logo

Come trattare il reflusso gastroduodenale? Quali sono i trattamenti?

Studiando le statistiche dello sviluppo di malattie tra la popolazione del nostro paese, è impossibile non notare la rapida crescita dei pazienti con reflusso gastroduodenale. La malattia copre varie categorie della popolazione ed è associata allo sviluppo di patologie negli organi dell'apparato digerente. Cos'è il reflusso gastroduodenale? Quali sono i metodi del suo trattamento? Questo articolo ti aiuterà a trovare le risposte a queste domande.

Qual è la ragione per lo sviluppo del reflusso gastroduodenale?

Corretta alimentazione - prevenzione del reflusso gastroduodenale

Questa malattia colpisce gli organi del sistema digestivo. Più precisamente, durante il suo sviluppo nell'uomo, c'è un rilascio retrogrado di bile prodotto nelle cellule del fegato, che penetra dal duodeno direttamente nello stomaco o nell'area dell'esofago. Questo meccanismo non è peculiare al normale funzionamento di questi organi. La causa del reflusso gastroduodenale sono malfunzionamenti nel funzionamento dei muscoli speciali - gli sfinteri, che sono responsabili del trasporto di cibo e bile nella direzione dell'acqua. Di solito questi muscoli si trovano sul bordo di questi organi.

Con il rilascio di bile nello stomaco e nell'esofago nel corpo, si verifica qualche irritazione delle mucose di questi organi. Il fatto è che la bile prodotta contiene enzimi come lisolecitina e tripsina. Irritano le membrane mucose dello stomaco e dell'esofago, poiché il loro scopo principale è basato sulla scissione del cibo. Allo stesso tempo, la bile contiene una certa quantità di acidi biliari, che hanno anche la capacità di irritare la mucosa gastrica, in cui è stabilito un ambiente acido favorevole a loro. Tutto ciò influisce negativamente sul benessere generale di una persona.

Il reflusso gastroduodenale è accompagnato dalla formazione sulla superficie della mucosa gastrica di alcune zone che indica la sconfitta del suo strato epiteliale. Questo a sua volta può causare lo sviluppo di gastrite da reflusso nel corpo.

Il reflusso gastroduodenale può anche causare malfunzionamenti della motilità intestinale e porta anche alla rottura degli sfinteri. Pertanto, negli esseri umani, si osserva la penetrazione della bile nello stomaco o nell'esofago sovrastante. Il rilascio di bile influenza in modo significativo l'intero processo di digestione, rallentando l'assorbimento di proteine, carboidrati e grassi dai villi dell'intestino. E come sai, questi composti organici sono il principale materiale da costruzione del nostro corpo. Sono questi composti che sono responsabili della crescita e dello sviluppo di tessuti e organi nel corpo umano.

Lo sviluppo del reflusso gastroduodenale nel corpo porta al danneggiamento degli organi mucosi degli organi da parte dei componenti della bile, che possono causare lo sviluppo di varie oncologie in questi organi. Connettendosi tra loro il segreto prodotto dalle cellule del pancreas e della bile, che proviene dal fegato, c'è una sostanza abbastanza forte che può distruggere la membrana gastrica protettiva. Di conseguenza, negli esseri umani c'è un assorbimento inverso dell'idrogeno e, di conseguenza, lo sviluppo delle ulcere. Il reflusso gastroduodenale è pericoloso per le sue conseguenze, quindi, se sospetti il ​​suo sviluppo nel corpo, dovresti immediatamente cercare aiuto presso le istituzioni mediche.

Con lo sviluppo del reflusso gastroduodenale negli organi dell'apparato digerente, si osserva un malfunzionamento dei muscoli spinali. Per questo motivo, la bile che è entrata nel duodeno può facilmente penetrare negli organi soprastanti, o meglio nella zona dello stomaco e persino nell'esofago. La bile entra facilmente nelle zone soprastanti passando il pylori e lo sfintere esofageo. Sulla scia di questi cambiamenti, vi è una violazione del movimento unidirezionale del cibo attraverso gli organi del tubo digerente. Ciò porta disagio e disagio alla persona.

Segni di

Il decotto alle erbe aiuta a sbarazzarsi di sintomi spiacevoli.

Il reflusso gastroduodenale è caratterizzato dallo sviluppo dei seguenti sintomi nel corpo di una persona malata:

Questi sintomi indicano anche la presenza di alterazioni patologiche negli organi dell'apparato digerente. I sintomi descritti della malattia sono abbastanza stabili e non possono essere esposti ai farmaci per un lungo periodo. Nel tempo, se una persona non affronta questi sintomi, può migliorare significativamente i loro effetti.

Le persone che soffrono di reflusso gastroduodenale possono avvertire dolore occasionale nella regione ombelicale. Inoltre, il dolore può verificarsi nella zona epigastrica. Questo non è affatto piacevole e tangibile, specialmente con la sua crescita. I dolori emergenti sono simili ad alcune contrazioni che si verificano periodicamente in queste aree. Possono comparire dopo l'intervento chirurgico, così come se una persona soffre di ostruzione lungo il dotto dell'intera zona duodenale.

Il dolore si verifica nei casi di esposizione al corpo dello stress, che ha una natura protratta, o quando si esegue un lavoro fisico a lungo termine. Pertanto, non è necessario esporre il corpo all'azione di stress concomitante e forte sforzo fisico. Ciò può aggravare la situazione di una persona e minare il suo stato di salute. La manifestazione di segni di reflusso gastroduodenale nel corpo è spesso combinata con altre malattie che possono svilupparsi negli organi dell'apparato digerente. Pertanto, è abbastanza difficile per questi sintomi determinare la natura della malattia esistente e fare una diagnosi accurata. Inoltre, molte malattie dell'apparato digerente sono caratterizzate dallo sviluppo di sintomi simili. In alcuni casi, i sintomi dolorosi compaiono dopo aver mangiato, cioè i segnali per visitare un medico.

Come identificare questa patologia?

È meglio rifiutare alcuni prodotti!

Lo sviluppo nel corpo del reflusso gastroduodenale può essere identificato con metodi speciali basati sui segni di questa malattia. Questi metodi includono:

  • Condurre il monitoraggio emorrodinamico di transilluminazione. Utilizzando questo metodo di rilevamento della patologia di cui sopra, gli specialisti misurano l'ampiezza dell'onda motoria. Gli indicatori della sezione gastrica antrale e gli indicatori del bulbo duodenale vengono confrontati. La differenza tra loro e parla dello sviluppo nel corpo del reflusso gastroduodenale, soprattutto se supera la cifra di otto millimetri.
  • Misurazione del pH-metro giornaliero. Questo metodo si basa sulla considerazione delle variazioni nell'acidità dell'ambiente gastrico e del grado di reflusso.
  • Il metodo di esame ecografico dello stomaco, basato sull'osservazione dei movimenti retrogradi delle bolle di gas che vanno dalla zona pilorica alla regione centrale dello stomaco.
  • Metodo di Bilimetria, che è lo studio di raschiature ottenute dalla superficie della lingua per la presenza di acidi biliari.
  • L'uso della fibrogastroduodenoscopia. Questo metodo aiuta a vedere l'aspetto di iperemia o aree edematose sulla superficie della mucosa gastrica.

Tutti i metodi di cui sopra consentono di rilevare questa patologia nel corpo. La diagnosi, confermata da loro, è affidabile ed è alla base della nomina di modi per sbarazzarsi della malattia. La diagnosi precoce di patologia è un aumento dell'efficacia di liberare il corpo da una malattia.

trattamento

Esame del paziente con disturbi di disturbi digestivi

Se la diagnosi di reflusso gastroduodenale è confermata in una persona, viene prescritto un trattamento appropriato. Gli specialisti più altamente qualificati in Russia trattano il reflusso gastroduodenale diviso in due componenti: terapia di base e terapia dietetica. Per migliorare l'efficacia del trattamento e accelerare il recupero del paziente, entrambi questi componenti si combinano e raccomandano di seguirli rigorosamente.

L'accettazione delle medicine prescritte per questa patologia serve come eliminazione dell'effetto irritante dall'insorgenza del reflusso gastroduodenale. Azione prescritta dai medici di farmaci volti a migliorare la motilità dell'apparato digerente. Prima di assumere certi medicinali, il medico acquisisce familiarità con lo stato di salute del paziente.

Le misure per sbarazzarsi del reflusso gastroduodenale mirano a normalizzare la massa del corpo del paziente. Questo è particolarmente vero per le persone che soffrono di eccesso di peso. A causa della normalizzazione del peso corporeo del paziente, il carico sul lavoro dello sfintere è significativamente ridotto. Le persone che soffrono di attacchi di reflusso gastroduodenale sono vietate a bere alcolici e ad essere coinvolti nel fumo. Questa categoria di persone ha prescritto una restrizione nell'uso di cibi grassi, in quanto riduce la velocità dello stomaco. Dalla dieta di chi soffre di questa patologia, sono esclusi caffè e cioccolato, contribuendo ad una diminuzione del tono muscolare dello sfintere.

Si raccomanda alle persone con reflusso gastroduodenale di assumere cibo in piccole quantità, ma pasti frequenti.

Il cibo con elevata acidità, che causa bruciore di stomaco nel corpo, è proibito. L'ultimo pasto non dovrebbe essere più tardi di due ore prima di andare a dormire. I medici raccomandano a questa categoria di persone di non essere coinvolti nel sollevare carichi pesanti, a causa dell'aumentata pressione intra-addominale.

I farmaci prescritti dai pazienti hanno un effetto diverso sulla malattia. Quindi, i farmaci della categoria degli antiacidi sono volti a ridurre l'acidità dell'ambiente gastrico. L'accettazione di farmaci dal gruppo di citoprotettori provoca la creazione di uno schermo protettivo sulla superficie della mucosa. L'uso di assorbenti migliora l'adsorbimento degli acidi biliari. Oltre a questi, ai pazienti viene prescritto un gran numero di farmaci che possono liberare il corpo da questa malattia. Nel trattamento del reflusso gastroduodenale, è importante seguire una dieta speciale prescritta dal medico curante. L'efficacia del trattamento dipende dalla compliance dei pazienti con dieta e farmaci. Perciò vale più l'attitudine responsabile alle raccomandazioni del dottore.

In conclusione, vorrei sottolineare che lo sviluppo del reflusso gastroduodenale nel corpo è accompagnato da una esacerbazione di altre malattie che colpiscono gli organi digestivi. Pertanto, non è necessario iniziare il decorso della malattia in fasi critiche e ai primi sospetti chiedere aiuto nelle istituzioni mediche.

Bruciore di stomaco, reflusso - cause e trattamento di patologie - video topic:

Sintomi e metodi di trattamento del reflusso gastroduodenale

Il reflusso gastroduodenale è il processo quando la bile dal duodeno entra nella cavità dello stomaco. Questa condizione patologica può causare una serie di motivi. Ha i suoi sintomi e, fortunatamente, viene trattato con successo.

Nello stato normale del tratto gastrointestinale, il cibo si muove solo in una direzione. Non consentire l'inversione delle valvole speciali del processo. Solo il vomito può servire come meccanismo protettivo per il corpo che sta cercando di liberarsi delle tossine. La parte inferiore dello stomaco con il duodeno collega lo sfintere pilorico - un muscolo a forma di anello.

Le cause della patologia

La causa del rilascio di bile nello stomaco può essere qualsiasi fallimento del tratto gastrointestinale. Ma più spesso, è:

  • Duodenite nella fase cronica. Questo è un processo infiammatorio del muro duodenale. Si gonfia, crea pressione per il contenuto, che viene rigettato nello stomaco;
  • Helicobacter pylori;
  • Operazioni. Se nel processo di intervento le fibre dello sfintere del piloro fossero danneggiate, allora non sarà mai in grado di svolgere pienamente le sue funzioni;
  • Prendendo farmaci (rilassanti muscolari, antispastici) e il guardiano stesso si rilassa, e anche attraverso un piccolo lume penetra nella bile;
  • Pressione meccanica sul duodeno - ernia, trauma, gravidanza, tumori peritoneali - tutti possono causare il rilascio di bile nello stomaco. In effetti, il lancio di questo meccanismo può verificarsi anche a causa della stretta compressione della cinghia.

Sintomi della malattia, diagnosi

Il quadro clinico della patologia con segni evidenti appare solo con un reflusso prolungato e frequente. Caratteristicamente, il dolore non ha una chiara dislocazione. Bruciore di stomaco - è spesso associato al fatto che, a causa della forte pressione, la bile entra nell'esofago, irritandone le pareti. Il paziente è preoccupato eruttando, a volte con un sapore amaro in bocca a causa della presenza di bile nello stomaco.

Il segno più evidente di reflusso gastroduodenale è il vomito con mescolanze di bile o giallo sulla lingua. Sono questi sintomi che attirano l'attenzione quando si prende cura di rimedi popolari. Indirettamente, la patologia può indicare una sensazione di pienezza nell'addome, nel disagio e nel dolore.

Lo stadio iniziale della malattia di solito non si manifesta con alcun sintomo e i gastroenterologi affermano che talvolta il reflusso duodeno-gastrico si verifica in persone sane. Di per sé, la patologia non rappresenta un pericolo per il corpo, ma se viene osservata spesso e non subisce un trattamento tempestivo, può portare a gravi malattie sia del duodeno che dello stomaco e dell'esofago.

Per la diagnosi, il paziente deve superare una serie di test: lo studio dell'acidità, dell'endoscopia, degli ultrasuoni. Questi dati sono abbastanza per il medico per fare una diagnosi finale.

Trattamento farmacologico e folcloristico

Sebbene il reflusso gastrico e il reflusso duodeno-gastrico possano essere corretti con successo sia con farmaci che con rimedi popolari, le misure terapeutiche possono essere prolungate per il paziente per un lungo periodo.

Il trattamento comprende due fasi principali: l'eliminazione delle cause di reflusso e la terapia sintomatica. Se la causa è il batterio Helicobacter pylori, il trattamento prevede l'assunzione di antibiotici. Solo l'ultima parte, di norma, è comune a tutti.

Include:

  • Accettazione di procinetici selettivi (Tsisaprid, Motilium). Hanno lo scopo di migliorare il tono degli sfinteri, accelerare il processo di svuotamento dello stomaco, il più presto possibile per salvarlo dalle proprietà irritabili della bile;
  • Accettazione di antiacidi (Almagel, Maalox) - sono ben ridurre l'acidità nello stomaco, ma è necessario bere abbastanza spesso;
  • L'assunzione di inibitori della pompa protonica (Nexium, Pariet) è un'alternativa agli antiacidi, ma più costosa. Dovrebbero essere bevuti un po 'meno, ma abbassano anche il livello acido del succo gastrico, proteggono la mucosa dagli effetti nocivi;
  • Ricezione di Ursofalk - è particolarmente efficace quando vomita con bile o eruttazione amara. Il farmaco cambia la forma degli acidi biliari per solubile in acqua.
Inoltre, il paziente dovrà aderire alla dieta di un medico appositamente sviluppato con un ricevimento di acqua minerale medicinale della composizione desiderata.

Se il reflusso duodenale-gastrico non è ancora passato allo stadio cronico, allora viene trattato con metodi chirurgici minimamente invasivi. Ad esempio, usando la correzione laparoscopica, il problema dell'insufficienza pilorica può essere risolto. Laparotomia e altri tipi di intervento chirurgico sono utilizzati per rimuovere un'ernia o tumori che spremere il duodeno.

Inoltre, il trattamento implica l'osservanza delle seguenti raccomandazioni:

  • Rifiuta di indossare cinture larghe e snellenti.
  • Seguire una dieta, eliminare dalla dieta prodotti nocivi, provocare sintomi, saturare il corpo con vitamine e alimenti biliari: biscotti di farina d'avena, cracker, cracker di segale.
  • Durante il giorno dovrebbero esserci tre pasti principali, e tra loro qualche snack. Tutte le porzioni dovrebbero essere piccole, seguire una dieta e dopo di essa non si può permettere l'eccesso di cibo.
  • Un'altra ora dopo il pasto principale non può assumere una posizione orizzontale del corpo, esercitare, al fine di evitare il verificarsi di sintomi dolorosi.
  • È importante rinunciare all'alcool e fumare.
  • La dieta comporta l'uso di una quantità sufficiente di liquido caldo - tisane, composte, decotti.
  • Devi passare più tempo all'aria aperta, monitorare il tuo stile di vita e la forza dei sintomi nelle dinamiche.

A volte i pazienti integrano la terapia farmacologica con i metodi tradizionali di lotta alla patologia, ma sono meglio concordati con il medico.

A volte i sintomi sono espressi implicitamente, o il reflusso non si è ancora sviluppato. In questo caso, è il trattamento dei rimedi popolari e la dieta aiuterà a normalizzare lo stato dello stomaco.

Di conseguenza, il reflusso duodenale gastrico non è una malattia indipendente, ma solo una conseguenza dell'uno o dell'altro motivo che ha causato il rilascio di bile dal duodeno nello stomaco. Il trattamento può essere sia conservativo che chirurgico, a seconda dello stadio di sviluppo della patologia, ma la prognosi è generalmente favorevole.

Reflusso duodenogastrico: sintomi e trattamento

Reflusso duodenogastrico - i sintomi principali:

  • nausea
  • Vomito dalla bile
  • Dolore epigastrico
  • distensione addominale
  • eruttazione
  • Patina gialla sulla lingua
  • bruciore di stomaco
  • Sapore amaro in bocca
  • Sensazione di scoppio

Il reflusso duodenogastrico (GHD) è una sindrome associata a tali malattie dell'apparato digerente come gastrite, ulcera gastrica, duodenite. Si manifesta lanciando bile nel duodeno nella cavità dello stomaco.

Come tale, DGR è stata rilevata in circa il 50% delle persone. E solo nel 30% dei casi si tratta di una malattia indipendente, e il 15% delle persone sane non sospetta nemmeno la sua presenza, dal momento che è asintomatica. In questo caso, il reflusso duodenogastrico non è considerato una malattia.

Le cause di GDR

Il reflusso duodenogastrico si verifica in violazione della pervietà duodenale, con conseguente aumento della pressione nel duodeno, e si verifica un indebolimento della funzione di commutazione del piloro. Le cause di questa malattia possono essere:

  • il fumo;
  • dysbacteriosis e infiammazione localizzati nel pancreas o nella cistifellea;
  • perdita di tono dei muscoli esofagei che separano lo stomaco dal duodeno;
  • ernia del diaframma;
  • la gravidanza;
  • assunzione di muscolo liscio dei farmaci esofage riducendo il tono muscolare.

Con un lungo ciclo di DGR, la mucosa gastrica viene danneggiata dagli enzimi pancreatici, acidi biliari, lisolecitina, sali di acidi biliari. Questo porta a ulcera gastrica, gastrite da reflusso, malattia da reflusso gastroesofageo.

I sintomi della malattia

I sintomi della GDR sono simili ad altre malattie dell'apparato digerente, a causa della loro interdipendenza. Ma una simile somiglianza è solo esterna. I principali sintomi di questa malattia sono pochi:

  • bruciore di stomaco che si verifica dopo aver mangiato;
  • eruttare aria normale o con un sapore di acidità;
  • gonfiore dopo aver mangiato, sensazione di distensione;
  • pungiglione e dolore spasmodico nella regione epigastrica dopo aver mangiato;
  • c'è un sapore amaro in bocca;
  • sensazione di nausea, seguita da possibile vomito di bile;
  • l'imposizione del linguaggio fioritura gialla.

Spesso, durante la fibrogastroduodenoscopia (FGDS) per la diagnosi di una malattia di terzi, il medico può rilevare il reflusso duodenogastrico nel paziente. In questo caso, la malattia non si manifesta nella vita di tutti i giorni. In tali casi, viene periodicamente attivato durante il sonno o durante l'esecuzione di determinate attività fisiche. Allo stesso tempo, il paziente non ha un impatto negativo sul sistema digestivo.

Diagnosi della malattia

Per uno specialista qualificato, la diagnosi di questa malattia non è difficile, poiché i sintomi della malattia sono molto specifici. Se si sospetta un reflusso duodenogastrico, il paziente viene indirizzato per tali studi:

  • fibrogastroduodenoscopia (FGDS);
  • uno studio dell'acidità della sezione cardiale dello stomaco, del terzo inferiore dell'esofago e anche del corpo dello stomaco - pH-metria giornaliera;
  • Ultrasuoni degli organi addominali;
  • electrogastrogram;
  • Radiografia dello stomaco e del duodeno usando un agente di contrasto.

Uno studio completo dell'acidità per il medico è il più informativo, poiché consente di riconoscere con grande precisione i sintomi della DGR e la gravità della sindrome del paziente. Per una maggiore affidabilità, il monitoraggio viene effettuato di notte. Ciò consente di escludere l'effetto sull'acidità dei farmaci e del cibo assunto. Se il pH dello stomaco sale a 3 unità e oltre, allora possiamo parlare della presenza del paziente con questa sindrome.

Condurre l'elettrogastroenterografia consente di ottenere informazioni sulla funzione contrattile del duodeno e dello stomaco. Ma la fibrogastroduodenoscopia viene attualmente testata meno frequentemente, poiché un tale studio può provocare un reflusso duodenogastrico.

Trattamento della malattia

La direzione del trattamento della malattia è l'organizzazione del corretto funzionamento della motilità gastrica e duodenale e la normalizzazione del legame degli acidi biliari. Per migliorare la motilità, al paziente viene solitamente prescritto Trimedat. L'effetto del contenuto del duodeno sulla mucosa gastrica viene neutralizzato con i preparati Nexium e Omez. Per una migliore digestione del cibo e l'attivazione del suo movimento attraverso l'intestino tenue, il medico prescrive Domperidone o Zeercal. E per eliminare il bruciore di stomaco - "Almagel", "Fosfalyugel" o "Gaviscon".

Un trattamento adeguato è importante per il successo del trattamento. È anche necessario cambiare la dieta: ci sono spesso, ma in piccole porzioni; limitare il consumo di cibo "grezzo"; escludere alcol e fumare Utili passeggiate lente e rilassanti all'aria aperta.

La dieta DGR si basa su:

  • esclusione dalla dieta di cibi piccanti, fritti, salati e grassi;
  • Attraversando la razione dei prodotti dello sfintere pilorico: aglio, pomodori, cipolle, cioccolato, pane fresco, caffè, agrumi, ecc.;
  • evitare l'uso di cavoli e mele, poiché contribuiscono alla crescita dell'acidità del succo gastrico;
  • bere acqua minerale ricca di magnesio;
  • consumo di crusca.

La dieta con la complicazione di DGR è leggermente diversa:

  • sono ammessi pesce e carne magri;
  • puoi mangiare ricotta, yogurt, latte e panna acida non acida;
  • le bacche acide con frutto sono controindicate;
  • non mangiare cibi acidi e succhi;
  • porridge deve essere ben pulito, e la zuppa - schiacciato a uno stato di purè di patate.

Mezzi di medicina tradizionale con DGR

Il trattamento del GHD con i rimedi popolari spesso dà lo stesso effetto positivo del farmaco. Inoltre, la frequenza delle manifestazioni di effetti collaterali durante la sua attuazione è molto più bassa. Il più famoso per il trattamento di questa malattia rimedi popolari sono i seguenti:

  • preparare l'erba di San Giovanni, camomilla e achillea, presa in qualsiasi proporzione, con acqua bollente e aggiungere al tè. Bere decotto bisogno di 2 volte al giorno. Allevia il bruciore di stomaco, allevia i sintomi della gastrite, minimizza il reflusso duodenogastrico, elimina la disbatteriosi;
  • 1 cucchiaio. l. semi di lino viene versato 100 ml di acqua fresca, infusa prima della selezione dei semi di muco. Per consumare - a stomaco vuoto;
  • 2 cucchiai. l. erbe chamyanka su 500 ml di acqua bollente. Lasciare riposare per un'ora, prendere 50 ml ogni 2 ore. Infusione di 2 cucchiai. l. radici di foresta di marshmallow per 500 ml di acqua, infusa per 5-6 ore, prendere in piccole porzioni durante il giorno. Usando questi rimedi popolari, è possibile prevenire il vomito biliare;
  • rimedi popolari efficaci per migliorare la motilità intestinale sono le foglie della rue. Hanno bisogno di masticare dopo aver mangiato 1-2 foglie;
  • 50 g di radice di salvia e calamo mescolato con 25 g di radice di angelica; 1 cucchiaino mescolare versare 1 cucchiaio. acqua bollente, riposare per 20 minuti. Bere 1 ora dopo aver mangiato 3 volte al giorno.

Il trattamento del reflusso duodenogastrico è importante per iniziare nelle prime fasi. I benefici della terapia con i rimedi popolari sono indubbi, ma sarebbe meglio consultare un medico. Questo determinerà il successo e il rapido risultato della malattia. I rimedi popolari possono svolgere con successo la prevenzione della malattia. Una dieta corretta allevierà il decorso della malattia.

Se pensi di avere un reflusso duodenogastrico e i sintomi caratteristici di questa malattia, allora il tuo gastroenterologo può aiutarti.

Suggeriamo inoltre di utilizzare il nostro servizio di diagnostica online delle malattie, che seleziona le possibili malattie in base ai sintomi inseriti.

L'inflessione della cistifellea è un'anomalia della struttura di questo organo durante il quale l'organo si deforma. In questo contesto, vi è un cambiamento nella forma normale di ZH, che dovrebbe avere un aspetto a forma di pera. Inoltre, vi è una violazione del suo funzionamento e della stagnazione della bile, che comporta lo sviluppo di complicazioni.

La gastrite è una patologia abbastanza comune in cui lo stomaco è interessato, e in particolare le sue pareti mucose. Le gastriti, i cui sintomi nella stragrande maggioranza si presentano sullo sfondo dell'esposizione ad un batterio specifico, che è noto a molti lettori come Helicobacter pylori, possono anche derivare dall'esposizione a una serie di fattori specifici (alcolismo, stress persistente, fumo, dieta scorretta, ecc.).

Dispepsia funzionale è il termine medico per vari disturbi digestivi che si verificano nel corpo umano a causa di una dieta impropria o insufficiente escrezione di enzimi digestivi. Questa malattia colpisce persone di qualsiasi età. Negli ambienti medici, la malattia viene spesso definita sindrome del "pigro stomaco".

L'insufficienza cardiaca dello stomaco è un processo patologico, che si manifesta sotto forma di insufficiente chiusura dello sfintere (valvola) tra l'esofago e lo stomaco. In medicina, questo disturbo è anche chiamato chalasia. La funzione principale dello sfintere cardiaco consiste nel bloccare l'uscita inversa del cibo digerito dallo stomaco nell'esofago. È pericoloso per la formazione di ulcere e ustioni sulla superficie della mucosa. La complicazione più grave dell'insufficienza cardiaca è la degenerazione maligna delle cellule epiteliali.

La poliposi della cistifellea è un processo patologico che porta alla crescita di formazioni simili a tumori sulla superficie dello strato mucoso delle pareti di questo organo. Va inteso che questa malattia non è una malattia oncologica, ma indica la predisposizione dell'organismo alla formazione di neoplasie maligne. Nella maggior parte dei casi, il trattamento della patologia è radicale. La terapia conservativa rallenta solo lo sviluppo della malattia.

Con l'esercizio e la temperanza, la maggior parte delle persone può fare a meno della medicina.

Sintomi e trattamento del reflusso gastroduodenale

Il reflusso gastroduodenale è una patologia in cui le masse alimentari dal piccolo intestino entrano nello stomaco e talvolta nell'esofago. In questo contenuto è la bile, che è stata gettata dal fegato nell'intestino per la lavorazione del cibo.

La malattia si sviluppa più spesso se i muscoli speciali (sfinteri) per qualche motivo hanno cessato di svolgere la loro funzione - per trasportare la massa alimentare e la bile verso l'intestino crasso.

Cause del reflusso gastroduodenale

La causa più comune della scarica del contenuto del duodeno nello stomaco è l'indebolimento degli sfinteri o la completa cessazione del loro funzionamento. Questi muscoli, situati sul confine dell'uscita dalla parte pilorica dello stomaco nel duodeno, conducono il cibo nell'intestino. In condizioni normali, non consentono al contenuto di tornare indietro. La bile contiene sostanze che sono destinate alla lavorazione di massa alimentare. Una volta nello stomaco, lo irritano, causando sintomi spiacevoli.
Un altro motivo per il rilascio di bile è considerato una violazione della motilità intestinale. Poi c'è un ciclo inverso di cibo e lo si lancia con la bile nello stomaco. Per questo motivo, aumenta la pressione sugli organi, quindi la massa può entrare nell'esofago. Altri motivi includono:

  • la gravidanza;
  • l'obesità;
  • interventi chirurgici relativi all'asportazione di una parte dello stomaco o dell'intestino;
  • ulcera, erosione, gastrite cronica.

Lo sviluppo del reflusso gastroduodenale ha un effetto negativo sul corpo. Il paziente avverte disagio. Gli acidi biliari, entrando in uno stomaco, corrodono la sua mucosa. Di conseguenza, la digestione è disturbata e anche nell'intestino. I suoi villi non sono più in grado di assorbire carboidrati, proteine ​​e grassi. Per questo motivo, la crescita dei tessuti e il loro sviluppo sono rallentati e disturbati.

Se non vai da un medico in tempo, si possono sviluppare ulcera e oncologia. La bile distrugge la membrana protettiva dello stomaco così tanto che le neoplasie maligne iniziano a crescere.

sintomi

I sintomi del reflusso gastroduodenale sono molto simili ai sintomi di altri disturbi del tratto gastrointestinale. Ad esempio, è abbastanza difficile determinare la localizzazione del dolore nel reflusso gastroduodenale o nella pancreatite.

.gif "data-lazy-type =" immagine "data-src =" https://bolitvnutri.ru/wp-content/uploads/2018/01/bolit.jpg "alt =" "width =" 600 "height =" 300 "srcset =" "data-srcset =" https://bolitvnutri.ru/wp-content/uploads/2018/01/bolit.jpg 600w, https://bolitvnutri.ru/wp-content/uploads/2018/ 01 / bolit-300x150.jpg 300w "sizes =" (larghezza massima: 600px) 100vw, 600px "/>

La maggior parte del dolore si fa sentire nell'addome superiore con varie malattie. Inoltre, il vomito di nausea è quasi sempre manifestato. Altri sintomi includono:

  • frequente gonfiore e flatulenza;
  • bruciore di stomaco e eruttazione con un odore acre;
  • placca a lingua gialla;
  • sapore amaro in bocca.

Tutti questi sintomi sono abbastanza pronunciati e sgradevoli. Se non si inizia il trattamento in tempo, aumentano solo. I dolori del carattere crampi sono così stabili da essere difficili da eliminare con le medicine. E anche dopo l'operazione, possono essere salvati.

Diagnosi della malattia

Poiché i segni della malattia non sono specifici, a volte è difficile fare una diagnosi corretta. A volte viene rilevato per caso quando si cerca una patologia completamente diversa del tratto gastrointestinale. Ciò significa che la diagnosi di reflusso duodenogastrico è solo dovuta ai sintomi è difficile, ed è necessario passare altri esami:

  1. Fibrogastroduodenoscopy. Con il suo aiuto, viene rivelato lo stato della mucosa gastrica, è possibile trovare ulcere ed erosione.
  2. PH-metria 24 ore su 24. Aiuta a determinare l'acidità e le sue fluttuazioni durante il giorno. Stabilisce anche quanto spesso e per quanto tempo avviene il casting, il grado della sua manifestazione.
  3. Raggi X con contrasto. Mostra una goccia di contenuti.
  4. Monometria antroduodenale. Rileva la disfunzione motoria nello stomaco e nell'intestino e determina anche la pressione nell'intestino tenue.
  5. Lo studio del succo gastrico. Necessario per rilevare il contenuto di bile in esso.

Questi metodi diagnostici aiutano a diagnosticare con precisione. Pertanto, è necessario sottoporsi a consultazioni in gastroenterologia ai primi segni della malattia. L'esposizione prolungata alla bile sulle mucose può portare a una pericolosa malattia - gastrite di tipo C tossico e chimico. L'ecografia aiuterà a riconoscere altre patologie nel sistema digestivo.

Trattamento della malattia

Una volta diagnosticata, viene trattato il reflusso gastroduodenale. Include terapia farmacologica e dieta. Anche usato la medicina tradizionale, il lavoro è in corso per formare uno stile di vita sano. Il paziente dovrà cambiare radicalmente le proprie abitudini, smettere di fumare e alcol, monitorare costantemente il peso e la nutrizione.

Trattamento della patologia gastroduodenale con farmaci

Il trattamento farmacologico mira a eliminare gli effetti irritanti della bile, migliorando la motilità dell'apparato digerente, accelerando l'evacuazione del cibo, riducendo l'acidità e aumentando la motilità. I seguenti farmaci sono usati per la terapia di reflusso:

  • antispastici, allevia il dolore e i crampi;
  • la procinetica selettiva che migliora la peristalsi, stimolando l'evacuazione dei contenuti;
  • inibitori dell'acido biliare;
  • antiacidi che possono normalizzare l'acidità dello stomaco;
  • preparazioni con enzimi;
  • mezzi per ridurre la produzione di acido gastrico, curando la mucosa;
  • assorbenti per eliminare la bile.

Oltre ai farmaci, per il trattamento efficace del reflusso gastrico, i medici raccomandano di ridurre l'attività fisica, di eliminare l'eccesso di peso. Questo è necessario per prevenire la pressione sugli organi interni, che provoca un lancio. Le erbe possono anche aiutare: camomilla, salvia e tutsan. Hanno tutti effetti anti-infiammatori. L'infusione di semi di lino avvolge la mucosa e la lenisce.

Reflusso e dieta

Un altro componente del trattamento del reflusso gastroduodenale è la dieta. È importante osservare le norme sull'assunzione di cibo, equilibrare la dieta e rifiutare i prodotti vietati.

Con il reflusso gastroduodenale, l'alcol, le sigarette, i cibi fritti e le carni affumicate, i cibi ad alto contenuto di sale e grassi, così come i cibi in scatola e il caffè sono proibiti. Puoi zuppe, cereali senza latte, latticini a basso contenuto di grassi, tè, composta, frutta non acida, frutti di bosco. Verdure, prodotti a base di carne e pesce magro. Non puoi cioccolato, cacao, perché rilassano lo sfintere, che è già indebolito.

.gif "data-lazy-type =" immagine "data-src =" https://bolitvnutri.ru/wp-content/uploads/2018/01/diets.jpg "alt =" "width =" 600 "height =" 300 "srcset =" "data-srcset =" https://bolitvnutri.ru/wp-content/uploads/2018/01/diets.jpg 600w, https://bolitvnutri.ru/wp-content/uploads/2018/ 01 / diets-300x150.jpg 300w "sizes =" (larghezza massima: 600px) 100vw, 600px "/>

Mangiare con reflusso gastroduodenale è spesso necessario, ma in piccole porzioni. Il cibo è accettato solo caldo, caldo e freddo - è impossibile. In generale, la dieta è la stessa di quella di altre malattie dell'apparato digerente.

La prognosi per i pazienti è solitamente sempre favorevole. Non si dovrebbe portare a una condizione critica, è necessario consultare un medico in tempo e iniziare il trattamento. E per la prevenzione è importante mangiare pienamente, non saltare i pasti, evitare cattive abitudini, fare sport e monitorare la propria salute.

Reflusso gastroduodenale: farmaci, regimi e indicazioni terapeutiche

Il trattamento con farmaci a riflusso gastroduodenale è la base del trattamento di questa malattia, in cui il contenuto del duodeno viene gettato nel lume dello stomaco.

Le principali direzioni del trattamento

Durante il reflusso gastroduodenale, la terapia farmacologica deve essere mirata a correggere tutte le manifestazioni e le complicanze della malattia. I preparativi possono essere:

  • normalizzare la motilità del tratto digestivo in modo che il reflusso stesso scompaia;
  • ridurre l'acidità nel lume dello stomaco;
  • neutralizzare acidi biliari e contenuti duodenali;
  • proteggere la mucosa;
  • ridurre la gravità del processo infiammatorio;
  • promuovere un rapido recupero della mucosa.

Regimi di trattamento di base

Il principale regime di trattamento è costituito dai seguenti farmaci:

  • inibitori della pompa protonica (1 o 2 volte al giorno a un dosaggio terapeutico medio);
  • procinetica (3 volte al giorno in una dose standard);
  • citoprotettori (preparati di acido ursodesossicolico o bismuto);
  • antiacidi o alginati (per un rapido sollievo dei sintomi).

In caso di intolleranza agli inibitori della pompa protonica, vengono utilizzati i bloccanti del recettore H2. In presenza di infezione da Helicobacter pylori, la terapia di eradicazione (amoxicillina e claritromicina) è inoltre prescritta.

La durata standard della terapia iniziale è di 2 settimane, dopo di che viene valutata la sua efficacia. Prokinetics e preparazioni di acido ursodesossicolico sono spesso presi per un lungo periodo di tempo (mesi e anni).

I farmaci più efficaci

Inibitori della pompa protonica

Le preparazioni di questo gruppo sono prodotte nella forma di targhe o soluzioni per amministrazione endovenosa. I loro principali rappresentanti sono:

  • omeprazolo;
  • pantoprazolo;
  • lansoprazolo;
  • rabeprazolo;
  • Esomeprazolo.

Nel reflusso gastroduodenale, gli inibitori della pompa protonica mostrano il miglior risultato se si osserva un aumento dell'acidità allo stesso tempo, così come con l'ulcera peptica concomitante, la gastrite o la duodenite.

L'unica controindicazione alla nomina di questi farmaci è l'idiosincrasia. Durante la gravidanza, devono essere presi con cautela. È anche importante prendere altri farmaci che sono metabolizzati nel corpo attraverso il fegato.

Antiacidi e alginati

Gli antiacidi sono un gruppo di farmaci in grado di avvolgere la mucosa dello stomaco e del duodeno. Inoltre neutralizzano il contenuto dello stomaco e normalizzano gli indicatori di acidità. Gli alginati sono uno dei sottogruppi di antiacidi, ma a differenza di altri farmaci, sono polisaccaridi ad alto peso molecolare.

Il meccanismo d'azione degli antiacidi si basa sulla loro capacità di formare sale a contatto con un mezzo alcalino o acido. Allo stesso tempo, le molecole del farmaco attivo non vengono assorbite e vengono espulse attraverso l'intestino.

I più popolari sono i seguenti farmaci in questo gruppo:

  • "Almagel";
  • "Gaviscone";
  • "Maalox";
  • "Gastal";
  • "Rennie";
  • "Sekrepat".

Controindicazioni alla nomina di questi farmaci sono i seguenti:

  • Morbo di Alzheimer;
  • costipazione cronica;
  • colite ulcerosa;
  • condizione dopo l'intervento chirurgico sull'intestino con la formazione di una colostomia o ileostomia.

Di solito, i pazienti assumono questi farmaci quando si manifestano sintomi di dispepsia. L'inizio di azione di antatsidny è annotato già in 10-15 minuti. Puoi anche usarli a scopo preventivo dopo un pasto, se provoca lo sviluppo di sintomi.

Bloccanti del recettore H2

I bloccanti del recettore H2 dell'istamina sono indicati come farmaci antisecretori. Tuttavia, dopo la comparsa diffusa di inibitori della pompa protonica, il loro uso è stato significativamente ridotto. L'ultimo vantaggio significativo dei bloccanti del recettore dell'istamina è rimasto a buon mercato.

Questi farmaci sono antagonisti competitivi di istamina, gastrina e acetilcolina - mediatori locali che stimolano la secrezione di succo gastrico. La durata dell'azione dei farmaci non supera le 4-6 ore. Escritta dal corpo per filtrazione attraverso i reni.

I principali rappresentanti dei bloccanti dei recettori dell'istamina:

  • ranitidina;
  • Famotidina.

Questo gruppo di farmaci prescritti con un aumento dell'acidità nello stomaco o duodeno. Sono i farmaci di scelta in caso di intolleranza agli inibitori della pompa protonica.

Non può essere assegnato nelle seguenti situazioni:

  • il periodo di gravidanza e allattamento nelle donne;
  • età da bambini del paziente (fino a 16-18 anni);
  • insufficienza renale significativa

procinetici

Questo gruppo di farmaci agisce sulla funzione motoria dell'apparato digerente. I prokinetici contribuiscono all'attivazione di normali movimenti peristaltici, il che riduce l'intensità del lancio del contenuto del duodeno nello stomaco. Gli unici farmaci in questo gruppo sono domperidone e itopride.

I prokinetics non influenzano la secrezione gastrica. Agiscono sul sistema nervoso periferico autonomo del tubo digerente e contribuiscono all'attivazione degli impulsi. In parte dopo averli assunti, i principi attivi penetrano nella barriera emato-encefalica, quindi alcuni pazienti presentano sintomi nervosi lievi.

È controindicato l'uso di procinetici nelle seguenti condizioni:

  • ostruzione dell'intestino meccanico;
  • tumori ipofisari;
  • malattie epatiche o renali non compensate;
  • emorragia attiva o recente nel tratto digestivo;
  • prolungamento dell'intervallo QT sull'ECG;
  • perforazione dello stomaco o dell'intestino.

Domperidone e itopride sono destinati alla somministrazione orale. Si consiglia al paziente di prenderli prima dei pasti 3 volte al giorno.

Questo metodo del penny allevia le ulcere e la gastrite! Dobbiamo prendere 250 ml di acqua bollita. Leggi di più

cytoprotectors

Cytoprotectors - un gruppo di farmaci che proteggono la mucosa gastrica dagli effetti di fattori aggressivi, oltre a contribuire alla sua rapida rigenerazione. I principali meccanismi della loro azione sono i seguenti:

  • attivazione della secrezione di bicarbonato;
  • aumento della produzione di prostaglandina - il principale mediatore della protezione della mucosa;
  • migliorare l'apporto di sangue allo stomaco e al duodeno;
  • cattura di reazioni ossidative e radicali liberi;
  • adesione di microrganismi patogeni;
  • legame di acido cloridrico e acidi biliari;
  • inibizione competitiva della pepsina;
  • stimolazione della sintesi del fattore di crescita epidermico, che contribuisce al ripristino dei tessuti danneggiati.

Ai citoprotettori includono farmaci di vari gruppi farmacologici, tra i quali è necessario distinguere:

  • preparazioni di bismuto (De-Nol, Tribamol, Vikair, Ventrisol);
  • sucralfat (Venter);
  • Preparati di acido ursodeoxycholic (Ursodiol, Grinterol, Ursolizin);
  • prostaglandine (misoprostolo);
  • metilxantine in marcia (pentossifillina, trental, agapurina);
  • preparazioni di propoli.

Fasi di trattamento della malattia

Tipicamente, la terapia farmacologica per il reflusso gastroduodenale consiste in diverse fasi:

  1. Iniziare la gastrite da reflusso farmaco - include il numero massimo di farmaci per normalizzare rapidamente il benessere del paziente ed eliminare il processo infiammatorio nello stomaco. Dura 2-4 settimane
  2. Terapia di mantenimento - consiste in farmaci che prevengono direttamente il reflusso e neutralizzano gli acidi biliari (procinetici e citoprotettori). Questa fase dura da 2 mesi a 1-2 anni.
  3. Prevenzione della recidiva - corsi separati (2 volte l'anno) di terapia per evitare una nuova esacerbazione della malattia. Metodi episodici di antiacidi tra i trattamenti.

Oltre al trattamento farmacologico, il paziente deve seguire una dieta (sia durante il trattamento che durante la remissione).

Prevenzione delle malattie

Per evitare la comparsa di reflusso gastroduodenale è necessario:

  1. Smetti di fumare.
  2. Non abusare di bevande alcoliche.
  3. Seguire attentamente la dieta, limitare l'uso di fast food, cibi in scatola, fritti.
  4. Normalizza lo stato emotivo, evita lo stress mentale eccessivo.
  5. Elimina l'esercizio statico che può portare ad un aumento della pressione intra-addominale.
  6. Durante l'assunzione di farmaci monitorare attentamente i possibili sintomi del tratto digestivo.
  7. All'occorrenza dei primi segni di dispepsia, cercare assistenza medica qualificata.

Reflusso duodenogastrico: sintomi, trattamento

Il reflusso duodenogastrico è il lancio di cibo parzialmente digerito (noduli di cibo) dal duodeno 12 nello stomaco. La patologia si presenta abbastanza spesso - più spesso manifestata come segno di altre malattie del tratto gastrointestinale, ma poiché può, sebbene raramente, manifestarsi come una malattia indipendente, viene evidenziata in una nosologia separata.

Dati generali

La malattia non appartiene a stati pericolosi, ma soggettivamente provoca disagio fisiologico nei pazienti e peggiora significativamente la loro qualità di vita, e quindi attira l'attenzione costante dei gastroenterologi. D'altra parte, il reflusso duodenogastrico inespresso è osservato nel 15% della popolazione sana dal punto di vista della gastroenterologia - persone che non si sono mai lamentate delle violazioni del tratto gastrointestinale. In una tale categoria, il reflusso duodenogastrico o si manifesta con una sintomatologia pigra, che è facilmente interrotta, o non si manifesta affatto, quindi, in questo caso, non è considerata una patologia. Nelle persone sane, l'ingresso di cibo parzialmente digerito dal duodeno allo stomaco si osserva principalmente durante la notte, a causa del fatto che:

  • le persone cenano tardi;
  • sfintere pilorico di notte può rilassarsi.

Lo sfintere pilorico è le fibre muscolari circolari nella parete dello stomaco nel punto di transizione di questo organo nel duodeno. Porzionano il cibo parzialmente digerito dallo stomaco nell'intestino e non gli permettono di tornare. Ciò impedisce il conflitto fisiologico della mucosa gastrica con il nodulo di cibo, che ha già un valore di pH diverso a causa della secrezione del duodeno, degli enzimi dalla cistifellea e del pancreas.

I gastroenterologi considerano il reflusso duodenogastrico una patologia nel caso in cui:

  • l'acidità del succo gastrico, determinata durante la misurazione del pH giornaliera, è superiore a 5, il che significa uno spostamento verso il lato alcalino;
  • questo spostamento dell'acidità non è correlato all'assunzione di cibo.

Il reflusso duodenogastrico come patologia chiaramente definita viene diagnosticata in base a dati diversi nel 28-32% dei pazienti. Uomini e donne ne sono ugualmente influenzati. Un aumento del numero di casi di reflusso duodenogastrico è osservato tra gli studenti - a causa della malnutrizione (il più delle volte ciò avviene durante le sessioni studentesche).

Secondo un numero di gastroenterologi, il reflusso duodenogastrico si verifica nel 45-100% dei casi di tutte le patologie croniche dello stomaco e del duodeno, ma non sempre diagnosticato (principalmente a causa del sottoesame).

L'importanza della patologia è che può contribuire all'emergenza e all'ulteriore sviluppo di quasi tutte le varietà di patologia gastrica - prima di tutto:

  • ulcera peptica;
  • infiammatorio;
  • tumore (nel periodo di tempo remoto).

Molto spesso, la malattia si sviluppa dopo alcuni tipi di intervento chirurgico nel tratto gastrointestinale - il più delle volte dopo:

  • colecistectomia (rimozione della cistifellea);
  • manipolazione chirurgica dei dotti biliari;
  • trattamento chirurgico del pancreas;
  • sutura dell'ulcera duodenale.

Cause e sviluppo della patologia

Le cause più comuni che portano al reflusso duodenogastrico sono:

  • violazione dell'attività motoria dello stomaco e / o del duodeno 12;
  • aumento della pressione nel duodeno;
  • esame endoscopico del tratto gastrointestinale.

Grazie al miglioramento delle tattiche di fibrogastroduodenoscopia, è sempre meno spesso la causa di questa patologia. Se la bile viene rilevata nello stomaco, significa che la causa del reflusso non è stata causata da EGD, ma da altri fattori.

A sua volta, può verificarsi il fallimento dello stomaco pilorico:

  • a seguito di violazioni dello sviluppo fetale - in particolare, con la posa impropria del tubo alimentare;
  • nelle patologie acute e croniche dello stomaco, che colpiscono principalmente il dipartimento pilorico, così come i dipartimenti limitrofi;
  • dopo l'intervento chirurgico per la patologia dello stomaco (non solo il suo dipartimento pilorico, ma anche i segmenti vicini - il loro funzionamento è interconnesso).

Poiché, a causa del costante lancio pronunciato del contenuto del duodeno nello stomaco, la pressione nella cavità di quest'ultimo aumenta, questo, a sua volta, può causare il reflusso gastroesofageo - lanciando una porzione del contenuto dello stomaco nell'esofago.

Questo succede spesso se il reflusso duodenogastrico:

  • pronunciato;
  • a lungo non trattato;
  • sebbene siano stati fatti appuntamenti terapeutici, è stato osservato per molto tempo.

La principale conseguenza patologica del reflusso duodenogastrico è l'effetto aggressivo del contenuto del duodeno sulla mucosa gastrica. Durante questo, si verificano i seguenti processi:

  • Gli acidi del contenuto della cistifellea e degli enzimi pancreatici corrodono la mucosa gastrica, motivo per cui gli ioni idrogeno del succo gastrico vengono risucchiati nella parete dello stomaco. Ciò porta ad un aumento della produzione di acido cloridrico e al crescente aumento dell'acidità del succo gastrico;
  • questi stessi composti biologici danneggiano le strutture grasse delle cellule dello stomaco, aumentando così la loro sensibilità ai componenti aggressivi del succo gastrico (principalmente all'acido cloridrico). Arriva un conflitto chimico tra il muro dello stomaco e il suo segreto (secrezioni).

Il reflusso duodenogastrico può verificarsi anche quando:

  • malattie funzionali dello stomaco - quelle che non sono caratterizzate da cambiamenti nella parete del corpo - per esempio, con discinesia gastrica (alterata attività locomotoria gastrica);
  • gastropatologia organica, che sono caratterizzati da disturbi fisico-anatomici nella parete gastrica.

Molto spesso questi sono tali malattie e condizioni:

  • gastrite cronica;
  • ulcera peptica;
  • ulcera duodenale;
  • cancro allo stomaco;
  • una diminuzione del tono dello sfintere di Oddi (fibre muscolari circolari che circondano la confluenza del dotto biliare e il dotto pancreatico nel duodeno e normalmente regolano l'ingresso di enzimi biliari e pancreatici in esso);
  • duodenostasi (compromissione o completa cessazione dell'attività motoria del duodeno).

È necessario distinguere le relazioni causali della patologia del tratto gastrointestinale e il reflusso duodenogastrico:

  • nelle malattie funzionali del tubo digerente, prima c'è una violazione della motilità dello stomaco e dei segmenti iniziali dell'intestino tenue, quindi, come risultato, si verifica reflusso duodenogastrico;
  • con lesioni organiche del tratto gastrointestinale, il reflusso appare prima, e già provoca una violazione dell'attività motoria del tubo digerente.

Una tale sfumatura è un aiuto nella diagnosi.

Se l'attività motoria del segmento "stomaco-12-duodeno" è disordinata (e nei casi avanzati è completamente caotica), allora questo porta già a una violazione del movimento dei contenuti gastrici nel 12-duodeno. Il "blocco" del bolo alimentare nello stomaco, a sua volta, porta a:

  • ulteriore aumento della gastrostasi (ristagno del cibo nello stomaco);
  • il verificarsi di duodenostasi (ristagno del nodulo di cibo nel duodeno 12);
  • anti-peristaltica (riduzione a forma d'onda del tratto gastrointestinale nella direzione dal duodeno allo stomaco, sebbene normalmente si osservi una contrazione inversa);
  • l'aumento della scarica del contenuto del duodeno 12 nello stomaco.

Il reflusso duodenogastrico si osserva principalmente con le seguenti combinazioni di disturbi del tratto gastrointestinale:

  • normale tono gastrico, spasmo dello stomaco pilorico e congestione nel duodeno;
  • diminuzione del tono dello stomaco, del piloro a bocca aperta e aumento della pressione nel duodeno.

Precedentemente, c'era una teoria popolare che il lancio di contenuti intestinali dal duodeno nello stomaco è una sorta di reazione protettiva del corpo per:

  • aumentare l'acidità del succo gastrico;
  • lesione infiammatoria della mucosa gastrica.

I sostenitori della teoria sostenevano che, una volta nello stomaco, i contenuti alcalini duodenali neutralizzano il contenuto acido dello stomaco, a causa del quale la sua mucosa non viene consumata.

Infatti, gli acidi biliari, che fanno parte del contenuto duodenale, al contrario, possono aumentare l'acidità dei contenuti gastrici, che porta alla sua ulcerazione.

Sintomi di reflusso duodenogastrico

I sintomi più indicativi che si sviluppano durante il reflusso duodenogastrico sono:

  • dolore addominale;
  • sintomi dispeptici;
  • flatulenza (gonfiore dovuto all'eccesso di gas nell'intestino).

Caratteristiche del dolore nel reflusso duodenogastrico:

  • osservato nell'addome superiore;
  • versato, non avere una chiara localizzazione
  • per natura - spastico (crampi sotto forma di attacchi);
  • forza - media o alta intensità;
  • compaiono 30-40 minuti dopo un pasto, a volte prima (a seconda della velocità di ingresso del cibo dallo stomaco nel duodeno).

I fenomeni dispeptici che si verificano con questa malattia sono:

  • bruciore di stomaco (osservato con qualsiasi valore di acidità gastrica);
  • rigurgito (versione mini di vomito) con cibo e contenuto acido;
  • eruttare aria e contenuti acidi;
  • con la progressione dello stato - vomito con una mescolanza di contenuto di bile;
  • amarezza in bocca.

complicazioni

Conseguenze negative più pronunciate possono provocare complicazioni del reflusso duodenogastrico - prima di tutto queste sono:

  • malattia da reflusso gastroesofageo - gettando nell'esofago non solo il contenuto acido dello stomaco, ma anche l'ulcera duodenale alcalina 12, che viene attivamente gettata nello stomaco;
  • l'adenocarcinoma è una delle neoplasie più maligne dell'esofago, che si sviluppa dalle sue cellule ghiandolari. Il meccanismo del tumore è il seguente. Il contenuto del duodeno, entrando nello stomaco, aumenta la pressione in esso. Per questo motivo, il contenuto dello stomaco si riversa nell'esofago, causando cambiamenti nella sua membrana mucosa, con conseguente metaplasia - la crescita della membrana mucosa e la degenerazione delle sue cellule, che alla fine si sviluppa in adenocarcinoma;
  • gastrite tossico-chimica C - infiammazione costante della mucosa gastrica dovuta all'esposizione cronica alla bile e al succo pancreatico, che sono componenti del contenuto del duodeno. Il più delle volte si verifica con un trattamento improprio del reflusso duodenogastrico.

diagnostica

I segni descritti di reflusso duodenale non sono specifici - possono anche verificarsi in altre malattie gastrointestinali, che possono causare confusione nella diagnosi. Pertanto, per chiarire la diagnosi sono necessari ulteriori metodi di ricerca:

  • esame fisico-visivo del paziente, percussione (bussare), palpazione (sondaggio) e auscultazione (ascolto) dell'addome;
  • utensili;
  • laboratorio.

Spesso, il reflusso duodenogastrico viene diagnosticato per caso:

  • durante un esame completo, che il medico ha prescritto per altre patologie sospette del tratto gastrointestinale;
  • con esami preventivi annuali.

I dati dell'ispezione visiva di un tale paziente sono decisamente insufficienti - anche con il processo più violento di lancio di contenuti duodenali nello stomaco, questo non si manifesterà durante l'esame di un paziente. L'unico segno che si verifica quando osservato nel 95-97% dei casi è un pronunciato rivestimento bianco-giallo sulla lingua in assenza di giallo della sclera e delle mucose visibili.

Dati sulla palpazione addominale:

  • dolore ai piani superiori dell'addome;
  • a volte - la sensibilità della pelle, che è determinata dalla palpazione superficiale della parete addominale anteriore.

Questi auscultazione addominale:

  • al momento della fusione del contenuto duodenale, è possibile sentire un aumento del rumore peristaltico e il ronzio nell'intestino.

I metodi strumentali di ricerca che si sono maggiormente dimostrati nella diagnosi di reflusso gastrico sono:

  • pH-metrica intragastrico: misurazione dell'acidità del succo gastrico;
  • electrogastrography;
  • manometria antroduodenale.

Il metodo più informativo per confermare il reflusso duodenogastrico è la pH-metria intragastrica 24 ore. Durante questo processo, vengono registrate anche le più piccole fluttuazioni del pH dell'ambiente intragastrico, che non sono associate all'assunzione di cibo. Risultati più accurati dello studio si ottengono durante la notte, poiché il paziente non mangia cibo in grado di regolare il pH dello stomaco.

Durante l'elettrogastrografia, i potenziali elettrici della parete gastrica sono registrati graficamente, che valutano indirettamente l'attività motoria dell'organo.

Durante la manometria antroduodenale, la pressione intragastrica viene misurata nel tempo.

L'analisi dei dati di pH-metria, elettrogastrografia e manometria consente di valutare i cambiamenti nella motilità dello stomaco - vale a dire:

  • coordinamento motorio alterato di questo organo;
  • turni intragastrici.

Come metodi ausiliari strumentali nella diagnosi del metodo duodenogastrico si usano:

Aiuteranno a condurre una diagnosi differenziale del reflusso duodenogastrico con altre malattie del tratto gastrointestinale.

Il metodo di ricerca di laboratorio più informativo per il sospetto reflusso gastroduodenale è l'analisi del succo gastrico - la presenza di enzimi pancreatici digestivi o di bile indica lo sviluppo del reflusso.

Diagnostica differenziale

Prima di diagnosticare il reflusso duodenogastrico, devono essere escluse le seguenti patologie, che sono simili nei sintomi:

  • gastrite acuta con acidità o esacerbazione della sua forma cronica;
  • forme erosive di gastrite;
  • ulcera allo stomaco;
  • acuta o esacerbazione della duodenite cronica (infiammazione) del duodeno 12;
  • ulcera duodenale;
  • colecistite acuta;
  • malattia da calcoli biliari;
  • colangite acuta (infiammazione dei dotti biliari);
  • acuta o esacerbazione di pancreatite cronica.

Trattamento del reflusso duodenogastrico

Nella maggior parte dei casi, i pazienti con reflusso duodenogastrico sono trattati in regime ambulatoriale. Il ricovero in ospedale viene eseguito:

  • ai fini di un esame più dettagliato;
  • con dolore marcato e vomito;
  • con lo sviluppo di complicazioni di questa patologia.

Il trattamento della malattia può essere:

Le basi della terapia conservativa sono:

  • normalizzazione della dieta e della dieta;
  • normalizzazione dell'attività fisica;
  • nell'obesità - la normalizzazione del peso corporeo con l'aiuto di attività fisica e diete, selezionate esclusivamente da un medico specialista;
  • rifiuto del caffè;
  • smettere di fumare e bere alcolici (anche con una bassa gradazione alcolica);
  • terapia farmacologica;
  • trattamento di fisioterapia - ricevimento di acque minerali alcaline, massaggio dell'addome.

Le basi della nutrizione (dieta) per il reflusso duodenogastrico sono le seguenti:

  • assunzione di vitamine naturali;
  • inclusione nella dieta di alimenti con maggiore contenuto di fibre;
  • La razione dovrebbe essere basata su carni magre (tacchino, coniglio, manzo), cereali, kefir, ryazhenka, yogurt, verdure, frutta e bacche;
  • È necessario escludere cibi acidi e piccanti e cibi fritti che possono stimolare l'aumento della secrezione di stomaco, cistifellea e pancreas (carne, sottaceti in salamoia, succo di pomodoro, aglio, pomodori - sia freschi che salati), nonché cibi malsani - hamburger, patatine fritte e così via;
  • nel periodo di esacerbazione, sono raccomandati pasti frazionati frequenti (fino a 5-6 pasti al giorno);
  • dopo i pasti, si raccomanda una posizione verticale del corpo per 1 ora.

Come una terapia farmacologica prescritta:

  • farmaci che normalizzano l'attività motoria dello stomaco e del duodeno;
  • la cosiddetta procinetica selettiva - farmaci che migliorano il processo di svuotamento dello stomaco dal suo contenuto e impediscono di gettare cibo parzialmente digerito dal duodeno 12 nello stomaco;
  • inibitori dell'attività degli acidi biliari (farmaci con effetto schiacciante);
  • bloccanti per pompa protonica;
  • gli antiacidi sono farmaci che normalizzano l'acidità aumentata dei contenuti gastrici.

Il paziente deve vietare severamente l'assunzione incontrollata di farmaci in generale, i FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) e i farmaci coleretici in particolare - possono aggravare il corso del reflusso duodeonogastrico.

Se, a causa dello spacco del piloro, le misure conservative non danno un risultato stabile, o la malattia progredisce, un numero di medici consiglia l'intervento chirurgico. Ma è tecnicamente difficile eseguire una plastica di alta qualità del piloro, e l'imposizione di una anastomosi (anastomosi) tra il corpo dello stomaco e l'intestino tenue è poco pratica, poiché in questo caso è impossibile formare un'educazione che sarebbe simile in funzione del piloro.

prevenzione

L'evento più efficace che impedisce l'insorgenza di reflusso duodenogastrico è la regolazione della nutrizione. Grazie a lui, prevenire:

  • interruzioni nel lavoro del gatekeeper;
  • malattie del tratto gastrointestinale, che prima o poi possono portare all'emergenza del reflusso duodenogastrico.

Uno dei principi fondamentali di una nutrizione consolidata è la resistenza all'eccesso di cibo, che provoca piuttosto rapidamente un malfunzionamento dello stomaco e del duodeno. Inoltre, i metodi di prevenzione includono:

  • FGD conduttori tecnicamente competenti (in modo che non provochi la manifestazione spontanea del reflusso duodenogastrico);
  • assumere farmaci solo come prescritto e sotto controllo medico;
  • individuazione tempestiva e trattamento della patologia del tratto gastrointestinale. Inoltre, aiuta ad evitare interventi chirurgici sul tratto gastrointestinale, che possono causare reflusso duodenogastrico;
  • esercitare la fisioterapia, che aiuta a rafforzare il busto muscolare del corpo e gli addominali, in modo che gli organi del tratto gastrointestinale (in particolare, lo stomaco e il duodeno 12) siano nel posto loro assegnato dalla natura.

prospettiva

La previsione è schiacciante in modo favorevole. Lo sviluppo avverso del reflusso duodenogastrico si verifica a causa della sua negligenza e l'insorgenza di complicanze. Nei casi remoti gravi, si verificano gravi violazioni nella motilità del tratto gastrointestinale, che è irto di "perdita" dello stomaco e del duodeno dal normale atto di digestione. In tali casi, il paziente è costretto a nutrire per via parenterale (iniettando nutrienti attraverso il flusso sanguigno).

Kovtonyuk Oksana Vladimirovna, commentatore medico, chirurgo, consulente medico

4.672 visualizzazioni totali, 4 visualizzazioni oggi