolare interno. Nella parte superiore dell'esofago, lo strato muscolare è formato da fibre muscolari striate. A circa un terzo dell'esofago (contando dall'alto), le fibre muscolari striate vengono gradualmente sostituite dalla muscolatura liscia. Nella parte inferiore, lo strato muscolare consiste solo di tessuto muscolare liscio.

La membrana mucosa è ricoperta di epitelio squamoso stratificato, nel suo spessore ci sono delle ghiandole mucose che si aprono nel lume dell'organo.

Dolore caratteristico nell'esofago

Nelle malattie dell'esofago, il dolore è solitamente localizzato dietro lo sterno, irradiato alla schiena, destra e sinistra dello sterno, associato all'assunzione di cibo ed è accompagnato da una violazione della deglutizione. Più spesso, il dolore è causato da danni all'esofago:

  • perforazione;
  • brucia con soluzioni concentrate di alcali caustici o acidi forti;
  • malattie neuromuscolari (acalasia del cardias, esofago-spasmo, diverticolo);
  • tumori;
  • alterazioni infiammatorie e peptiche (esofagite, ulcera peptica dell'esofago, ernia dell'apertura esofagea del diaframma, stenosi peptica).

Cause del dolore esofageo

Il dolore all'esofago può essere dovuto a esofagite da reflusso. Si tratta di un processo infiammatorio nella parte distale dell'esofago, causato dall'azione sulla membrana mucosa dell'organo di succo gastrico, contenuto di bile e intestinale durante il reflusso gastroesofageo e accompagnato dall'apparizione di sintomi caratteristici (bruciore di stomaco, dolore retrosternale, disfagia).

Il dolore nell'esofago si osserva quando è danneggiato, che è diviso in interno (chiuso) dalla membrana mucosa ed esterna (aperta), con ferite penetranti del collo e del torace.

È anche possibile ferite all'esofago dall'interno se corpi estranei entrano in esso. Ulcere da pressione delle pareti dell'esofago si verificano durante la presenza prolungata di sonde in esso, dalla pressione del bracciale del tubo endotracheale o tracheostomico.

Perforazione del muro esofageo può verificarsi in varie malattie:

  • tumori;
  • ulcera peptica;
  • ustioni chimiche

L'irradiazione di tumori maligni causa danni all'esofago dovuti al collasso del tumore.

Il primo sintomo di perforazione dell'esofago è un forte dolore dietro lo sterno, che tende ad aumentare, aggravato dalle seguenti azioni riflesse del corpo:

Quando una rottura spontanea del dolore intollerabile all'esofago si verifica più spesso durante il vomito, è localizzata nel processo xifoideo, che si irradia alla regione epigastrica, alla schiena, alla spalla sinistra. Enfisema sottocutaneo (sopra la clavicola e sul collo), a volte vomito sanguinoso, si verifica rapidamente.

Rottura dell'esofago

Lesioni opache al collo, al torace e all'addome possono portare alla malnutrizione e alla necrosi della parete esofagea a seguito di una spremitura tra lo sterno e i corpi vertebrali. Allo stesso tempo, si nota spesso il danno agli organi vicini. Lesioni dirette all'esofago possono verificarsi durante le operazioni sugli organi e sui polmoni mediastinici.

Gli esperti osservano anche casi di rottura spontanea dell'esofago. I fattori che contribuiscono alle rotture spontanee dell'esofago sono:

  • intossicazione da alcol;
  • eccesso di cibo;
  • vomito durante il vomito;
  • tensione dei muscoli addominali;
  • contrazione del diaframma e dello strato muscolare dello stomaco.

Come risultato di un aumento significativo della pressione nell'esofago, si verifica una rottura longitudinale o trasversale della sua parete, più spesso direttamente sopra il diaframma (posteriore-neurale nel 95%, giusto nel 5% dei casi). La rottura dell'esofago si verifica quando si tenta di trattenere il vomito o in violazione della coordinazione nel lavoro degli sfintici di cui sopra a seguito di intossicazione da alcool grave, malattie del sistema nervoso centrale.

Lo spazio spesso ha l'aspetto di una ferita lineare, può diffondersi allo stomaco. Quando le rotture spontanee del dolore dell'esofago si verificano improvvisamente (spesso durante il vomito) nel processo xifoideo, possono irradiarsi nella regione epigastrica, dietro, sulla spalla sinistra. Si osservano vomito sanguinante, enfisema sottocutaneo e mediastinico, si sviluppano shock e aumenti della temperatura corporea.

Corpi estranei nell'esofago

Molto spesso nella carne esofagea si soffermano carne, pesce e ossa di uccelli, spille, monete, bottoni, aghi, fermagli, meno spesso pezzi di legno, vetro, dentiere, unghie, distintivi e altri oggetti. Le cause di corpi estranei che entrano nell'esofago sono differenti:

  • negligenza nel processo di cottura, quando oggetti estranei possono entrare nei prodotti alimentari;
  • cibo frettoloso, disattenzione mentre si mangia;
  • masticazione insufficiente del cibo;
  • l'abitudine dei lavoratori di certe professioni (calzolai, sarti, carpentieri) di tenere aghi e chiodi in bocca mentre lavorano;
  • ingestione intenzionale di oggetti estranei da parte di persone malate di mente.

Quando si ingerisce un corpo estraneo nell'esofago, il dolore è localizzato dietro lo sterno, aggravato dalla deglutizione, si aumenta la salivazione. In futuro compaiono disfagia, febbre, peggioramento delle condizioni generali, comparsa di sintomi di peri-esofagite, si può sviluppare una mediastinite purulenta. Il ritardo di un corpo estraneo nell'esofago minaccia di complicazioni anche dopo un lungo periodo di tempo - da diversi mesi a diversi anni.

Ustioni dell'esofago

Ustioni dell'esofago si verificano accidentalmente prendendo sostanze caustiche o con un tentativo di suicidio. Più spesso c'è una bruciatura dell'esofago con soluzioni concentrate di alcali e acidi, meno spesso con fenolo, iodio, sublimazione e altre sostanze chimiche. I pazienti sperimentano forti dolori all'esofago, nella regione epigastrica, nella bocca e nella faringe.

  • dietro lo sterno o sotto il processo xifoideo;
  • si irradiano alla schiena tra lo spazio intestinale della spalla, l'esofago, il collo, la mascella, la metà sinistra del torace;

Spesso assomiglia al dolore coronarico, che differisce da esso per la mancanza di connessione con l'attività fisica, spesso a seconda della ricezione e della natura del cibo, della posizione del corpo del paziente, così come della mancanza di effetto sulla nitroglicerina.

Ernia dell'apertura esofagea

Con l'ernia dell'apertura esofagea del diaframma, quando il reflusso gastro-esofageo è particolarmente pronunciato, il dolore nell'esofago può imitare l'angina. I pazienti sono spesso senza tensione fisica e nervosa, spesso dopo un pasto pesante, in posizione orizzontale c'è dolore dietro allo sterno, a volte intenso, spesso con tipica irradiazione al braccio sinistro. Con una grande ernia, il dolore può irradiarsi alla colonna vertebrale. Il dolore non è alleviato dalla nitroglicerina, ma diventa meno intenso nella posizione eretta del paziente. Gli attacchi di dolore possono essere accompagnati da mancanza di respiro.

Malattie neuromuscolari dell'esofago

A volte c'è un dolore spontaneo nell'esofago sotto forma di una "crisi del dolore". In caso di acalasia, la crisi del dolore cardiaco si verifica nel primo periodo della malattia, più spesso durante la notte, senza una causa immediata. Il dolore è intenso, irradia verso la schiena, l'esofago, il collo, la mascella, la sua durata da diversi minuti a diverse ore.

Una crisi si verifica 1-3 volte al mese. In alcuni pazienti con acalasia del cardias, si nota dolore quando si tenta di ingoiare il cibo. In questi casi, il passaggio del cibo attraverso la cardias porta a dolore a breve termine, a volte piuttosto forte, solitamente tagliente nel processo xifoideo con la diffusione nello sterno, c'è una sensazione di esondazione dell'esofago, quindi il dolore scompare e il paziente continua a mangiare.

Cancro all'esofago

Quando il cancro della crisi del dolore dell'esofago si verifica in fasi avanzate durante la germinazione del tumore nel tessuto circostante. Il dolore di solito non è associato alla deglutizione, è più pronunciato durante la notte, è localizzato dietro lo sterno o il processo xifoideo, può irradiarsi

Gli attacchi di dolore severo nella regione retrosternale inferiore possono essere dovuti al prolasso retrogrado della mucosa gastrica nell'esofago. Se questo dolore non è associato al cibo e non è accompagnato da disfagia, è difficile distinguerlo dall'angina di riposo. Il dolore toracico ricorrente frequente, simile al dolore della stenocardia in localizzazione e irradiazione, può essere causato da esofago (discinesia esofagea).

In molti pazienti, è possibile determinare la relazione tra dolore e disfagia. In alcuni casi, l'esofago si verifica fuori dal pasto, in mezzo a stress emotivo o fisico. È difficile distinguere la discinesia esofagea da un attacco di angina pectoris, soprattutto perché l'assunzione di nitroglicerina a causa del suo effetto rilassante sulla muscolatura liscia dà un effetto positivo in entrambi i casi.

Se hai dolore all'esofago, dovresti contattare immediatamente il tuo gastroenterologo per un aiuto. Per gli infortuni, potrebbe essere necessario consultare un traumatologo e un chirurgo. Il dolore all'esofago può essere accompagnato da gravi complicanze in tutto il corpo, quindi è necessario trattare responsabilmente il trattamento della malattia.

Dolore nell'esofago

Il dolore all'esofago è un sintomo associato alla compromissione della funzione motoria dei muscoli lisci di questo organo. Molto spesso il dolore porta al fatto che una persona non può ingoiare cibo e sente una sensazione di bruciore al petto.

I disturbi gastroenterologici sono i provocatori più frequenti del dolore, ma ci sono una serie di ragioni che non sono direttamente correlate al tratto gastrointestinale.

Il dolore nell'esofago è quasi sempre la principale manifestazione clinica, ma non sarà mai l'unico sintomo. È spesso accompagnato da nausea e vomito, anoressia e feci alterate.

Un gastroenterologo può fare la diagnosi corretta, ma solo dopo aver condotto una serie di esami di laboratorio e strumentali. Inoltre, l'esame fisico del paziente è molto importante.

Il trattamento di tale sintomo è limitato all'uso di metodi conservativi di terapia, ma può essere necessario un intervento chirurgico per eliminare la malattia di base.

eziologia

Il dolore severo nell'esofago indica un'interruzione nel funzionamento di questo organo. Valutare la sua intensità di gravità e la natura del corso consente al medico di sospettare un disturbo particolare prima dell'inizio di un sondaggio completo.

Le cause più comuni di dolore sono:

  • consumo di cibi eccessivamente caldi o solidi;
  • penetrazione di un oggetto estraneo che porta a microtraumi dell'esofago. Spesso un simile corpo estraneo è l'ossatura di pesce;
  • abuso di bevande alcoliche, causando ustioni dello strato mucoso di questo organo;
  • il corso del processo infiammatorio negli organi interni, che sono anatomicamente vicini all'esofago;
  • acalasia del cardias;
  • Esofagite - una malattia che causa l'infiammazione del rivestimento dell'esofago. Una caratteristica della malattia è che può influenzare gli strati profondi di un tale organo alimentare;
  • GERD è una patologia, sullo sfondo del quale il contenuto viene rigettato nello stomaco. La patologia può essere asintomatica e accompagnata da un forte dolore;
  • la formazione di una neoplasia maligna o benigna sulle pareti dell'esofago. Spesso l'oncologia diventa fonte di dolore. La caratteristica principale è che si verifica durante l'avvento del cibo e nel processo di deglutizione;
  • rottura spontanea del muro dell'esofago;
  • una vasta gamma di infortuni, che sono divisi in chiusi e aperti. La prima categoria comprende la lesione interna della mucosa da parte di vari stimoli. Il secondo gruppo coinvolge la ferita di una persona al petto o al collo;
  • lesione ulcerosa del duodeno o dello stomaco;
  • la formazione di pietre nella colecisti o nelle vie biliari;
  • sviluppo di ernia diaframmatica - questo provoca uno spostamento degli organi digestivi nello sterno, che a sua volta provoca lo sviluppo del processo infiammatorio.

Oltre ai suddetti fattori predisponenti che portano a disagio nell'esofago, ci sono diversi provocatori di questo sintomo, che non sono direttamente correlati al tratto gastrointestinale. Le rare cause di dolore severo possono essere rappresentate:

  • influenza prolungata di situazioni stressanti;
  • dentiere erroneamente selezionate - mentre la persona non sta masticando accuratamente il cibo, il che porta a lesioni all'esofago;
  • l'insorgenza di malattie infettive come il morbillo, la scarlattina, l'herpes o l'influenza;
  • lesione infiammatoria del nervo intercostale, che è coinvolto nel funzionamento dell'esofago;
  • meningoencefalite - con questa malattia, il processo infiammatorio è localizzato nel rivestimento del cervello;
  • assunzione incontrollata di droghe, sovradosaggio che influisce negativamente su tutti gli organi interni e in particolare sul tratto digestivo.

Vale anche la pena mettere in evidenza un fattore così predisponente come il periodo di gestazione del bambino: le donne durante la gravidanza affrontano spesso manifestazioni come il dolore all'esofago. Questa situazione spesso non diventa motivo di preoccupazione, poiché il sintomo è attivato dalla crescita intrauterina attiva del feto. Tuttavia, non si dovrebbe escludere l'impatto negativo delle precedenti patologie e stati negativi. In ogni caso, dovresti cercare assistenza qualificata.

classificazione

Gli specialisti nel campo della gastroenterologia hanno deciso di assegnare tali forme di dolore all'esofago:

  • primario - a causa di disfunzione delle terminazioni nervose;
  • riflesso - causato dal verificarsi di malattie associate o dall'influenza di condizioni patologiche.

A seconda della posizione del sintomo, il dolore può influenzare:

  • esofago superiore;
  • fine dell'esofago;
  • sfinteri di questo organo.

Nel processo di diagnosi del clinico si presta attenzione alla natura del dolore, che può essere:

  • dolorante e parossistico;
  • smussato e acuto;
  • pugnale e piercing;
  • tirando e costante.

Inoltre, il dolore è diviso in:

  • diffuso - compare quando la muscolatura liscia è disturbata per l'intera lunghezza del tubo esofageo;
  • segmentale - si verificano quando si verifica un grave spasmo del dolore in un'area specifica di questo organo. In tali situazioni, il cibo non può passare oltre lungo il tratto digestivo.

Inoltre, il dolore nell'esofago durante la deglutizione è acuto e cronico.

sintomatologia

Nella maggior parte dei casi, il dolore nell'esofago agisce come prima manifestazione clinica, contro la quale si sviluppano altri sintomi. È importante notare che il dolore può:

  • localizzare nel petto;
  • avere una lesione nella zona epigastrica;
  • diffuso in tutto l'esofago o sterno;
  • irradiare alla regione del collo, delle orecchie e della mascella inferiore;
  • dare indietro e cintura della spalla;
  • aumentare con l'assunzione di cibo e l'esercizio. Raramente, il dolore diventa più forte nel processo di deglutizione della saliva o persino in un sogno.

Dal momento che il focus del dolore può verificarsi nel torace, spesso i pazienti assumono questa manifestazione come un segno di patologie cardiache, motivo per cui per errore cercano aiuto da specialisti nel campo della cardiologia.

Sintomi che completano il dolore clinico nell'esofago durante la deglutizione:

  • bruciore di stomaco, causando una forte sensazione di bruciore al petto;
  • periodi di nausea, finendo il vomito. Molto spesso, il vomito porta sollievo alle condizioni di una persona. Tuttavia, è molto pericoloso se il vomito ha impurità patologiche come pus, muco e sangue;
  • sapore amaro in bocca;
  • sensazione di un nodo in gola;
  • problemi di deglutizione del cibo e la consistenza dei piatti non ha importanza. All'inizio della progressione di una malattia, c'è disagio durante il consumo di cibo solido, ma nel processo di sviluppo della patologia una persona non può ingerire un liquido senza problemi;
  • aumento della salivazione;
  • violazione dell'atto di defecazione, che si esprime spesso nell'alternanza di diarrea e stitichezza;
  • gonfiore;
  • flatulenza;
  • perdita di appetito o completa avversione al cibo;
  • ruttare con l'odore sgradevole dei cibi mangiati di recente;
  • debolezza del corpo e malessere generale;
  • rapida diminuzione del peso corporeo.

I pazienti devono essere consapevoli del fatto che i sintomi di cui sopra sono indicati, il che è completato da un dolore forte e acuto nell'esofago. Per ciascun paziente, il quadro clinico sarà individualizzato, poiché è dettato dalla malattia di base.

diagnostica

Basandosi solo sul suddetto complesso di sintomi, il gastroenterologo non sarà in grado di fare una diagnosi corretta, poiché è caratteristico di un gran numero di condizioni patologiche. Per questo motivo, la diagnosi richiede un approccio integrato.

La prima fase della ricerca del fattore predisponente viene effettuata direttamente da uno specialista ed è finalizzata a:

  • lo studio della storia della malattia umana - alla ricerca di disturbi gastroenterologici cronici, la cui esacerbazione può iniziare con i dolori dell'esofago durante il pasto;
  • raccolta e analisi della storia della vita - è necessario trovare una fonte che non abbia una base patologica;
  • esame attento del paziente - diretto alla palpazione e alla percussione della parete addominale anteriore. Nel processo di implementazione di tali manipolazioni, il medico controlla la risposta del paziente;
  • è necessaria un'indagine approfondita per determinare la prima volta e determinare la gravità dei sintomi principali e aggiuntivi.

Le misure diagnostiche di laboratorio e strumentali includono:

  • analisi del sangue generale e biochimica;
  • esame microscopico delle feci;
  • analisi clinica generale di urina;
  • semina batterica delle feci;
  • analisi del sangue per i marcatori tumorali;
  • monitoraggio giornaliero dell'acidità gastrica;
  • radiografie del torace;
  • la gastroscopia è uno studio endoscopico della superficie interna dello stomaco e dell'esofago;
  • studio del contrasto a raggi X dell'organo colpito;
  • biopsia - per confermare o smentire la natura maligna del tumore;
  • Ecografia addominale;
  • CT e RM.

Se dopo questo non è stato possibile stabilire il fattore eziologico, il gastroenterologo riferirà il paziente per ulteriori consultazioni a un cardiologo, un neurologo, un neurochirurgo, uno specialista di malattie infettive o un dentista.

trattamento

Ad oggi, ci sono molti modi per alleviare il dolore nell'esofago - per questo è sufficiente usare metodi conservativi di terapia.

Il trattamento farmacologico comporta la ricezione di:

  • anestetici;
  • antiacidi e sedativi;
  • antidepressivi e antagonisti del calcio;
  • enzimi e vitamine.

Eliminare efficacemente il dolore nell'esofago dopo aver mangiato le ricette della medicina tradizionale, che mirano alla preparazione di decotti medicinali basati su:

  • semi di lino e anice;
  • piantaggine e camomilla;
  • valeriana e calendula;
  • belles e dogrose;
  • achillea e menta.

Il trattamento del dolore contribuisce anche alla dieta, che ha diverse regole:

  • assunzione di cibo in piccole porzioni, ma fino a 6 volte al giorno;
  • l'implementazione di pasti al giorno nello stesso momento;
  • Le basi della dieta dovrebbero essere le pietanze cucinate facendo bollire e cuocere al vapore, stufare e cuocere;
  • rifiuto completo di cibi grassi e piccanti, carni affumicate e confetteria, sottaceti e prodotti in scatola, legumi e funghi, cavoli e sottoprodotti, nonché bevande gassate e caffè forte;
  • masticare il cibo con attenzione;
  • il consumo di cibo è solo a temperatura ambiente;
  • regime di bere abbondante.

Vale la pena notare che tutte le raccomandazioni riguardanti la dieta è il medico curante.

I suddetti metodi di trattamento non possono eliminare la malattia provocatrice. L'eliminazione del fattore eziologico sarà puramente individuale per ciascun paziente. Ad esempio, nei disturbi nervosi, viene indicata la fisioterapia e, se viene rilevato un tumore maligno o un oggetto estraneo, viene eseguita un'operazione chirurgica.

Prevenzione e prognosi

Affinché una persona non abbia problemi con il dolore nell'esofago e deglutisca il cibo, è necessario seguire le misure preventive generali:

  • rifiuto completo delle dipendenze;
  • stile di vita attivo;
  • dieta equilibrata;
  • utilizzare solo i farmaci prescritti dal medico;
  • evitamento dello stress;
  • trattamento e prevenzione di esacerbazioni di patologie che possono causare dolore nella parte superiore o in un'altra parte dell'esofago;
  • visitare tutti gli specialisti più volte l'anno per l'ispezione di routine.

La prognosi del dolore nell'esofago è molto spesso favorevole, dal momento che non possono essere ignorati. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che ogni fattore eziologico patologico può causare gravi complicanze.

"Il dolore nell'esofago" è osservato nelle malattie:

Bruciore di stomaco - una sensazione di bruciore al petto, che è accompagnata da disagio di vari gradi di manifestazione ed è uno dei principali sintomi delle malattie gastrointestinali. Spesso appare immediatamente o entro un'ora dopo aver mangiato cibo. I motivi più comuni per esprimere tale sensazione sono mangiare troppo o mangiare troppo caldo. Tale disturbo può verificarsi anche in persone che non hanno mai sofferto di bruciore di stomaco. Questo gruppo include donne incinte. I medici dicono che su quattro donne incinte, tre mostreranno segni di bruciore di stomaco.

Con l'esercizio e la temperanza, la maggior parte delle persone può fare a meno della medicina.

Cosa fare quando il dolore nell'esofago

Malattie e disturbi del tratto gastrointestinale sono un problema del nostro tempo. Molto spesso, molte persone affrontano problemi quando il dolore nell'esofago si verifica in modo completamente inaspettato e senza alcun motivo. In alcuni casi, disagio e disagio possono scomparire da soli e senza ulteriore aiuto. Tuttavia. La possibilità che la presenza di dolore indichi una determinata malattia non è esclusa.

L'esofago è un organo particolarmente importante che è attivamente coinvolto nel lavoro di digestione. È uno dei collegamenti chiave che lega la bocca e lo stomaco. In caso di violazione del suo corretto funzionamento, ci sono violazioni sotto forma di dolore e difficoltà a deglutire. Un'attenzione particolare è rivolta alla presenza del dolore.

Il dolore nell'esofago può avere un'origine completamente diversa. Non si dovrebbe spingere in background l'esame tempestivo e il trattamento. Se scopri la causa del dolore in modo tempestivo, puoi affrontarlo rapidamente senza danneggiare te stesso e il corpo.

Cause del dolore

Il dolore all'interno dell'esofago e le cause che lo provocano possono essere divisi in due gruppi. Il primo gruppo è una causa relativamente sicura. Sono associati a una violazione delle abitudini alimentari e all'introduzione di uno specifico stile di vita inappropriato, che include la presenza di cattive abitudini e bassa attività. Anche qui è l'amore per i piatti esotici, che spesso contengono una quantità eccessiva di condimento e spezie. L'eccessivo consumo di cibi pesanti (fritti, affumicati, speziati) può anche causare dolore all'esofago.

Il secondo gruppo di cause include la presenza di disturbi specifici e danni meccanici.

Ulteriori sintomi: cosa indica e cosa dice

Uno spasmo può comparire su qualsiasi parte dell'esofago, e specialmente nell'area dello sfintere. Ciò è spiegato dal fatto che gli sfinteri hanno molte terminazioni nervose. Per un tipo di paziente, un dolore acuto caratteristico e tagliente, mentre altri provano una sensazione di disagio "grumo" nella regione retrosternale. Spesso questo dolore è preso per il dolore nel cuore. La sindrome del dolore può durare alcuni secondi e, in alcuni casi, circa un'ora di fila, costringendo i pazienti a usare gli antispastici.

I principali segni di dolore sono:

  • dolore che si verifica tra le scapole;
  • dolore al petto;
  • irradiazione del dolore alle orecchie, alla schiena, alla mascella o al braccio;
  • disfagia di vario grado (incapacità di ingoiare il cibo);
  • spasmo doloroso, dando al petto (che si alza sotto carico).

Gravi difficoltà con la deglutizione del cibo possono verificarsi quando si consumano alimenti di qualsiasi consistenza, e in alcuni casi quando si bevono bevande. Il dolore e i problemi con la deglutizione possono anche verificarsi separatamente l'uno dall'altro.

Importante: in alcuni pazienti, il dolore si verifica anche in condizioni insolite per questo, ad esempio a riposo, in un sogno o durante la deglutizione della saliva.

Lo spasmo dell'esofago è diviso in acuto e cronico. Il tipo cronico di spasmo è caratteristico delle persone che sono particolarmente sensibili all'ansia. Queste persone hanno una sensazione di costrizione dolorosa o spiacevole nell'Esofago superiore e il desiderio di bere anche prodotti liquidi e sfilacciati.

Cosa fare con il dolore nell'esofago?

Se avverti dolore al tubo esofageo, assicurati di contattare la clinica e sottoporti a test diagnostici. Questo è l'unico modo per determinare la causa del dolore e del disagio, e quindi iniziare un trattamento efficace sotto la supervisione di un medico competente. Sbarazzarsi del sintomo ossessivo da solo e senza l'aiuto di uno specialista è impossibile.

Un metodo efficace di diagnosi è una radiografia dell'esofago con un agente di contrasto. Questo metodo consente di valutare le condizioni delle pareti del tubo esofageo. Un altro metodo diagnostico molto efficace e sicuro è la gastroscopia. Con l'aiuto di questo studio, il medico conclude che ci sono ulcere, erosioni o neoplasie sulle pareti dell'esofago.

Quando si riscontra una neoplasia durante la gastroscopia, il medico prende una raschiatura del tessuto e le invia per una biopsia. Questo tipo di studio consente di determinare la natura del tumore: maligno o benigno. Quando viene rilevato un particolare tipo di cellula, viene prescritta una terapia appropriata. Inoltre, uno specialista può assegnare gli ultrasuoni e alcuni test.

Dopo aver attraversato queste procedure diagnostiche, il medico prescrive una terapia dietetica per il paziente. In alcuni casi, mostrata terapia farmacologica, la cui azione è finalizzata ad alleviare il processo infiammatorio e il dolore lenitivo.

Dieta, trattamento e prevenzione

La nutrizione dietetica con l'aspetto del dolore allo stomaco e all'esofago è incredibilmente importante. Ti permette di condurre una sorta di dimissione e salvare l'esofago da eccessiva sovraffaticamento. Pertanto, al fine di ottenere risultati tangibili, è necessario attenersi strettamente alle seguenti raccomandazioni:

  • non mangiare troppo;
  • abbandonare il cibo eccessivamente grossolano;
  • masticare bene il cibo;
  • eliminare cibi piccanti, salati, affumicati e fritti dalla dieta;
  • smettere di mangiare verdure crude;
  • includere nella vostra dieta porridge, zuppe crema, purè di patate;
  • bere più acqua

Se il problema che ha causato il dolore non è critico, la dieta e il riposo daranno i risultati desiderati nei primi giorni. Non fare affidamento sull'efficacia della dieta, se si ignorano periodicamente un numero di regole.

Affinché il risultato del trattamento possa essere risolto, è necessario garantire la tranquillità, vale a dire non sovraccaricare fisicamente, per evitare danni meccanici accidentali.

Perché fa male all'esofago e come sbarazzarsi del dolore?

L'esofago è la parte del tratto gastrointestinale che collega la bocca e lo stomaco. Anatomicamente, è un tubo muscolare che fornisce il passaggio (passaggio) del cibo. Il corpo è costantemente influenzato da vari fattori meccanici e chimici. L'esofagite è una patologia comune del tratto gastrointestinale. Quando la malattia appare grave dolore dietro lo sterno nel centro dell'esofago. Tuttavia, un sintomo simile appare in altre malattie dell'organo. Il trattamento deve essere prescritto immediatamente, perché le malattie del tubo digerente sono pericolose con le sue conseguenze.

Dolore e sintomi aggiuntivi

Il dolore nell'esofago è spesso l'unico sintomo della malattia. Sensazioni spiacevoli causano spasmi degli sfinteri (situati nella parte inferiore dell'esofago). Il fenomeno è associato a una rete sviluppata di terminazioni nervose. Alcuni pazienti si lamentano di un nodo alla gola, altri - la comparsa di un forte dolore lancinante con un respiro profondo. Con la sconfitta della sezione superiore, il disagio appare nella laringe.

La durata dell'attacco dipende dalla natura della lesione. In alcuni casi, il dolore acuto fa bere al paziente analgesici.

I principali segni di malattia esofageo:

  • irradiazione del dolore nella regione interscapolare, gola, collo;
  • l'aspetto del dolore nello sterno;
  • disagio durante il pasto;
  • disfagia (disturbo della deglutizione);
  • bruciando sopra il plesso solare;
  • uno spasmo al torace che ricorda un attacco di cuore.

La natura e la posizione del dolore dipendono dalla forma della patologia. Per esofagite è caratterizzata da forti dolori di bruciore e per la pressione del tumore. Lo spasmo si verifica sullo sfondo del cibo ingerito. I dolori sordi possono disturbare il paziente anche in un sogno. Con la progressione della malattia aumentano le sensazioni spiacevoli.

Possibili cause

Dolore all'esofago - un sintomo allarmante. Spesso è indicativo di problemi di stomaco e persino di crescita del tumore. Anatomicamente, l'organo è vicino alla trachea, aorta, dotto linfatico. Il dolore al petto non dice il 100% della malattia dell'esofago.

esofagite

L'esofagite è un'infiammazione della mucosa dell'organo. La ragione principale - il lancio di succo gastrico. Il fattore acido-peptico distrugge la membrana mucosa, causando la desinenza dei nervi arrozii. Varie infezioni possono anche causare infiammazioni: candidosi (mughetto), herpes, citomegalovirus. Esofagite infettiva si sviluppa in una persona con ridotta immunità.

  • disturbo della deglutizione;
  • bruciori di stomaco;
  • dolore nella bocca e lungo l'esofago;
  • sensazione di "grumo";
  • nausea e vomito.

Il dolore nell'esofago è il sintomo più caratteristico della patologia. Il sintomo richiede una diagnosi immediata e l'inizio del trattamento.

riflusso

Esofagite da reflusso è la patologia gastrointestinale più comune. La malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) è una malattia in cui vi è un movimento retrogrado (inverso) del bolo alimentare dallo stomaco all'esofago. Lo sfintere di GERD è rilassato, incapace di trattenere il cibo. Lo stomaco pieno si contrae e getta il suo contenuto verso l'alto. I pazienti sviluppano gravi attacchi di dolore nell'esofago.

Il cancro dell'esofago è una patologia del cancro caratterizzata da un'alta aggressività.

Cosa causa il cancro:

  • l'uso costante di cibo caldo, solido, scarsamente masticato;
  • forte consumo di alcol;
  • fumo di tabacco;
  • Esofago di Barrett (cambiamento nell'epitelio) derivante dall'esofagite da reflusso;
  • diverticoli mucosi, polipi e leucoplachia;
  • brucia con cicatrici.

I pazienti preoccupati per il dolore, aggravato dalla deglutizione, rigurgito, aumento della salivazione. Poiché il tumore si sovrappone al lume, il processo di deglutizione viene disturbato. Nell'ultima fase una persona non può nemmeno ingoiare un liquido.

Lesione traumatica

Il danno può essere aperto o chiuso. Il più delle volte si verificano a causa di ingestione di corpi estranei. Una causa molto comune è l'ingresso di sottili ossa di pesce nell'organo. Si verifica la perforazione del muro muscolare. C'è disfagia, enfisema sottocutaneo (accumulo d'aria sotto la pelle), dolore acuto lungo l'esofago. Il dolore è causato da un danno ai plessi del nervo intramurale.

Perché altrimenti è il dolore insopportabile? Questo sintomo è caratteristico delle lesioni circolari, cioè una rottura completa di un organo. Tali lesioni si verificano in incidenti o in una zona di combattimento.

Le ustioni possono essere termiche e chimiche. Questi ultimi sono i più comuni. Lesioni caratteristiche dei bambini piccoli che, per curiosità o inconsapevolmente, bevono un liquido sconosciuto.

Sintomi caratteristici delle ustioni:

  • forte dolore alla bocca, dietro lo sterno, nell'addome superiore;
  • edema del tratto digestivo;
  • raucedine;
  • disfagia;
  • sanguinamento abbondante;
  • sentirsi come se qualcosa fosse bloccato dietro lo sterno;
  • fistola esofagea-bronchiale;
  • svenimento.

Il periodo acuto dura diversi giorni, dopodiché inizia la fase di epitelizzazione e cicatrizzazione. Questo stadio è caratterizzato da stenosi (restringimento) dell'esofago. Nei pazienti con ostruzione con l'aggiunta di distrofia. È importante correggere le cicatrici dell'ustione in modo tempestivo.

Ernia diaframmatica

L'ernia diaframmatica è un difetto nella parte centrale del diaframma. L'apertura esofagea del muscolo si espande e funge da anello erniario.

  • sottosviluppo del diaframma;
  • traumi;
  • costipazione, tosse, tosse, gravidanza e consegne frequenti;
  • violazione dell'innervazione;
  • forte stress fisico.
  • dolore nell'esofago;
  • bruciori di stomaco;
  • eruttazione frequente;
  • gonfiore;
  • insufficienza respiratoria.

Per la diagnosi, vengono eseguite radiografie del tratto digestivo con contrasto di bario. Trattare con un metodo chirurgico e conservativo. Una complicazione può essere la violazione dello stomaco e dell'intestino.

gravidanza

La gravidanza è una condizione fisiologica speciale del corpo femminile. Durante la gestazione, il corpo della madre viene ricostruito. Spesso ci sono violazioni nel tratto gastrointestinale. Patologia dell'esofago non è raro.

Forme della malattia nelle donne durante la gravidanza:

  1. Esofagite da reflusso L'utero con il feto in crescita mette sotto pressione gli organi interni, aumentando la pressione intra-addominale. Questa condizione provoca il reflusso gastroesofageo. I pazienti si lamentano di bruciore di stomaco, rigurgito, eruttazione, dolore toracico.
  2. Ernia. Si verifica anche sullo sfondo di alta pressione intra-addominale. I sintomi sono diversi: c'è dolore al petto, salivazione eccessiva, bruciore lungo lo sterno.
  3. Diverticoli, disturbi funzionali. Personaggi opachi, fastidiosi dolori.

Le donne incinte dovrebbero essere esaminate con qualità. Durante questo periodo, è vietato condurre studi radiografici a causa dell'alto rischio di conseguenze per il bambino. Applicare metodi conservativi di terapia, in quanto l'anestesia e la chirurgia sono dannosi per il feto.

Cause del dolore dopo visite mediche e vomito

Le malattie iatrogene sono patologie causate da un intervento medico. Il dolore nell'esofago che si è verificato sullo sfondo di esami diagnostici sono quelli.

È possibile danneggiare l'organo durante la gastroscopia, la bougienage, l'inserimento del sondino nasogastrico. Durante l'inserimento dello strumento, il medico può graffiare l'esofago o addirittura perforarne la parete.

Con il vomito prolungato, i pazienti sviluppano la sindrome di Mallory-Weiss. Queste sono crepe della membrana mucosa, accompagnate da sanguinamento.

I pazienti hanno mal di gola, bruciore di stomaco, eruttazione, disturbi della coscienza. Le lesioni leggere guariscono da sole, gravi - richiedono un intervento chirurgico di emergenza.

Altri fattori che causano dolore

Il dolore nell'esofago può essere causato da patologie di altri organi. Spesso, la disfunzione cardiaca può essere "mascherata" sotto esofagite da reflusso.

Malattie cardiache che sono accompagnate da disagio al petto:

  1. Angina pectoris ("angina pectoris"). I pazienti sentono disagio o dolore dietro lo sterno. Sentimenti di carattere oppressivo, costrittivo o bruciante. Il dolore restituisce spalla e braccio sinistro. In alcuni pazienti, l'angina pectoris è accompagnata da dispepsia (bruciore di stomaco, nausea, vomito, crampi addominali). Gli attacchi si verificano sullo sfondo di sforzo fisico, stress, eccesso di cibo, aumento della pressione sanguigna e in condizioni di temperatura estreme. Il dolore con l'angina dura fino a 15 minuti, è alleviato assumendo nitroglicerina.
  2. Infarto miocardico Il sintomo clinico sottostante è un forte dolore toracico. A volte si verificano forti dolori all'addome, alla gola, agli arti superiori, tra le scapole. Con un attacco di cuore, il dolore dura per più di 15 minuti e non viene fermato assumendo nitroglicerina. Si verifica sullo sfondo della malattia coronarica. I fattori di rischio sono l'esercizio eccessivo, lo stress, l'affaticamento, la crisi ipertensiva.
  3. Aneurisma dell'aorta toracica. I pazienti sono preoccupati per i dolori di bruciore dietro lo sterno che si irradiano alla schiena, al collo, alle mani, un aumento isolato della pressione sanguigna superiore, disturbi della deglutizione, voci, frequenti svenimenti, convulsioni quando si gira la testa, pulsazioni dietro lo sterno.
  4. Aritmia. La malattia è accompagnata da palpitazioni e funzione cardiaca irregolare. Con lo sviluppo della patologia aumenta il rischio di infarto miocardico. I pazienti hanno dolore toracico, mancanza di respiro, ansia.

Il disagio dietro lo sterno è anche caratteristico della patologia polmonare e bronchiale. La polmonite è un'infiammazione del tessuto polmonare con la formazione di infiltrazione in esso. I pazienti sono preoccupati per mancanza di respiro, dolore al petto, tosse. L'infiammazione dei polmoni è caratterizzata da febbre e sindrome da intossicazione generale.

La patologia epatica può anche causare la malattia esofagea. L'ipertensione portale, che si sviluppa sullo sfondo della cirrosi, porta all'espansione del plesso venoso esofageo. I pazienti soffrono di dolore nell'esofago, vicino all'ombelico, nell'ipocondrio destro e nel retto. Quando le vene varicose sono danneggiate, si verifica un sanguinamento abbondante.

L'esofago fa male: cosa fare?

Se il disagio appare nell'esofago, dovresti andare immediatamente in ospedale per l'esame e il trattamento.

Per la diagnosi vengono utilizzati:

  1. Studio del contrasto ai raggi X. Il paziente deve mangiare "porridge" di bario. Dopo scattare una foto. Il metodo consente di valutare le pareti e la permeabilità degli organi.
  2. Esofagoscopia. L'endoscopio è inserito attraverso percorsi naturali. Lo studio è condotto a stomaco vuoto. Prima di inserire il tubo, la gola viene irrigata con una soluzione di lidocaina. Il medico valuta personalmente la mucosa, osserva ulcere, erosione o neoplasie.
  3. Biopsia. Viene eseguito durante l'endoscopia. Il medico "pizzica" un pezzo di tessuto con un apparecchio speciale e lo invia per esame istologico. La morfologia del tessuto indica in modo affidabile la natura della formazione.
  4. manometria esofagea. Il metodo consente di valutare la motilità dell'esofago.
  5. Monitorare l'organo pH-metrico. Lo studio valuta la presenza di reflusso. Prescrivere la procedura in assenza di cambiamenti pronunciati nella parete della membrana mucosa, nonché sospetti cambiamenti di reflusso non esofageo (dentali, broncopolmonari, cardiaci).

Inoltre, vengono eseguiti ECG, ecografia addominale degli organi addominali, analisi generali e analisi del sangue biochimiche.

La terapia dipende dalla natura della malattia. La prima terapia dietetica prescritta. La dieta dovrebbe essere gentile. La dieta prevede lo scarico funzionale del corpo.

  • rifiuto del cibo grossolano;
  • masticare il cibo accuratamente;
  • esclusione di cibi piccanti, caldi, salati, grassi;
  • l'uso di piatti macinati e morbidi;
  • corretto regime di consumo

Raccomandazioni generali per le malattie dell'esofago:

  1. Dopo aver mangiato, non sporgersi in avanti o sdraiarsi per 2 ore.
  2. Dormi su un grande cuscino.
  3. Non indossare indumenti stretti (cinture, corsetti).
  4. Smetti di fumare.

In alcuni casi, dieta sufficiente e rispetto delle raccomandazioni generali. Tuttavia, gravi danni agli organi richiedono un intervento medico e chirurgico.

  1. Antiacidi. Le medicine non assorbibili sono prescritte a pazienti: Fosfalyugel, Alyumag, Maalox, Gaviscon. Applicare questo gruppo di farmaci 2 ore prima o dopo i pasti. E 'vietato prendere bicarbonato di sodio, Rennie, Tams per ridurre l'acidità, perché questi farmaci causano un "rimbalzo acido". Il pH diminuisce ulteriormente dopo l'assunzione.
  2. Farmaci antisecretori. Vengono utilizzati due gruppi di farmaci: inibitori della pompa protonica (Omeprazolo, Rabeprazolo) e bloccanti del recettore H2-istamina (Famotidina, ranitidina). Le medicine riducono la produzione di acido dallo stomaco. L'effetto irritante sulla mucosa è ridotto.
  3. Procinetici. I farmaci aumentano la motilità del tratto digestivo, prevengono il movimento retrogrado del cibo. Applicare i mezzi di Domperidone e Itophoed di ultima generazione.

Il trattamento chirurgico è effettuato a:

  • l'inefficacia della terapia farmacologica;
  • stenosi cicatriziale;
  • sanguinamento;
  • L'esofago di Barrett;
  • il cancro.

Quando si eseguono tumori nel lume, installare uno stent per facilitare il passaggio del cibo. La radioterapia e l'espansione dell'organo vengono eseguite. Con buone possibilità di recupero (il tumore è localizzato), le operazioni radicali vengono eseguite con rimozione subtotale dell'esofago. Prima e dopo l'intervento chirurgico, viene prescritta la chemioterapia.

Quando si sanguina dalle vene dell'esofago, è necessario il ricovero di emergenza del paziente all'ospedale per fermare l'emorragia.

I rimedi popolari sono usati come terapia adiuvante. Puoi prendere il tè con la camomilla, l'erba di San Giovanni e la menta. I phytoncides di queste piante hanno l'effetto antinfiammatorio e analgesico. Si consiglia inoltre di preparare la "raccolta gastrica" ​​e berlo giornalmente a stomaco vuoto.

La prevenzione delle malattie dell'esofago comprende:

  1. Smettere di fumare e alcolici.
  2. Mangiare tutte le varietà di cavolo. Secondo studi statistici, i componenti attivi di questo ortaggio riducono il rischio di sviluppare il cancro esofageo.
  3. Ridotto consumo di caffè.
  4. Rifiuto di piatti caldi e speziati.

Solo un simile approccio integrato garantirà il pieno recupero del paziente.

E un po 'sui segreti.

A giudicare dal fatto che ora stai leggendo queste righe - la vittoria nella lotta contro le malattie del tratto gastrointestinale non è dalla tua parte. E hai già pensato alla chirurgia? È comprensibile che il corretto funzionamento del tratto gastrointestinale sia una garanzia di salute e benessere. Dolori addominali frequenti, bruciore di stomaco, gonfiore, eruttazione, nausea, feci alterate. Tutti questi sintomi ti sono familiari di prima mano. Ecco perché abbiamo deciso di pubblicare un'intervista con Elena Malysheva, in cui rivela il segreto in dettaglio. Leggi l'articolo >>